Tag Archives: impasto

Pizza con lievito madre: collaudata.

18 Giu

IMG_0049

Vi ho stupito eh????

Subito dopo aver postato le mafaldine, riparto con la pizza nonostante il caldo!!!! Apprezzate, vi prego, far funzionare il forno è un vero atto di coraggio e lo sarà ancora di più domani e dopo!!! Ma da giovedì, almeno al nord, si dice che la temperatura calerà e quindi voi potrete provare queste ricette!!

Pongy è la mia pasta madre che mi segue già da molti mesi e che rinfresco ogni 5-6 giorni sia che panifichi che no. Ormai, so che potrà sembrare assurdo per chi non lavora con il Lievito Madre, per me fa parte della famiglia. Tutte le volte che apro il frigorifero le dò un’occhiata: sta bene? Il colore? La densità….?

Da qualche settimana a Pongy si è aggiunta Pingy, la pasta madre per celiaci, senza glutine, che mi ha regalato Felix di “Un cuore di farina senza glutine”, un blog favoloso che vi consiglio!!! Proprio da questo blog ho preso la ricetta della pizza, che avevo assaggiato durante il corso gluten free e che avevo trovato fantastica.

Quindi oggi pubblicherò la ricetta non gluten free e domani  aggiungerò anche la ricetta di pizza senza glutine, così ce ne sarà per tutti i gusti!!!

PIZZA CON LM CON GLUTINE

  • IMG_0088100 g di lievito madre rinfrescato il giorno precedente
  • 280 gr di acqua o un po’ di più se necessario, dipende dalle farine….
  • 350 gr di farina tipo 0 (io uso Petra o Rossetto, ma usate quella che avete)
  • 150 g di farina manitoba
  • 1 cucchiaino di miele
  • 30 gr di olio extravergine di oliva
  • 10 gr di sale

Per condire:

  • Salsa di pomodoro
  • Un panetto di mozzarella per pizza
  • Una manciata di olive taggiasche
  1. Sciogliete il LM nell’acqua tiepida (metà quantità di acqua sarà sufficiente)
  2. Unire quindi nella planetaria o nel mixer gli altri ingredienti e lavorate con il gancio fino a quando l’impasto non si incorda (cioè si aggrappa tutto al gancio).
  3. Estraete dal boccale l’impasto e mettetelo a lievitare in un recipiente ricoperto con la pellicola (la pellicola deve essere a contatto con la pasta)  fino a quando non raddoppia di volume.
  4. Trascorso il tempo di lievitazione  stendete l’impasto in una teglia oliata allargandolo piano piano. ATTENZIONE se voi lo stendete e lui torna indietro, o si ritira, il glutine deve riposare ancora un po’ per smollare per cui ricoprite con pellicola e aspettate almeno 15 minuti ancora, poi riprovate.
  5. Mettete la teglia  in forno con la luce accesa (senza luce nel periodo estivo). Non appena vedete che l’impasto è lievitato ancora, togliete dal forno, accendetelo a 240° statico e portatelo a temperatura.
  6. Farcite la pizza con la salsa di pomodoro, infornate  nel ripiano più basso del forno.
  7. Trascorsi i primi 10 minuti di cottura , togliete la teglia dal forno e cospargerla con la mozzarella e le olive, rimettete in forno nel ripiano centrale e abbassate a 220°.
  8.  Dopo 5 minuti, estraete la pizza e buon appetito!!!!

ENGLISH VERSION

Are you amazed ??

Immediately after posting the mafaldine, another post with pizza despite the heat!! Enjoy, please, and consider that to use the oven is a real act of courage in these days and it will be even more tomorrow and after! But on Thursday, at least in the north, it is said that the temperature will drop and then you can try these recipes!

Pongy is my sourdough following me for many months,  I  refresh it every 5-6 days. Now, I know it may seem absurd to those who do not work with it, but for me it’s part of the family. Every time I open the fridge I have a look: is it okay? The color? The density ….?

After  several weeks to Pongy , Pingy has been added, the dough for celiac, gluten free, gave me Felix of “The heart of a gluten-free flour”, a fabulous blog that I recommend! From this blog I got the recipe for the pizza, which I had tasted during the course gluten free and I found fantastic.

So today I publish the recipe with gluten  and  tomorrow I’ll add the  gluten-free one, so there will be something for everyone!

PIZZA  WITH GLUTEN

  • 100 g of yeast refreshed the day before
  • 280 grams of water or a little more if needed, it depends on the flour ….
  • 350 grams of all purpose flour
  • 150 g of flour manitoba
  • 1 teaspoon of honey
  • 30 grams of extra virgin olive oil
  • 10 g salt

For the sauce:

  • Tomato Sauce
  • A loaf of  mozzarella cheese
  • A handful of black olives
  1. Melt the yeast in warm water (half the amount of water will be enough)
  2. Combine in the planetary mixer all other ingredients and work with the hook until the dough does not stringers (everything clings to the hook).
  3. Remove the dough from the jug and put it to rise in a container covered with the film (the film must be in contact with the dough) until doubled in volume.
  4. After rising time , roll out the dough in a oiled baking pan, slowly widening. ATTENTION if you will roll out and it comes back, the gluten should rest a bit ‘so to loosen;  cover with plastic wrap and wait at least 15 minutes longer, then try again.
  5. Put the pan in the oven with the light on (no light in summer). As soon as you see that the dough has risen again, remove from the oven, turn it 240 °  C static and bring to room temperature.
  6. Stuff pizza with tomato sauce, bake on the lowest shelf of the oven.
  7. After 10 minutes of cooking, remove the pan from the oven and sprinkle with mozzarella and olives, put in oven middle shelf and lowered to 220 °.
  8. After 5 minutes, remove the pizza and enjoy!!

Pan di zucca: la mia versione che riesce sempre!

13 Ott

Zucca, zucca e ancora zucca!!!! Mi piace tutto della zucca: la sua forma, il suo colore, la sua consistenza, la sua dolcezza……la sua versatilità! Che siano salate o dolci, le creazioni a base di zucca sono sempre una gioia per la tavola e per il palato.

In verità a me la zucca piace di più in versione salata…..ad eccezione di questo pan di zucca che segna, per me, l’arrivo dell’autunno, di cotture coccolose, lunghe e calde……

Per circa 20 pani di zucca:

  • 400 g di purea di zucca (circa 600 g di zucca cruda e pulita)
  • 350 g di farina manitoba
  • 300 g di farina 00 oppure 0
  • 12 g di lievito di birra fresco (mezzo panetto)
  • 150 ml di latte tiepido
  • 60 g di burro fuso
  • 100 g di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bacca di vaniglia
  • uvetta q.b.
  1. Per  la purea di zucca: pulite la zucca, tagliatela a cubetti e cuocetela in forno con poca acqua  fino a quando la polpa non risulterà ben cotta (basta provare ad infilare una forchetta nella zucca).
  2. Frullatela, mescolatela con le farine e con il lievito che avrete fatto sciogliere in un poco di latte: tenete  da parte.
  3. Versate in un altro recipiente il rimanente latte, il burro, lo  zucchero, il sale  e i semi di vaniglia: mescolate e aggiungete il composto con le farine tenuto da parte.
  4. Iniziate ad impastare, se l’impasto dovesse risultare appiccicoso (non c’è zucca uguale ad un’altra) aggiungete un po’ più di farina fino a raggiungere la consistenza dell’impasto per la pizza.
  5. Impastate per una decina di minuti, poi unite l’uvetta ammollata in acqua ed impastate ancora fino a quando l’impasto non si staccherà dalle pareti del recipiente;
  6. Formate una palla, copritela con un canovaccio e lasciate lievitare in un luogo tiepido fino al raddoppio dell’impasto (da 1 a 2 ore).
  7. Versate l’impasto sulla spianatoia e sgonfiatelo leggermente senza lavorarlo troppo,.
  8. Ricavatene 20 palline e disponetele in una teglia dai bordi alti (rivestita con carta forno) lasciando circa 5 cm di spazio tra l’una e l’altra.
  9. Coprite e lasciate lievitare di nuovo finchè le briochine non saranno raddoppiate  (1 oretta).
  10. Infornate a 180°per 20′ circa:  si conservano per più di un giorno, ben chiuse in sacchetti.

*

La pizza patate e pancetta con erbe aromatiche

20 Mar

Voglia di pizza?? Io molta in questo periodo, sarà la primavera che invoglia a pasti colorati, sarà che la pizza è sempre una festa in tavola, sarà che ai ragazzi è sempre gradita…..insomma perchè no?

Ho trovato su Sale e Pepe una pizza che mi è piaciuta molto e ho provato a farla…….ma non pensavo venisse così buona!! Una bontà, ve la consiglio vivamente anche se io non ho usato la passata di pomodoro, ho peferito i miei pomodorini al forno.

Per una pizza per 4 persone:

Per la pasta:

  • 375 g di farina
  • 15 g di lievito di birra
  • 150 g di acqua e anche un po’ di più se necessario, dipende da quanto assorbe la vostra farina
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • un cucchiaio di zucchero
  • un cucchiaio di sale fino

Per il condimento:

  • 120 g di pancetta dolce a dadini
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • la scorza di un’arancia grattugiata
  • erbe aromatiche tritate (timo, rosmarino, salvia, origano)
  • pepe q.b.
  • 2 patate da circa 70 g, lessate, pelate e tagliate a fettine
  • passata di pomodoro q.b.
  • 200 g di mozzarella per pizza
  1. Preparate la pasta lavorando per almeno 5 minuti tutti gli ingredienti, ma facendo attenzione che lievito e sale non vengano a contatto, o la lievitazione sarà difficile!
  2. Riponete in un posto asciutto e riparato l’impasto (per esempio il forno spento con la sola lucina accesa, oppure una ciotola chiusa) e lasciate lievitare per almeno un paio d’ore: fate conto che l’impasto deve raddoppiare di volume.
  3. A questo punto sgonfiatelo e lavoratelo a mano ancora un poco, riponetelo dove era prima e lasciate lievitare almeno ancora un’oretta.
  4. Nel frattempo marinate la pancetta, mettendola in una ciotola con l’olio extravergine, le erbe aromatiche tritate finemente, la scorza di arancia e il pepe.
  5. Sempre nel frattempo, lessate le patate in acqua leggermente salata e pelatele. Tagliatele a fettine e mettetele da parte.
  6. Quando l’impasto sarà pronto, stendetelo in una teglia ben oliata o ricoperta da carta forno e versatevi sopra la passata di pomodoro e le patate: salate moderatamente e cuocete in forno a 220 gradi per 10 minuti.
  7. Nel frattempo tagliate la mozzarella a dadini o fettine sottili.
  8. Trascorsi i 10 minuti, tirate fuori la teglia dal forno e conditela con la mozzarella: cuocete altri 5 minuti.
  9. Trascorso questo tempo ri-tirate fuori la teglia dal forno e conditela con la marinata di pancetta: cuocete ancora per 5 minuti e servite.
  10. Buon appetito!!!!!

Crostata di albicocche ricoperta. Apricot crostata.

27 Giu

Buongiorno!!! Questa è la ricetta numero 101, ebbene sì! Abbiamo superato il centinaio e devo dire che sono proprio orgogliosa di questo blog e dei suoi quasi 4800 contatti!

Proviamo insieme allora questa crostata, un poco diversa dalle solite perchè ricoparta da un secondo strato di frolla che nasconde marmellata, ma anche albicocche intere!

Per 6-8:

  • 450 g farina
  • 225 g burro
  • 1 uovo e 1 tuorlo
  • 225 g zucchero
  • sale q.b.
  • 1/2 bustina di lievito
  • 250 g di marmellata di albicocche
  • 6-8 albicocche piccole e mature snocciolate e tagliate a pezzetoni regolari
  1. Mescolate la farina con il burro molto molto velocemente per  non scaldare l’impasto.
  2. Aggiungete le uova, lo zucchero, il pizzico di sale e il lievito e amalgamate per bene anche questi  ingredienti, ma sempre abbastanza velocemente.
  3. Rivestite, con la metà di questo impasto, uno stampo rotondo lasciando i bordi abbastanza alti e regolari.
  4. Farcite con la marmellata e la frutta a pezzettoni.
    List of Vietnamese ingredients

    Image via Wikipedia

  5. Coprite con un disco di pasta unendolo alla pasta sottostante.
  6. Infornate a 190 gradi per 30-45 minuti circa.
  7. Attendete che si raffreddi e servite!

Hello! This is the recipe number 101, yes! We have passed the hundred and I must say I’m just proud of this blog and its nearly 4,800 contacts!

Let us getting on  with this tart, a little different from the usual italian tart, because covered by a second layer of pastry that hides jam, but also whole fresh apricots!
Serves 6 to 8:

  • 450 g flour
  • 225 g butter
  • 1 egg and 1 egg yolk
  • 225 g sugar
  • a pinch of salt
  • 1 tbsp of yeast
  • 250 g apricot jam
  • 6-8 ripe apricots, pitted and cut into small and regular pieces
  1. Mix the flour with the butter very quickly, not to heat the mixture.
  2. Add the eggs, sugar, salt and baking powder and mix well to these ingredients, but always fast enough.
  3. Roll out half the pastry to the size of an oven proof plate.
  4. Stuff with jam and fruit.
  5. Roll remaining pastry to cover the jam.
  6. Dampen edge of base pastry with cold water to seal.
  7. Press top pastry over jam to make the tart.
  8. Seal the edges by using the back of a knife to form a crust.
  9. Cover with a disc of dough to the pasta uniting below.
  10. Bake at 190 degrees for 30-45 minutes.
  11. Wait for it to cool and serve!
culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione