Archivio | marzo, 2013

Biscottini con buccia di mela: idea vincente!

16 Mar

biscotti

ENGLISH VERSION AT THE END

Oggi è stata una giornata magnifica. Fredda, ma con un bel sole che ci ha permeso di andare a fare una passeggiata sulle rive del fiume Trebbia in mezzo alla natura ed al silenzio. Che meraviglia, si stacca veramente da tutti i pensieri, belli e brutti, e ci si sente in pace col mondo!

Tornata a casa mi è venuta voglia di biscotti ed ho voluto provare a fare,  una ricetta proposta da Lisa Casali, però con diverse modifiche perchè non sono proprio capace di non metterci qualcosa di mio! Provateli anche voi, sono veloci da fare, diversi dal solito e utilizzano lo scarto della mela, se non siete abituati a mangiarla con la buccia! Inoltre, le bucce sono così buone che me le sarei mangiate tutte ancor prima di metterle sui biscotti e che profumino!!!

Per 4 persone circa, tempo di preparazione 30 min. tempo di cottura 15 min.

  • 100 g di fruttosio
  • 200g di burro morbido
  • 2 uova
  • 200g di farina 0
  • 1 limone
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • La buccia di 3 mele golden o renette
  • 100 g di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di acqua
  1. Mescolate in una ciotola il fruttosio, il burro, le uova, la farina, il succo  e la buccia grattugiata del limone.
  2. Aggiungete un pizzico di sale e il lievito in polvere.: quando il composto sarà omogeno mettetelo a cucchiaiate in una teglia da forno rivestita di carta forno.
  3. In un pentolino versate la buccia delle mele tagliata a strisce e poi pezzetti, lo zucchero di canna e l’acqua.
  4. Lasciate cuocere fino a quando le bucce iniziano a caramellare (circa 5-10 minuti), mescolando continuamente.
  5. Appena lo zucchero assume un colore leggermente ambrato spegnete il fuoco.
  6. Disponete un cucchiaino di bucce caramellate sopra ogni biscotto sulla teglia.
  7. Infornate a 180° -200° per 15 minuti e  sfornate!

Today was a great day! Cold, but with a bright sun that lets us go for a walk on the banks of the river Trebbia inside nature and silence. How wonderful, it really comes off from all thoughts, good and bad, and you feel in peace with the world!

Back home I felt like cooking biscuits and I wanted to try a recipe suggested by Lisa Casali, but with several changes…. Try them you too, they are quick to make, unusual . In addition, the skins are so good to me so that I would have eaten them all before putting  on the cookies and  what a goodsmell!

For about 4 people, preparation time 30 min. cooking time 15 min.

  •      100 g of fructose
  •      200g butter, softened
  •      2 eggs
  •      200g of flour 0
  •      1 lemon
  •      1 teaspoon of baking powder
  •      a pinch of salt
  •      The peel of three golden apples
  •      100 g of brown sugar
  •      2 tablespoons water
  1.  Mix in a bowl fructose, butter, eggs, flour, lemon juice and grated lemon peel.
  2.  Add a pinch of salt and baking powder.: when the mixture is done, with a  spoon iput it on a baking pan lined with  parchment paper forming many little rounds.
  3.  In a saucepan, pour the apple skins cut into strips and then into small pieces, brown sugar and water.
  4.  Let cook until the skins begin to caramelize (about 5-10 minutes), stirring constantly.
  5.  When the sugar takes on a slightly amber color turn off the heat.
  6.  Arrange a teaspoon of caramelized skins on each cookie on the baking sheet.
  7.  Bake at 180 ° -200 ° for 15 minutes and serve!
Annunci

Stracotto di girello di spalla con salsa di carciofi (scarti)

11 Mar

ENGLISH VERSION : STEWED CHUCK BEEF WITH ARTICHOKES WASTES.

Unknown-1Accidenti ma come passa il tempo? Non mi sono proprio accorta di avere trascurato il blog per così lungo tempo! Scusatemi, ho cucinato molto, lavorato molto e postato poco….ma mi farò perdonare!

Procediamo con la lotta agli sprechi. Per esempio: perchè utilizzare scamone o noce per uno stracotto? Perchè, insomma, usare sempre il quarto inferiore e non quello superiore, molto meno caro? Le cotture lunghe, in particolar modo, si prestano moltissimo all’utilizzo dei quarti anteriori, molto più gustosi!! Inoltre, se  vi avanzano parti di scarto dei carciofi (lo sapete che se ne scarta circa il 60%?) Provate ad aggiungere il 60% al prezzo dei vostri carciofi per capire quanto veramente vi sono costati…! Molto vero?  Bene: se invece lo usate tutto, il carciofo, rimarrete stupiti dal risultato!

Prendete quindi foglie esterne dure e gambi legnosi tagliati a pezzetti, cuoceteli in pentola a pressione per 30 min.con due dita di acqua salata, poi scolate e frullate. Otterrete una crema molto impura, piena di filamenti e scorie, passatela al setaccio (io uso uno di quei colini a maglia molto fitta), aggiungete un poco di ricotta o panna a basso contenuto di grassi e…voilà, un secondo perfetto.

Per 6 persone: tempo di preparazione 60 min. tempo di cottura 3 ore.

  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 1 cipolla piccola sbucciata e tagliata sottilmente
  • 1000 g di spalla di vitellone
  • brodo di verdura o acqua e dado q.b.
  • sale q.b.
  • gli scarti di 4-5 carciofi cotti in pentola a pressione
  • 200 g di ricotta fresca o panna
  1. Fate rosolare la cipolla a fuoco lento aggiungendo un poco di acqua calda se necessario, tenete da parte.
  2. Nella stessa pentola, senza averla lavata, rosolatevi la carne su tutti i lati a fuoco vivo.
  3. Abbassate il fuoco, versate il brodo fino a coprire la carna per metà, salate, coprite con un coperchio e lasciate cuocere a fuoco molto dolce per 3 ore rigirando di tanto in tanto.
  4. Nel frattempo, frullate la verdura, salate e passate al setaccio.
  5. Unite il formaggio o la panna e frullate.
  6. Quando la carne sarà pronta, tagliatela a fette e servitela con la salsa.
  7. Buon appetito!!

My goodness the time goes on so quickly!!! I’ve just noticed that you have forgotten the blog for so long! Forgive me, I cooked a lot, worked hard and posted little …. but I’ll make it up!

Let’s go on with the fight against waste. For example: why use expensive meat  for a stew? Why always use the lower quarter and not the upper one, much less expensive? The long cooking, in particular, is perfect to the use of the forequarters much, much tastier! Also, if you have scrap parts of the artichokes left (idoyou know that discards are about 60%?) let’s add 60% to the price of your artichokes to see how much you really have payd them …! Very amazing? Well, but if you use it all, the artichoke, you will be amazed about the results!

Now take tough outer leaves and woody stems cut into small pieces, cook in pressure cooker for 30 min. in some salted water, then drain and blend. You will get a cream very impure, full of filaments and waste, let’s pass it through a sieve (I use one of those strainers in dense grid), add a little cream cheese or low-fat cream… voila, a perfect dish!

For 6 people: preparation time 60 min. cooking time 3 hours.

  • extra virgin olive oil to taste
  • 1 small onion, peeled and thinly sliced
  • 1000 g shoulder of beef (one piece)
  • vegetable stock to taste
  • salt to taate
  • waste of 4-5 artichokes cooked in a pressure cooker
  • 200 g fresh ricotta or cream
  1. Sauté the onion over low heat, adding a little hot water if necessary, set aside.
  2. In the same pan without washing it, brown the meat on all sides over high heat.
  3. Reduce the heat, pour in the stock to cover half the meat, salt, cover with a lid and cook over very gently for 3 hours stirring occasionally.
  4. Meanwhile, blend the vegetables, salt and sieve.
  5. Add the cheese or cream and blend.
  6. When the meat is ready, cut it into slices and serve with the sauce.
  7. Enjoy your meal!
culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione