Archivio | All in one RSS feed for this section

Polpette di carne e verdure avanzate: buonissime.

12 Feb

DSCF0765

Continua la mia crociata contro gli sprechi.

L’altroieri ho cucinato uno splendido carrè di vitella, semplicissimamente al forno con erbe aromatiche raccolte quest’estate nel mio orto e fatte seccare,  un poco di vino rosso…buonissimo. L’abbiamo consumato quasi tutto, ma qualcosina è rimasto, insieme ad un paio di bistecche di manzo che i ragazzi avevano comprato nel week end, cotto e avanzato……..che faccio: riscaldo? Mmmhhhhh……Butto?  Nemmeno per sogno!! Faccio le polpette!

Già che c’ero, ho provato anche a metterci un poco del verde dei porri che avevo in casa: il risultato? Eccellente direi, una fusione di sapori molto soddisfacente, un utilizzo intelligente di parti di verdure che di solito non usiamo e un po’ di verdura che bilancia le proteine della carne. Giusto no??! L’unico consiglio: non eccedete con il verde del porro, ha un sapore deciso e potrebbe coprire quello della carne!

Per 6 persone, preparazione 20 min., cottura 20 min.

  • 300 g di carne cotta spezzettata
  • 50 g di mortadella tritata
  • 120 g di pane ammollato nel latte e molto ben strizzato
  • 1 uovo grande
  • 50 g di parmigiano o grana grattugiato
  • 2 cucchiaini pieni di zenzero in polvere
  • 3-4 coste di porro (le parti verdi) tritate
  • sale q.b.
  • pangrattato q.b.
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 400 g di passata di pomodoro
  • acqua calda q.b.
  1. Mescolate tra loro tutti gli ingredienti formando un composto omogeneo.
  2. Con questo, confezionate tante polpettine fino ad eaurimento del composto.
  3. Passatele nel pangrattato e rosolate nell’olio caldo.
  4. Aggiungete la passata di pomodoro e salate poco.
  5. Fate addensare per pochi minuti (gli ingredienti sono quasi tutti già cotti), 10-15 sono sufficienti.
  6. Servite con purè di patate, polenta….riso…..quello che volete!

 

Annunci

Polpettone con ripieno di verdura e mozzarella anche per celiaci

21 Gen

dscf03771-e1358787028413

Avete mai comprato uno di quei polpettoni di tacchino di una nota marca e poi l’avete cucinato? Vi siete accorti di quanto sia grasso? Si vede sia dal sugo, impregnato del grasso che rilascia la carne, sia quando si mette in frigorifero e si forma quella patina gialla…..ma insomma, dico io, ma la carne di tacchino non dovrebbe essere magra? Boh…..

E allora facciamocelo noi in casa il polpettone, è così facile, buono, scalda il cuore: il classico “comfort food”. E poi è comodissimo per riciclare quello che c’è in frigorifero, ma sta per scadere: della verdura cruda o cotta avanzata? Del formaggio ormai un po’ datato, ma ancora buono? Tenete in freezer, come faccio io, un pacchetto di carne trita (circa 400 g) di manzo o tacchino, o vitello come volete. Se poi avete un 150 g di salsiccia (sempre surgelata), ancora meglio, oppure, di nuovo, approfittatene per “fare fuori” quelle fette di affettato avanzate e tritatele.

Il risultato è garantito. Un buon piatto unico leggero e con pochi grassi preparato in meno di un’ora!!

Per correttezza, vi devo dire che la foto è mia, ma il polpettone no, il mio non ho potuto fotografarlo perchè se lo sono mangiato tutto in un battibaleno come cavallette……ma questo ci assomiglia abbastanza…grazie comunque a Barbara!

Per 6 persone, tempo di preparazione 15 min. tempo di cottura 45 min. circa.

  • 400 g di carne trita di manzo, o quello che volete voi
  • 150 g di salsiccia pelata
  • 2 uova
  • sale q.b.
  • erbe aromatiche miste tritate q.b.
  • prezzemolo fresco un piccolo mazzetto, tritato
  • 150 g di parmigiano grattugiato
  • 200 g di mozzarella per pizza a dadini o altro formaggio a piacere
  • 150 g di verdura cruda tritata (zucchine, carote, radicchio) oppure 250 g di verdura cotta (spinaci, erbette, carciofi…)
  • pangrattato q.b. (per celiaci se volete fare gluten free)
  • poco olio extravergine di oliva
  • 2 bicchieri di vino bianco buono
  1. Mettete in una zuppiera capiente la carne, la salsiccia, le uova, le erbe e il parmigiano: mischiate con cura e attenzione fino a quando avrete ottenuto un composto omogeneo.
  2. Stendete il composto su un foglio di carta forno spolverizzata di pangrattato e, aiutandovi con un altro foglio, appiattitelo con le mani per formare un rettangolo abbastanza largo.
  3. Spalmatevi al centro la verdura cruda tritata, o posizionatevi quella cotta ben distribuita. Lasciate i bordi liberi per almeno un cm e mezzo.
  4. Ricoprite la verdura con il formaggio e arrotolate il rettangolo formando un salsicciotto.
  5. Se faticate a far combaciare i lembi non preoccupatevi: il polpettone in questo momento è come il pongo: potete modellarlo facilmente, tagliando per esempio della carne dai bordi e utilizzandola per coprire le parti rimaste aperte, di modo che in cottura il ripieno non fuoriesca.
  6. Oliate il fondo di una pirofila con poco olio.
  7. Posizionatevi il polpetton, dopo averlo spolverizzato con altro pangrattato.
  8. Versatevi il vino bianco e cuocete in forno caldo a 180° per 45 min. circa.

Torta salata asparagi e prosciutto cotto: veloce, semplice e gustosa

24 Mag

Oggi a Milano non sembra essere primavera…..sembra davvero estate! Nel mio frigorifero ci sono asparagi, asparagi e asparagi cosa ne faccio? E così sono tornata all’idea della torta salata risolvi tutto, anche se vi invito a non riempire queste torte salate di tutto quello che avete avanzato in frigorifero: è importante che i sapori si completino, si sposino tra loro….e asparagi con prosciutto cotto mi è sembrato assolutamente perfetto!!

Per 4-5 persone:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia già pronto
  • 1 mazzo di asparagi puliti e cotti al vapore
  • 100 g di prosciutto cotto tritato
  • 250 g di ricotta
  • 3 uova
  • sale q..b
  1. Foderate una teglia da forno con la pasta sfoglia e tenete da parte.
  2. Tagliate a pezzetti piccoli gli asparagi e versateli nella teglia.
  3. Ricopriteli con il prosciutto tritato.
  4. In un contenitore a parte, mescolate la ricotta con le uova e versate il composto sulla verdura: salate se necessario.
  5. Infornate in forno caldo a 200° per 20-30 minuti circa.
  6. Servite subito o lasciate intiepidire: è buono anche a temperatura ambiente!

Lasagne asparagi e prosciutto cotto nascosto.

20 Apr

La maggior parte delle volte bastano pochi ingredienti per ottenere un buon piatto: è inutile “pasticciare” michiando di tutto un po’ perche spesso si ottengono risultati dove tutti i sapori sono mescolati e il gusto, va da sè, si è appiattito…….E’ molto meglio, quindi, utilizzare pochi ingredienti, di ottima qualità (non mi stancherò mai di dirlo: ingredienti scadenti danno vita ad un piatto scadente, anche al miglior cuoco….) e che se ne senta il sapore!!!!

Questi sono i motivi prncipali, per esempio, perchè non amo saltare in padella gli asparagi prima di utilizzarli per le mie lasagne: l’asparago è assolutamente meraviglioso e quello di stagione dura così poco….troppo poco……! E allora è importante goderne appieno il sapore, senza michiarlo ad un soffritto il quale, anche se ben fatto, ne modificherebbe comunque il sapore originario!!

Se vogliamo aggiungere un tocco in più….bene allora possiamo farlo nella besciamella, aromatizzandola con del prosciutto cotto per esempio, o con qualsiasi altro sapore vi piaccia e, naturalmente, si armonizzi con gli asparagi.

In questo modo si otterrà un piatto equilibrato, semplice, delicato, ma con quel tocco in più!

Per una teglia per 8 persone circa:

  • 2 mazzi di asparagi (un kilo circa) lavati e puliti (eliminate le parti più dure)
  • acqua q.b.
  • 1 litro di latte intero
  • 30-50 g di burro a seconda di quanto la volete fare ricca, più q.b. per imburrare la teglia
  • 70 g di farina 00
  • sale q.b.
  • noce moscata q.b. se vi piace, a me non piace e non la metto……..
  • 200 g di provola dolce tritata finemente col mixer
  • 150 g di prosciutto cotto tritato finemente con il mixer
  • sale q.b.
  • 1 confezione di lasagne fresche molto sottili già pronte per andare in teglia
  • parmigiano grattugiato q.b.
  1. Cuocete a vapore gli asparagi fino a quando saranno teneri, ma non sfatti e lasciateli raffreddare. Teneteli da parte.
  2. Preparate la besciamella mettete in un pentola il burro e fatelo sciogliere;  aggiungete a questo punto la farina setacciata  e cuoctee il tutto per qualche minuto, mescolando continuamente ed evitando di far prendere colore o far attaccare il composto: vale a dire non abbandonate quello che state facendo al suo destino, sono solo pochi minuti!!
  3. Ottenuto quello che i francesi chiamano  “il roux”, togliete il pentolino dal fuoco e aggiungete  il latte caldo  mescolando il tutto con un cucchiaio di legno.
  4. Rimettete  il pentolino sul fuoco e fate cuocere a fiamma bassa finchè la salsa comincerà a bollire.
  5. A questo punto aggiungete il sale e, se volete, la noce moscata .
  6. Coprite il pentolino con un coperchio e fate cuocere la besciamella, sempre a fuoco basso, per 15 minuti, il tempo necessario per far addensare la salsa, mescolando di tanto in tanto.
  7. A questo punto, quando la besciamella sarà bollente, aggiungete la provola ed il prosciutto cotto<: mescolate energicamente per far sciogliere gli ingredienti.
  8. Cominciate con la preparazione delle vostre lasagne: imburrate una teglia da forno e appoggiatevi sopra i fogli di pasta: coprite con uno strato sottile di besciamella.
  9. Cospargete di gambi di asparagi tagliati a rondelle sottili. Ricoprite con i fogli di pasta e via di seguito, fino ad esaurimento degli ingredienti: per ultime andranno posizionate le punte degli asparagi che verranno cosparse di parmigiano.
  10. Cuocete in forno a 200° (non ventilato) per 20-30 min. circa e servite!! Buon appetito!!
culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione