Archivio | Gluten free – celiachia RSS feed for this section

Arrosto di noce di vitello con asparagi e zucchine

24 Mag

DSCF0819

Freddo di nuovo??!! Da non crederci! E’ proprio una stagione strana che però ci permette ancora di utilizzare il forno senza problemi di surriscaldamento della cucina! Per questo mi sono voluta cimentare con un bell’arrosto di noce di vitello e verdure di stagione: gli ultimi asparagi, quelli sottili che mi piacciono tanto e le prime zucchine vere, quelle non di serra.

Pochissimi grassi, solo un cucchiaio per un chilo di carne, come scelgo di fare sempre più spesso ultimamente, sale arometico e verdure che ne dite? Ci volete provare anche voi?? Da me è piaciuto molto.

Per 6-8 persone, tempo di preparazione 15 min. tempo di cottura 75 min.

  • 1-2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 kilo di noce di vitellone in un solo pezzo (se volete legatelo, ma anche no…)
  • 4 zucchine di media grandezza lavate e tagliate a rondelle
  • 1 mazzo di asparagi, solo le punte (i gambi li useremo per altro)
  • sale aromatico q.b.
  • pepe q.b.
  1. Versate l’olio nella padella che deve essere abbastanza larga. Lasciate scaldare qualche secondo e unite la carne.
  2. Rosolatela per bene da tutte le parti di modo che avvenga la famosa reazione di Maillard che fa chiudere i pori della carne e ne mantiene i succhi al suo interno.
  3. Salate e pepate.
  4. Aggiungete le zucchine, gli asparagi e qualche cucchiaio di acqua calda, salate la verdura.
  5. Coprite con coperchio e lasciate cuocere per 1 ora circa a fuoco molto basso.
  6. Tagliate la carne a fette e servite con la verdura di accompagnamento!
  7. Semplicissimo no??!!

ENGLISH VERSION:

It’s cold again?! I do not believe it! It such a strange season but still allows us to use the oven without overheating the kitchen! That’s why I have decided for a nice roasted veal with  season vegetables the last asparagus, the thin ones that I like so much, and raw zucchini, non-greenhouse.

Very little fat, only a tablespoon for two pounds of meat, as I choose to do more and more often lately, aromatic salt and pepper: what do you think? Try it!!


For 6-8 people, preparation time 15 min. cooking time 75 min.

  •      1-2 tablespoons of extra virgin olive oil
  •      1 kilo of beef in one piece (if you want to tie it, but it’s up to you …)
  •      4 medium-sized zucchini, washed and sliced
  •      1 bunch of asparagus, only the tips (the stems will bw used for something else)
  •      aromatic salt to taste
  •      pepper to taste

 

  1. Pour the oil into a quite wide  pan. Let it warm up a few seconds and add the meat.
  2. Brown it from all sides so that the well-known Maillard reaction occurs and  closes the pores of the meat and keeps the juices inside.
  3. Add salt and pepper.
  4. Add the zucchini, asparagus and a few tablespoons of hot water: add  salt to vegetables.
  5. Cover with lid and simmer for about 1 hour over low heat.
  6. Cut the meat into slices and serve with the vegetables!
  7. Very simple or not?!
Annunci

Ragù gustoso, ma incredibilmente leggero!

18 Mag

Unknown

ENGLISH VERSION AFTER THE ITALIAN ONE

 

Avevo nel surgelatore della carne trita di vitello, bella, magra, bianca ma un po’ tristerella!! Non avevo voglia di farne polpette semplicemente….perchè non mi ispiravano, cosa farne quindi? Azardarmi con un ragù che a casa mia piace così tanto? Ma il ragù di carni bianche è buono, secondo me, se sono miste, solo un po’ di vitello non mi convinceva affatto.

Ed ecco un’idea un po’ pazzerella, ma che ha funzionato alla grande: ho preso della coda di bue a pezzi, pronta per essere cucinata, e l’ho unita alla carne trita. Nessun soffritto, niente olio, niente grassi, solo carne e il naturale grasso della coda.

Ho coperto con pomodoro e cotto a lungo: pof, pof, pof….piano piano. Una meraviglia!

Per 6 persone: tempo di preparazione 5 min. tempo di cottura 3 ore.

  • 500 g di carne trita di vitello
  • 2-3 pezzi di  coda di bue puliti, pronti per essere cucinati
  • 750 g di passata di pomodoro buona
  • sale q.b.
  1. Fate rosolare per pochi secondi la carne di vitello nella padella antiaderente mescolando.
  2. Unite la coda e girate ancora per un po.
  3. Versate la passata di pomodoro, mescolate, salate leggermente e lasciate cuocee, coperto, per circa 3 ore piano piani, girando di tanto in tanto.
  4. Spegnete, togliete la coda e condite la pasta che volete!!

I had in the freezer some minced veal, nice, white but it looked a little “sad”! I did not want to make meatballs …. simply because it didn’t inspired me, what to do then? Try with a minced meat sauce, ragù in italian so appreciated in my house ? The sauce whit white meat as ingredient is good, in my opinion, only if it is made by mixed kinds of meat…..

And here’s a little mad idea , that worked out great: I took some oxtail pieces ready to be cooked and I mixed them with the ground meat. No sauce, no oil, no fat, only meat and the natural fat of the tail.

I covered with tomato and cooked for a long time: pof, pof, pof …. slowly. A wonder!

For 6 people: preparation time 5 min. cooking time 3 hours.

 

  •      500 g of minced veal
  •      2-3 pieces of oxtail cleaned, ready to be cooked
  •      750 g of tomato sauce
  •      salt to taste

 

  1.      Sauté for a few seconds the veal in the pan while stirring.
  2.      Add the tail and turn for a while.
  3.      Pour the tomato sauce, stir, salt lightly and let it cook, covered, for about 3 hours at very mild heat, stirring occasionally.
  4.      Switch off, remove the tail pieces and season the pasta you want!

Risotto barbabietola, arancia e semi di papavero.

25 Apr

images-1ENGLISH VERSION AFTER THE TALIAN.

Perchè questo silenzio, questa latitanza per più di un mese? I motivi sono stati molti: il polso rotto, per esempio, che doveva assolutamente avere la priorità sulla cucina e quindi mi ha obbligata a fermarmi e forse, per una volta, era ora che lo facessi….. Un progetto molto importante e ricco di sorprese che sta assorbendo la maggior parte del mio tempo libero, ma che presto, spero, sarà realtà! Ma anche un certo distacco che avevo bisogno di prendere, dopo tanto tempo, dalla mia creaturina, dal mio amatissimo blog. Chissà, forse inconsciamente avevo bisogno di capire se contasse qualcosa per tutti voi, se sarebbe sopravvissuto anche ad un periodo di silenzio da parte mia e devo dire che i risultati mi hanno emozionata: l’affluenza non è mai mancata, voi ci siete sempre stati!!

Grazie.

Questo risotto non ho fatto in tempo a fotografarlo….è finito in un battibaleno, fidatevi quindi e provatelo, è fresco, allegro, colorato, di effetto e anche sano: cosa volete di più??! Perfetto per una cena in famiglia, ma anche per stupire gli amici con poca fatica e tanta fantasia!

Per 4 persone tempo di preparazione 10 min. tempo di cottura 25 min.

  • una cipolla piccola, tritata finemente
  • un goccio di olio extravergine di oliva
  • 320 g di riso Carnaroli cottura 18 min.
  • 50 g di barbabietola cotta al forno (si compra già cotta) e tagliata a dadini
  • il succo e la buccia grattugiata di 2 arance biologiche
  • brodo vegetale caldissimo q.b.
  • sale q.b.
  • burro per mantecare q.b.
  • parmigiano grattugiato q.b..
  • una manciata di semi di papavero tostati
  1. Preparate un soffrittino con cipolla e olio e lasciate dorare per qualche minuto (attenzione a non bruciare la cipolla!!)
  2. Tostate il riso per un paio di minuti mescolando, in modo da chiudere bene i chicchi che non rilascerano la loro fragranza.
  3. Aggiungete la barbabietola, insaporite qualche secondo e poi bagnate con il succo di arancia e il brodo.
  4. Salate e lasciate asciugare il brodo di arancia mescolando, senza esagerare, di tanto in tanto.
  5. Mantecate con burro e poco parmigiano.
  6. Impiattate e spolverizzate con i semini: una meraviglia!!!

Why this silence  for more than a month? The reasons are many: my broken wrist, for example, that just had to have priority over the kitchen and then forced me to stop and maybe, for once, it was time that I did it ….. A very important project and full of surprises that is absorbing most of my free time, but soon, I hope, will be a reality! But also a certain detachment that I needed to take  from my little creature, from my beloved blog. I knew, maybe unconsciously, that I needed to figure out if this blog matters to all of you, if he would survive to a period of silence on my part and I have to say that the results have excited me: the turnout was never absent, you have always been there !

Thank you.

This risotto… I have not had time to photograph it …. ended up in a huff, but trust me and try it, it’s cool, cheerful, colorful, effective and also healthy, what more would you like?! Perfect for a family dinner, but also to impress your friends with little effort and a lot of creativity!

Serves 4:  preparation time 10 min. cooking time 25 min.

  •     a small onion, finely chopped
  •     a dash of extra virgin olive oil
  •     320 g Carnaroli rice (cooking 18 min.)
  •     50 g of beetroot cooked in the oven (you buy already cooked) and diced
  •     the juice and zest of 2 oranges organic
  •     hot vegetable broth q.b.
  •     salt q.b.
  •     butter to thicken q.b.
  •     q.b. grated Parmesan cheese.
  •     a handful of toasted poppy seeds

 

  1.     Sautè the onion whit olive oil and let it brown for a few minutes (carefully: do  not burn the onion!)
  2.     Toast the rice for a few minutes stirring, so as to close fine grains which will not release their fragrance.
  3.     Add the beets, season a few seconds and then pour the orange juice and broth.
  4.     Add salt and let to dry without exaggerating, stirring from time to time.
  5.     Stir in a little butter and parmesan cheese.
  6.     Serve and sprinkle with the sesame seeds, amazing!

 

Roast beef di scamone con funghi e purè di patate.

19 Feb

DSCF0798

Parliamo subito di numeri e di prezzi: il roastbeef costa dai 25 ai 35 euro al chilo, dipende dalla qualità, dal punto vendita etc…., lo scamone dai 18 ai 22, una bella differenza no? Lo scamone è spesso usato per i brasati, ma cotto come roastbeef è assolutamente spaziale: tenero, gustoso, magro e il nostro portafoglio ci guadagna! Vi trascrivo i nomi più utilizzati nelle varie regioni italiane per lo scamone: codata, culaccia, groppa, prezza, sottocodata, straculo.

Per 4 persone: tempo di preparazione 5 min.,  tempo di cottura 30-40 min.

  • un pezzo di scamone da un chilo circa
  • sale aromatico q.b.
  • olio extravrgine di oliva q.b.
  • 1 spicchio di aglio
  • 300 g di funghi porcini, anche surgelati
  • sale q.b.
  • prezzemolo tritato q.b.
  1. Prendete lo scamone: se riuscite fatevi tagliare dal macellaio la parte centrale, quella più regolare nella forma. Una volta a casa passatela nel composto di sale e aromi, se ne trovano di tanti tipi: scegliete quello che preferite.
  2. Accendete il forno a 180° e, quando avrà raggiunto la temperatura, infilatevi il vostro scamone precedentemente sistemato in una pirofila con un goccio d’olio.
  3. Dimenticatevelo, letteralmente dimenticatevelo, in forno per almeno 30 minuti. La cosa migliore sarebbe usare il termometro (non l’avete ancora comprato? Cosa aspettate..??!!) e raggiungere la temperatura al cuore di 55 gradi, se non avete il termometro potete fare così: bucate il centro dello scamone con un ago: se esce un liquido leggermente rosato è pronto.
  4. A questo punto lasciatelo riposare fuori dal forno per almeno 10 minuti perchè i succhi non escano al primo taglio, poi tagliate.
  5. Nel tempo in cui la carne è in forno fate un piccolo soffritto di aglio in camicia (con la buccia) e olio. Aggiungete i funghi e salate, trifolateli per una ventina di mimuti fino a quando non avranno perso la loro acqua: togliete l’aglio e spolverizzate con il prezzemolo.
  6. La ricetta del purè di patate la tralascio, è davvero semplice.
  7. Servite la carne a fette con funghi e patate: buon appetito!!!!
ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione