New York cheesecake, semplificata.

20 Feb

imagesNew York mi manca, e molto, quindi ogni tanto supplisco con qualche coccola che mi ricordi le mie scorribande nella grande mela. Quando sono lì, le mie due torte preferite sono la lemon tart e la cheesecake, ma quella tipica di NYC, quella che trovi in ogni posto, quella che ti aspetta per una tazza di tè o caffè, sempre uguale a se stessa, perchè la NYC cheesecake a NYC non è davvero una tradizione e un must.

Questo dolce è geniale nella sua semplicità: non ci sono  altri ingredienti  a parte crema di formaggio, panna, uova e zucchero.  La sua popolarità è esplosa nel 1900, quando ogni ristorante aveva la sua versione.  Nel 1929  Arnold Reuben, proprietario del ristorante Turf  tra la 49esima e la  Broadway, affermò che la sua famiglia aveva sviluppato la prima ricetta di crema di formaggio.  Secondo la leggenda, aveva assaggiato una torta di formaggio in una casa privata, e se ne era  innamorato.. Partendo dalla  ricetta  della padrona di casa, aveva poi sviluppato la sua e  cominciato a proporla nel suo ristorante: fu subito un boom in tutta la città!

Vi propongo la ricetta originale americana che ho leggermente modificato per renderla più facile: in pratica la crema acida (che potete comprare già pronta o farvi in casa), ho deciso di unirla al composto invece che spalmarla sopra, guadagnando così un passaggio e ottenendo un risultato sicuramente più omogeneo.

Dimenticavo: ho anche ridotto le dosi, la ricetta americana era per una mega torta, io ho pensato che una misura piccolina fosse meglio per la linea……..

Per 6 persone: Tempo di preparazione 10 min. Tempo di riposo 30 min. tempo di cottura 50 min.

  • 100 g di biscotti secchi (tipo oro Saiwa)
  • 45 g di burro fuso
  • 1 uovo
  • 1 tuorlo
  • 70 gr. di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • 380  gr. di philadelphia
  • 300  gr. di panna acida
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 350 gr. di frutti di bosco + quelli per la decorazione
  1. Preparate la base sminuzzando i biscotti e aggiungendo il burro fuso  amalgamando per bene.
  2. Stendere il composto in una tortiera (22 cm.) foderata con carta forno (solo il fondo)
  3. Pressate bene aiutandovi con il dorso di un cucchiaio e riponete la base in frigorifero per 30 minuti.
  4. Versate in una ciotola le uova, lo zucchero, la vanillina e il succo di limone, sbattendo il tutto.
  5. Unite, sempre sbattendo, anche il Philadelphia e la panna acida.
  6. Versate il composto sopra il fondo di biscotti e cuocete per 50\60 min.  a 180 °C in forno preriscaldato.
  7. Se volete, preparate una  salsa tagliando le fragole a pezzetti e cuocendole a fuoco basso assieme allo zucchero fino ad ammorbidirle.
  8. A fine cottura lasciate raffredare la torta, versatevi sopra la salsa di frutta e ponetela  in frigorifero per almeno 4 ore. Io però la preferisco plain.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione