Archivio | Very sweet RSS feed for this section

Biscottini con buccia di mela: idea vincente!

16 Mar

biscotti

ENGLISH VERSION AT THE END

Oggi è stata una giornata magnifica. Fredda, ma con un bel sole che ci ha permeso di andare a fare una passeggiata sulle rive del fiume Trebbia in mezzo alla natura ed al silenzio. Che meraviglia, si stacca veramente da tutti i pensieri, belli e brutti, e ci si sente in pace col mondo!

Tornata a casa mi è venuta voglia di biscotti ed ho voluto provare a fare,  una ricetta proposta da Lisa Casali, però con diverse modifiche perchè non sono proprio capace di non metterci qualcosa di mio! Provateli anche voi, sono veloci da fare, diversi dal solito e utilizzano lo scarto della mela, se non siete abituati a mangiarla con la buccia! Inoltre, le bucce sono così buone che me le sarei mangiate tutte ancor prima di metterle sui biscotti e che profumino!!!

Per 4 persone circa, tempo di preparazione 30 min. tempo di cottura 15 min.

  • 100 g di fruttosio
  • 200g di burro morbido
  • 2 uova
  • 200g di farina 0
  • 1 limone
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • La buccia di 3 mele golden o renette
  • 100 g di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di acqua
  1. Mescolate in una ciotola il fruttosio, il burro, le uova, la farina, il succo  e la buccia grattugiata del limone.
  2. Aggiungete un pizzico di sale e il lievito in polvere.: quando il composto sarà omogeno mettetelo a cucchiaiate in una teglia da forno rivestita di carta forno.
  3. In un pentolino versate la buccia delle mele tagliata a strisce e poi pezzetti, lo zucchero di canna e l’acqua.
  4. Lasciate cuocere fino a quando le bucce iniziano a caramellare (circa 5-10 minuti), mescolando continuamente.
  5. Appena lo zucchero assume un colore leggermente ambrato spegnete il fuoco.
  6. Disponete un cucchiaino di bucce caramellate sopra ogni biscotto sulla teglia.
  7. Infornate a 180° -200° per 15 minuti e  sfornate!

Today was a great day! Cold, but with a bright sun that lets us go for a walk on the banks of the river Trebbia inside nature and silence. How wonderful, it really comes off from all thoughts, good and bad, and you feel in peace with the world!

Back home I felt like cooking biscuits and I wanted to try a recipe suggested by Lisa Casali, but with several changes…. Try them you too, they are quick to make, unusual . In addition, the skins are so good to me so that I would have eaten them all before putting  on the cookies and  what a goodsmell!

For about 4 people, preparation time 30 min. cooking time 15 min.

  •      100 g of fructose
  •      200g butter, softened
  •      2 eggs
  •      200g of flour 0
  •      1 lemon
  •      1 teaspoon of baking powder
  •      a pinch of salt
  •      The peel of three golden apples
  •      100 g of brown sugar
  •      2 tablespoons water
  1.  Mix in a bowl fructose, butter, eggs, flour, lemon juice and grated lemon peel.
  2.  Add a pinch of salt and baking powder.: when the mixture is done, with a  spoon iput it on a baking pan lined with  parchment paper forming many little rounds.
  3.  In a saucepan, pour the apple skins cut into strips and then into small pieces, brown sugar and water.
  4.  Let cook until the skins begin to caramelize (about 5-10 minutes), stirring constantly.
  5.  When the sugar takes on a slightly amber color turn off the heat.
  6.  Arrange a teaspoon of caramelized skins on each cookie on the baking sheet.
  7.  Bake at 180 ° -200 ° for 15 minutes and serve!

New York cheesecake, semplificata.

20 Feb

imagesNew York mi manca, e molto, quindi ogni tanto supplisco con qualche coccola che mi ricordi le mie scorribande nella grande mela. Quando sono lì, le mie due torte preferite sono la lemon tart e la cheesecake, ma quella tipica di NYC, quella che trovi in ogni posto, quella che ti aspetta per una tazza di tè o caffè, sempre uguale a se stessa, perchè la NYC cheesecake a NYC non è davvero una tradizione e un must.

Questo dolce è geniale nella sua semplicità: non ci sono  altri ingredienti  a parte crema di formaggio, panna, uova e zucchero.  La sua popolarità è esplosa nel 1900, quando ogni ristorante aveva la sua versione.  Nel 1929  Arnold Reuben, proprietario del ristorante Turf  tra la 49esima e la  Broadway, affermò che la sua famiglia aveva sviluppato la prima ricetta di crema di formaggio.  Secondo la leggenda, aveva assaggiato una torta di formaggio in una casa privata, e se ne era  innamorato.. Partendo dalla  ricetta  della padrona di casa, aveva poi sviluppato la sua e  cominciato a proporla nel suo ristorante: fu subito un boom in tutta la città!

Vi propongo la ricetta originale americana che ho leggermente modificato per renderla più facile: in pratica la crema acida (che potete comprare già pronta o farvi in casa), ho deciso di unirla al composto invece che spalmarla sopra, guadagnando così un passaggio e ottenendo un risultato sicuramente più omogeneo.

Dimenticavo: ho anche ridotto le dosi, la ricetta americana era per una mega torta, io ho pensato che una misura piccolina fosse meglio per la linea……..

Per 6 persone: Tempo di preparazione 10 min. Tempo di riposo 30 min. tempo di cottura 50 min.

  • 100 g di biscotti secchi (tipo oro Saiwa)
  • 45 g di burro fuso
  • 1 uovo
  • 1 tuorlo
  • 70 gr. di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • 380  gr. di philadelphia
  • 300  gr. di panna acida
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 350 gr. di frutti di bosco + quelli per la decorazione
  1. Preparate la base sminuzzando i biscotti e aggiungendo il burro fuso  amalgamando per bene.
  2. Stendere il composto in una tortiera (22 cm.) foderata con carta forno (solo il fondo)
  3. Pressate bene aiutandovi con il dorso di un cucchiaio e riponete la base in frigorifero per 30 minuti.
  4. Versate in una ciotola le uova, lo zucchero, la vanillina e il succo di limone, sbattendo il tutto.
  5. Unite, sempre sbattendo, anche il Philadelphia e la panna acida.
  6. Versate il composto sopra il fondo di biscotti e cuocete per 50\60 min.  a 180 °C in forno preriscaldato.
  7. Se volete, preparate una  salsa tagliando le fragole a pezzetti e cuocendole a fuoco basso assieme allo zucchero fino ad ammorbidirle.
  8. A fine cottura lasciate raffredare la torta, versatevi sopra la salsa di frutta e ponetela  in frigorifero per almeno 4 ore. Io però la preferisco plain.

Apple Pie senza burro, per Claudia.

13 Feb

DSCF0740

Questa ricetta è dedicata a Claudia.

Claudia è l’angelo custode che ha seguito la riabilitazione del mio polso, che per me non è solo un polso, ma la possibilità di cucinare e quindi di vivere meglio ed essere più felice……, lei è la persona che mi ha incoraggiata quando sono arrivata demoralizzata, spronata quando ero stanca…, sgridata quando facevo i capricci.

E’ stata il mio punto di riferimento per settimane e settimane, il mio appuntamento con i miei progressi, ma anche lo specchio per i miei piccoli fallimenti.

Lei è stata grande.

Per questo, io le dedico questo dolce di mele: semplice perchè lei non ama le inutili esagerazioni, solido, uno di quelli che riesce sempre, perchè lei è una seria che avrà tante soddisfazioni nella vita, morbido perchè sembra severa, ma quando sorride è di zucchero e, infine, tradizionale perchè Claudia non ha grilli per la testa, ma allo stesso tempo innovativo perchè è lei  la donna del futuro.

Per 6-8 persone. Preparazione 30 min. riposo 30 min., cottura 45 min.

Per la pasta:

  • 300 g di farina 00
  • mezzo cucchiaino di lievito
  • il succo e la buccia di un limone bio
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 100 g di zucchero di canna
  • 100 g di olio di semi di mais
  • zucchero a velo a piacere

Per il ripieno

  • 1 kg di mele sbucciate e tagliate a pezzi
  • 60 g di zucchero di cannaa
  • acqua qb.
  1. Setacciate la farina con il lievito e impastatela con la buccia grattugiata del limone, l’uovo e lo zucchero.
  2. Amalgamate, incorporate il succo di mezzo limone e poi l’olio di semi, impastando  fino ad ottenere un panetto morbido e omogeneo.
  3. Avvolgerlo nella pellicola, schiacciatelo  (impiegherà meno tempo per raffreddarsi) e fatelo riposare in frigo per 30 min. Nel frattempo preparate il ripieno.
  4. Mettete le mele in una casseruola con due dita d’acqua e lo zucchero,  lasciatele cuocere a fuoco basso fino a quando sono belle morbide, poi lasciatele intiepidire. Nel frattempo preriscaldate il forno a 180°.
  5. Riprendete l’impasto dal frigo, dividetelo in due parti, 2/3 e 1/3 del tutto.
  6. Prendete la parte di impasto più grande e stendetela sulla spianatoia infarinata in una sfoglia sottile un paio di mm al massimo.
  7. Trasferitela sul fondo di  una tortiera di 24 cm rivestita di un foglio di carta forno bagnato e strizzato.
  8. Versate il ripieno di mele livellandolo bene, ricavate una sfoglia dalla pasta rimanente e coprite con essa il ripieno di mele, sigillando i bordi.
  9. Infornate e cuocete per 45-50 minuti. Spolverizzate di zucchero a velo se volete e servitela tiepida.
  10. Se preferite la versione classica, potete sostituire l’olio con il burro a pezzetti.

Torta di pere e frutta secca senza uova, zucchero e latticini.

18 Gen

DSCF0606

Che bella giornata oggi a Milano! Il cielo è turchese e mi riconcilia con il mio polso rotto, il quale poverino progredisce nel suo processo di guarigione, ma len-tis-si-ma-men-te!!!!!!!!!! Rivoglio la mia mano sinistra indietro, il mio braccio sinistro indietro, sono stanca di strappare la carta della bustina del te con i denti!!!!

E va bè, pazienza. Mi mancano i piccoli gesti quotidiani come riavvitare il tappo del dentifricio con una mano, mentre lo tengo con l’altra, oppure tirarmi su la manica del golf perchè sento caldo……ma perchè non ci hanno fatto 3 mani?!!

Oggi ho provato a fare una torta che da tempo avevo in mente di provare: prima cosa niente zucchero, ma malto di mais. Sto cercando di utilizzare meno zucchero, anzi di eliminarlo proprio….lo sapete che indebolisce le ossa…?? Questa torta, poi, non utilizza nemmeno uova, niente latticini, no al lievito chimico.

In compenso è ricchissima di frutta, fresca, candita e secca, il risultato è davvero sorprendente e lo si intuisce già dal profumino che si sprigiona dal forno! Che ne dite: cominciamo a volerci più bene e mangiare un po’ meglio??? E dai!!!

Per 8 persone: tempo di preparazione 10 min. tempo di lievitazione 60 min. tempo di cottura 20 min.

  • 50 ml di acqua tiepida
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 200 g di pere (o mele se preferite), pelate e tagliate a pezzi
  • 60 g di noci macadamia (o altre noci, o mandorle come volete) a pazzi
  • 2-3 gocce di estratto di vaniglia buono
  • 30 g di canditi a pezzetti, o uvetta sultanina ammollata e strizzata
  • 1 pizzico di sale
  • la scorza grattugiata di un limone bio
  • 60 g di olio di macadamia o di mais
  • 140 g di malto di mais
  • 140 g di farina 0
  • 140 g di farina manitoba
  1. Sciogliete il lievito di birra nell’acqua fino a quando fa una lieve schiumetta e tenete da parte.
  2. Mescolate le pere alle noci e unite vaniglia, canditi, sale e buccia di limone.
  3. Aggiungete olio e malto e mescolate per amalgamare bene gli ingredienti.
  4. A questo punto unite le farine, mescolate per bene, coprite con un panno o con la pellicola e lasciate riposare per 30 min.
  5. Versate il composto in una tortiera oliata, copritela e lasciate lievitare ancora 30 min. fino a quando il composto sarà raddoppiato.
  6. Infornate in forno caldo a 180° per 20 min. circa.
  7. Mmmmmmhhhh ho ancora tutta la casa pervasa dal profumino!!!!
culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione