Tag Archives: vino bianco

Arrosto di vitello nappato al finocchio riciclato.

29 Dic

DSCF0464

Che dite? Ricominciamo con il riciclo? Per esempio prendete i finocchi: quanto scarto abbiamo? Un sacco e l’abbiamo sempre dato per normale!! Ma noi, quello scarto, lo paghiamo eccome!!! Non sarebbe ora quindi di trovare il modo di utilizzarlo? Mica è cattivo! E’ solo bruttino, un poco rovinato, come la parte più esterna, o duro come il gambo.

Allora provate questa ricettina e vi riempirà di orgoglio. E’ bello, in tempi come questi, essere capaci di non sprecare, ingegnarsi per non buttare come insegna Lisa Casali: il mondo ha assolutamente bisogno di una coscienza diversa, dobbiamo imparare a utilizzare e non buttare, provare a sperimentare e non buttare, far riparare e non buttare………….DSCF0321

La ricetta è per 6 persone, e da oggi troverete sempre anche: tempo di preparazione e tempo di cottura perchè Margherita, a cui voglio un mondo di bene, mi ha fatto notare, con garbo, che sarebbero stati utlili e graditi.

Tempo di preparazione: 30 min. Tempo di cottura: 60 min.

  • cipolla tritata sottile sottile q.b.
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • le foglie esterne di 4 finocchi e i loro gambi, qualche barbetta per guarnire
  • un pezzo di fesa di vitello di circa un kilo
  • sale alle erbe aromatiche q.b.
  • 1 bicchiere di vino bianco secco, buono
  • acqua calda o brodo vegetale q.b.
  • ricotta fresca 250 g
  • latte q.b.
  • sale e pepe q.b.
  • paprika dolce q.b.
  1. In una padella che possa contenere la carne abbastanza di misura, scaldate l’olio e soffriggete la cipolla piano piano.
  2. Aggiungete le foglie e i gambi di sedano tagliati grossolanamente e un poco di verde tritato: mescolate per insaporirli.
  3. Rotolate la carne nel sale aromatico e unitela alla verdura:  alzate leggermente il fuoco per poterla rosolare velocemente da tutte le parti: non abbandonatela in questo momento o tutto brucerà!
  4. Sfumate con il vino, aggiungete dell’acqua calda (o brodo) se necessario, di modo che l’arrosto sia immerso per metà ne liquido, coprite e lasciate cuocere a fuoco lento lento.
  5. L’arrosto sarà pronto quando al cuore la temperatura sarà di 72°. Vi consiglio di comprare un termometro per carni, è utilissimo e non costa molto, se proprio non lo avete, cuocete per circa 1 ora o fino a quando, forandolo con una forchetta o uno spillone, non uscirà liquido trasparente e non rosso; aggiungete brodo caldo se tenderà ad attaccare.
  6. Togliete la carne dalla pentola e tenetela in caldo.
  7. Frullate tutto il fondo con la ricotta aggiungendo il latte se la salsa risulterà troppo densa, salate e pepate.
  8. Tagliate la carne a fette, nappatela con il sugo, spolverizzate con la paprika e servite!!
Annunci

Scaloppine alle castagne e vino bianco

6 Nov

Prima di tutto il mio blog oggi ha avuto ben 140 contatti e questo mi riempie di orgoglio!!!! Sono felice grazie a tutti!

Secondo: vi piace la foto??! Non trovate che sia migliore, e di molto, rispetto alle altre pubblicate? Ebbene si: sto facendo un corso di fotografia perchè in troppi mi avete detto che le foto lasciano moooltooo a desiderare….e avete ragione. La cucina è la mia passione, la fotografia, ahimè, no, ma sto cercando di migliorare…ho comprato anche la macchina fotografica nuova!!!!

Questa sera ho cucinato veloce: delle scaloppine di vitello al vino bianco con una granella di castagne: preparate però in modo diverso dal solito, vi spiego subito come. Innanzitutto non le ho infarinate, ma le ho cotte così, direttamente in padella con un poco di burro perchè qui, a Milano, la scaloppina è al burro…..ma se voi volete usare l’olio fate pure.

Le ho ben rosolate, poi le ho tolte e tenute in caldo.

Questa la ricetta per 4 persone:

  • 4 fette di vitello grandi oppure 8 fettine piccole di fesa di vitello, tagliate sottili
  • due noci di burro
  • sale q.b.
  • 1 cucchiaino di farina setacciata
  • 1 bicchiere di vino bianco buono
  • una decina di castagne bollite e pelate (si trovano anche già pronte al supermercato)
  • prezzemolo tritato q.b.
  1. Rosolate per bene le fettine di carne in padella a fuoco vivace con una noce di burro: state lì, con le vostre scaloppine o bruceranno, sono sottili cuociono in fretta e rosolano in pochi minuti!
  2. Toglietele e tenetele in caldo.
  3. Eliminate tutto il grasso di cottura dala pentola e spolverizzatene il fondo con la farina che farete tostare pochi minuti.
  4. A questo punto versate il vino bianco e fate evaporare l’alcool a fuoco vivo per un paio di minuti.
  5. Aggiungete un poco di acqua calda se necessario per avere più salsina alla fine.
  6. Quando il sugo vi sembrerà abbastanza ridotto (e un pochino cremoso ma non troppo), spegnete il fuoco.
  7. Aggiungete in padella la seconda noce di burro che dovrà essere freddissima e con una frusta, o una forchetta, mescolate sbattendo per 3-4 minuti per montare la salsa che diventerà ancora più cremosa.
  8. Aggiungete le castagne tritate, fatele saltare uno o due minuti, versate il tutto sulle scaloppine e servite!!
  9. Buonissime!

Il salmone al forno con mandorle tritate: light light light.

24 Giu

Lo so, fa caldo e non si ha voglia di cucinare, accendere il forno poi!!!???

Assolutamente da scartare? In teoria sì, in pratica 15 minuti di forno sono proprio pochi per regalarci un piatto sano, gustoso e light!

Il pesce, quando è buono, della migliore qualità, non ha bisogno di essere troppo “pasticciato” in cottura, per non perdere il suo aroma e il suo gusto.

Semplice e veloce: la ricetta migliore per (quasi) tutti i tipi di pesce! Provatelo!

Per 4 persone:

  • 4 o 6 tranci si salmone spinati e senza pelle (attenzione, il tipo a ferro di cavallo ha le spine attaccate all’osso centrale: si devono togliere con la pinzetta!!!)
  • olio extravergine dio oliva q.b.
  • sale q.b.
  • timo fresco tritato q.b.
  • mezzo bicchiere di vino bianco molto buono
  • 40 g di mandorle pelate tritate finemente
  1. Sistemate i tranci si salmone su una placca da forno rivestita di alluminio
  2. Irrorate con l’olio e salate.
  3. Spolverizzate abbondantemente con il timo fresco tritato e con le mandorle.
  4. Cuocete in forno caldo a 220 ° C per 5 minuti.
  5. Bagnate c0n il vino bianco e continuate la cottura per altri 10 minuti.
  6. Sfornate e gustate subito!!!
  7. Buon Appetito!!

Salmone al cartoccio per una dieta gustosa

25 Feb

Il salmone è uno dei pesci che preferisco, è gustoso e si presta a moltissime preparazioni. Questa in particolare porta via pochissimo tempo, ma dà risultati veramente eccellenti! Provatela anche se siete a dieta, se metterete poco olio avrete anche pochissime calorie…..che volete di più??!!

Per 4 persone:

  • 6 tranci di salmone, del tipo a ferro di cavallo con l’osso centrale.
  • sale aromatico q.b.
  • un filo di olio di oliva
  • un bicchiere di vino bianco buono
  • prezzemolo tritato q.b.
  1. Pulite il salmone toglirndo la pelle, l’osso centrale ed eventuali spine rimaste nel trancio.
  2. Prendete una pirofila piccola, a misura, e rivestitene la base con della carta d’argento che sbordi su tutti i lati.
  3. Ungete il fondo della carta con poco olio e sistematevi sopra il pesce.
  4. Salate con il sale aromatico alle erbe,  bagnate con il vino bianco e spolverizzate con il trito di prezzemolo.
  5. Chiudete il cartoccio facendo attenzione che sia ben chiuso.
  6. Mettete in forno caldo a 200° per 20 min.
  7. Aprite il cartoccio e gustatevi questa meraviglia di salmone!
ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: