Archive | settembre, 2012

Lasagnette zucca e funghi alla provola affumicata.

21 Set

Non ci posso credere è tornato il caldo…!

Io, sono sincera, preferisco il freddo, in cucina poi….! Oggi ho trascorso tutto il pomeriggio a cucinare verdure, torte salate, lasagne e patate al forno…….la cucina era davvero rovente!!

La mia “smania” di autunno (non me ne vogliate……ma ho proprio desiderio di autunno….), e la favolosa zucca mantovana che si trova già buona in questo periodo, mi hanno “ispirato” queste lasagne buonissime che condivido volentieri con voi.

L’affumicato della provola si sposa benissimo con la dolcezza della zucca e i funghi fanno la differenza.

Per 6-8 persone:

  • 1 confezione da 50 g. di funghi secchi
  • acqua q.b.
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 1/2 cipolla pelata e tritata fine fine
  • mezza zucca di quelle piccole, pulita e tagliata a pezzetti tutti uguali, bollita in acqua per pochi minuti.
  • sale q.b.
  • 1 litro di besciamella
  • 200 g. di provola affumicata a dadini
  • 1/2 confezione di pasta sottile per lasagne
  1. Mettete a bagno i funghi secchi nell’acqua fredda e tenete da parte.
  2. Nel frattempo, soffriggete in poco olio la cipolla e fate saltare la zucca (scolata), salate.
  3. Aggiungete i funghi ben scolati, fateli saltare insieme alla zucca per qualche minuto e tenete da parte.
  4. Preparate la besciamella come qui, aggiungete i dadini di formaggio e mescolate per scioglierli.
  5. Cominciate a montare le lasagne: imburrate una pirofila da forno.
  6. Versate un sottile strato di besciamella sul fondo.
  7. Coprite con i fogli di pasta.
  8. Guarnite con il mix di zucca e funghi.
  9. Ricoprite con la besciamella, poi di nuovo con la pasta, la verdura e di nuovo in successione fino ad esaurimento degli ingredienti.
  10. Terminate con un poco di besciamella .
  11. Infornate a 180¨per 20-30 minuti e servite.
  12. Buon appetito!!!!!!

Filetto intero di maiale in padella con piselli

12 Set

Buongiorno!

Sto panificando come una pazza perchè impastare mi  diverte davvero un sacco: ormai poolish, lievito madre e licoli hanno pochi segreti per me, ma di questo vi parlerò nei prossimi post, oggi voglio raccontarvi il mio filettino.

L’ho cotto in padella perchè non avevo voglia di accendere il forno e devo dire che è stato velocissimo ed è venuto proprio buono! Dietetico quanto basta e saporito: cosa volete di più?

Per 4 persone:

  • olio extravergine di oliva q.b.
  • una carota, una cipolla e un gambo di sedano puliti e tagliati a cubetti piccolissimi
  • acqua o brodo caldi q.b.
  • un intero filetto di maiale (sono piccolini)
  • un buon bicchiere di vino bianco
  • 700 g di piselli, anche scongelati se volete
  • sale q.b.
  1. Scaldate l’olio in una padella che possa contenere di misura il filetto e i piselli, aggiungetevi le verdure e soffriggete a fuoco basso.
  2. Non fate bruciare il vostro soffritto, mi raccomando, o dovrete buttare tutto, quando si starà asciugando troppo, aggiungete un paio di cucchiai di acqua calda o brodo vegetale se lo avete e terminate il soffritto.
  3. A questo punto aumentate la fiamma e  rosolate per bene il filetto, girandolo da tutte le parti, ma attenzione, aspettate che si stacchi da solo quando avrà formato la crosta, non toccatelo prima o rimarrà attaccato al fondo!
  4. E’ arrivato il momento di  bagnare con il vino bianco e il vostro filettino ve ne sarà grato ripagandovi con un bel rumore tipo shhhhhhhhhhhhhhh che vuol dire che era proprio il momento di aggiungere liquidi!
  5. Lasciate sfumare il vino qualche minuto e aggiungete i piselli: salate, coprite, abbassate la fiamma e lasciate cuocere una ventina di minuti se lo volete rosato all’interno come da foto, di più se vi piace la carne molto cotta, ma non cuocete troppo, sarebbe un peccato.
  6. Tagliate a fette, guarnite con i piselli e il vostro piatto è pronto!!!
  7. Buon appetito!!

Fesa di vitello con salsa verde capperi, olio e limone

1 Set

Che frrrreeeedddoooo!!!!!!!

Adoro questa temperatura! Finalmente il lenzuolino e il coprilettino! Tutti e due insieme!!! E poi in cucina mi sono scatenata! Ho fritto le melanzane dell’orto per la parmigiana, ho sbollentato in acqua e aceto la buccia di anguria (si, avete capito bene), ho fatto il pesto…….una meraviglia!!!

Avevo poi in frigorifero un bellissimo pezzo di magatello del mio mitico Amedeo (il macellaio di cui parlo spesso, il mio mitico macellaio di campagna che cresce e macella le sue bestie così sappiamo bene cosa hanno mangiato….e cosa di conseguenza mangeremo noi…..), uno di quei pezzi di magatello che non “spariscono” in cottura perchè sono pieni di ormoni per cui lo metti in pentola per 6 e te lo ritrovi si e no per 3…….che rabbia…..(!)

Bene, la temperatura avrebbe suggerito un bell’arrostino, ma non avevo le verdurine giuste, nè il tempo per seguirlo per cui sono tornata alla prima idea, quella per cui avevo comprato il magatello inizialmente ed ora ve la passo volentieri perchè è venuto benissimo!!!!

Per 6-8 persone:

  • brodo vegetale o acqua q.b.
  • sale q.b.
  • 1 carota pelata e tagliata in due
  • 1 cipolla pelata e tagliata in due
  • 1 gambo di sedano pulito
  • 1 cucchiaio di aceto bianco
  • 800 g di magatello di vitello
  • 4 cucchiai di capperi sotto sale, dissalati
  • la scorza e il succo di 1 limone bio
  • olio extravergine q.b.
  1. Legate il magatello con lo spago  da cucina e lessatelo in brodo o acqua calda salata con carota, cipolla, sedano, un cucchiaio abbondante d’aceto e uno d’olio.
  2. Cuocete a fuoco basso e coperto per circa 2 ore.
  3. Lasciate raffreddare la carne nel suo brodo e poi tagliatela a fettine sottilissime (meglio con l’affettatrice se ce l’avete).
  4. In una ciotola a parte, mescolate con una frusta l’olio al limone emulsionandoli bene.
  5. Aggiungete capperi e buccia di limone grattugiata.
  6. Versate la salsina sulla carne e portate in tavola!
  7. Bon appetit!!
culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione