Tag Archives: basil

Un’insalata di orzo molto semplice. A very simple barley salad.

15 Giu

Il caldo comincia a farsi sentire, ieri per esempio, e quindi cominciamo ad avere voglia di qualcosa di fresco e leggero. Vi propongo un’insalata di orzo, un poco meno più scontata e più fresca della solita di riso!

Inoltre l’orzo è dotato di ottime proprietà antinfiammatorie e rinfrescanti per tutto l’apparato digerente, l’apparato respiratorio e le vie urinarie. Da sollievo  anche in caso di colite ed è utile in caso di carenze di sali minerali e vitamine, perchè contiene buone quantità di fosforo, potassio, magnesio, ferro, calcio, vitamina PP e vitamina E.

L’orzo va benissimo anche come rimineralizzante, per migliorare e portare in equilibrio il sistema nervoso e la memoria, contrasta i problemi cardiovascolari,  la gastrite, il reflusso gastrico e  rinforza il sistema immunitario nel suo complesso.

Infine stimola tutta la circolazione periferica (ristagni, gambe pesanti, vene varicose) : via con l’orzo allora!!

Per 4 persone:

  • 250 g di orzo
  • acqua salata q.b.
  • 300 g di pomodorini pachino
  • 50 g. di pomodorini secchi sottolio ben scolati e tagliati a filetti
  • 80 g olive verdi snocciolate
  • 20 g capperi
  • 100 g. di emmenthal a cubetti
  • olio, sale, pepe e  basilico q.b.
  1. Cuocete l’orzo in abbondante acqua salata per il tempo indicato nella confezione.
  2. Nel frattempo,  tagliate i pomodorini in 4 spicchi, uniteli a quelli secchi e conditeli con olio, sale e  pepe .
  3. Aggiungete  le olive tagliate a rondelle, i capperi e il formaggio, unite  il basilico tritato.
  4. Scolate l’orzo e raffreddateo con acqua fredda.
  5. Mescolatelo  agli altri ingredienti, aggiungere olio e se necessario un po’ di sale.
  6. Come le insalate di riso e di pasta ben si presta ad essere preparata il giorno prima.

The hot  weather has arrived, yesterday for example, and then we start to need something fresh and light. I suggest a barley salad, a little less obvious and more than the usual fresh rice!

In addition, the barley has excellent anti-inflammatory properties and refreshing throughout the digestive, respiratory and urinary tract. Gives relief in case of colitis and is useful in case of deficiencies in minerals and vitamins, it contains good amounts of phosphorus, potassium, magnesium, iron, calcium, vitamin PP and vitamin E.

Barley is fine to mineralized, to improve and bring into balance the nervous system and memory, counteracts cardiovascular problems, gastritis, gastric reflux and strengthens the immune system as a whole.

Finally, it stimulates all the peripheral circulation (stagnant, heavy legs, varicose veins) : let’s go with  the barley then!

Serves 4:

* 250 g barley
* Salt  water q.b.
* 300 g cherry tomatoes
* 50 g. dried tomatoes in oil well-drained and cut into strips
* 80 g pitted green olives
* 20 g capers
* 100 g. of Emmenthal diced
* olive oil, salt, pepper and basil to taste

1. Cook barley in boiling salted water for the time recommended.
2. Meanwhile, cut the tomatoes into 4 pieces, add them to the dry ones and toss with oil, salt and pepper.
3. Add the sliced ​​olives, capers and cheese, add the chopped basil.
4. Drain the barley and cool it with cold water.
5. Mix it with other ingredients, add oil if necessary and a bit ‘of salt.
6. Like boiled rice and pasta is well suited to be prepared the day before.

Annunci

Risotto fiori di zucca, zafferano e basilico. Zucchini flowers, saffron and basil risotto.

6 Giu

Buongiorno!

Anche oggi ho pensato ad un bel risottino primaverile e colorato con i fiori di zucca che ne dite? Ma prima parliamo un poco dei fiori di zucca: lo sapevate che contengono molta vitamina A, sono diuretici e rinfrescanti e molto digeribili (a patto ovviamente di cucinarli senza grassi)?

Qualche consiglio prima di comprarli: controllate che abbiano un colore vivo e che siano aperti, state anche attenti che i petali non siano arricciati. Petali e gambi devono essere integri e sodi!

Li potete conservare  in frigorifero nello scomparto della frutta e verdura: essendo molto delicati non si mantengono a lungo, quindi consumateli entro 1-2 giorni dall’acquisto!

Per 4 persone:

  • Misto per soffritto surgelato 1 cucchiaio o, se preferite, non più di 50 g. di misto carota-sedano-cipolla tritati
  • 30 g. di olio extravergine di oliva
  • 200 g. di zucchine tagliate a pezzetti piccolissimi
  • sale q.b.
  • 200 g. di fiori di zucca puliti e tagliati in quattro
  • 320 g. di riso Carnaroli (18 min. di cottura)
  • 1 bicchiere di vino bianco secco (circa 120-150 g.)
  • 600 g. circa di brodo vegetale o acqua e dado vegetale
  • 1 bustina di zafferano
  • 70 g. di parmigiano grattugiato
  • 1 manciata di foglie di basilico, lavate, asciugate e tagliate a pezzi manualmente
  1. Fate un bel soffritto con l’olio e le verdurine, senza farlo bruciare mi raccomando, anzi meglio un po’ stufato.
  2. Aggiungete le zucchine e fatele insaporire per qualche minuto:  salate moderatamente.
  3. Unite un terzo dei fiori di zucca e il riso e fate rosolare per bene così si chiudono i chicchi e non esce il buono, (un minutino basta).
  4. Sfumate con il vino bianco a alzate il fuoco per un paio di minuti, così tutto l’alcool se ne va, voi continuate però a mescolare.
  5. Unite, un poco alla volta,  il brodo in cui avrete fatto sciogliere lo zafferano:  caldissimo mi raccomando o fermerete la cottura!!!
  6. Continuate a cuocere per almeno 10 min. sempre mescolando, alla fine unite i rimanenti fiori di zucca.
  7. Proseguite per 3 min. circa, poi assaggiate di sale e controllate la cottura.
  8. Unite il parmigiano e il basilico, mescolate e servite subito.
  9. E’ proprio buono!!

Hello!
Even today I thought about a beautiful and colorful spring risotto with zucchini flowers, what do you think? But first let’s talk a little about the zucchini flowers: did you know that they contain plenty of vitamin A, and diuretics are refreshing and easily digested (as long to cook without fat of course)?

Some advices before you buy them: they must have a bright color and be open: be aware that the petals are not curled. Petals and stems should be intact and firm!

You can store them in the refrigerator compartment of fruit and vegetables;  being very sensitive do not keep them long, so eat them within 1-2 days of purchase!

4 servings:

  • 2 tbsp of extra-virgin olive oil
  • 2 tbsp of skinned and minced onion + carrot + celery, even defrost
  • 200 g. zucchini cut in very small cubes
  • salt to taste
  • 200 g. zucchini flowers cut in four parts
  • 320 g. Carnaroli rice (cooking time 18 min.)
  • 1 glass of dry white wine (120-150g.)
  • 600 g. vegetable broth or water and vegetable stock cube
  • saffron to taste
  • 70 g. grated parmesan cheese
  • 1 handful of basil leaves, cut by hand
  1. Heat the oil in a saucepan over medium heat.
  2. Add the vegetable mix and cook it until translucent, about 5 min.
  3. Add the zucchini and sauté for 5 min. Season with a little salt.
  4. Add the rice and one-third of zucchini flowers, stir until the rice is well-coated and opaque (this step takes one min. and cooks the starchy coating)
  5. Stir in the wine and cook until the alcohol has evaporated ( a couple of min.)
  6. Add the broth a little at a time and the saffron:  allow the rice to absorb each addition of broth before adding more and keep going until the rice has absorbed the liquid.
  7. After 10 min. add the remaining zucchini flowers.
  8. After 3 more min. taste the salt and the cooking point.
  9. Add the cheese and the basil, continue until cooked through and serve.
  10. It’s really delicious.

Seppie al vapore su purè di patate al pesto – Steamed cattlefish with pesto mashed potatoes.

19 Apr

E stiamo leggeri…va…..che chissà cosa succederà a finesettimana con la Pasqua………chissà che abbuffate………

Facciamoci del pesce al vapore oggi, insaporito e reso goloso da una crema di patate al pesto di basilico e mandorle, una ricetta che ho gustato al ristorante Il Falco (se non ve lo ricordate cliccateci sopra) e che ho voluto rifare.

Il risultato è stato più che soddisfacente, provatelo anche voi e vedrete che ne rimarrete soddisfatti!

Per 4 persone:

  • 600 g. di seppie già pulite e, ancora meglio, tagliate a julienne, altrimenti le tagliate voi
  • acqua per cuocere a vapore
  • 2-3 rametti di timo
  • 3-4 foglie di alloro
  • 3-4 rametti di maggiorana
  • grani di pepe q.b.
  • 600 g. di patate cotte e passate al passapatate
  • 1 mazzetto di basilico (le foglie), lavato e asciutto.
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • latte caldo q.b. (poco)
  • 50 g. di mandole pelate e tritate
  • sale q.b.
  1. Cuocete le seppie a vapore per una decina di minuti con acqua salata e aromatizzata dalle erbe aromatiche e dal pepe.
  2. Tritate con il mixer le foglie di basilico insieme all’olio (lo so…non si dovrebbe fare perchè le foglie anneriscono un poco, ma poco…..possiamo accettarlo.)
  3. Mescolate le patate alla crema di basilico, allungando un poco con del latte caldo se necessario.
  4. Aggiungetevi le mandorle, salate e mescolate.
  5. Prendete un piatto da portata preferibilmente caldo e riempitelo con le patate al pesto.
  6. Versatevi sopra le seppie caldissime precedentemente salate, condite con olio buonissimo e servite subito.
  7. E’ davvero delicato e facile: che volete di più…??!!!
  8. Buon appetito!!!
Basil leaves (Ocimum basilicum).

Image via Wikipediaamed fish today, tasty and simple.

Light light…..we must eat light in these days…..waiting for Easter time…..that’s why I cook some steamed, but tasty fish.

I have tried this recipe at the Falco Restaurant (if you don’t remember it, click over its name) and I’ve enjoyed it so much….try it and you’ll appreciate it.

Serves 4:

  • 21 oz. fresh cuttlefish, cleaned and cut in stripes
  • boiling water
  • fresh thyme, laurel and marjoram
  • pepper to taste
  • 1 bunch of fresh basil leaves, cleaned and dried
  • extra virgin olive oil to taste
  • 21 oz. mashed potatoes
  • hot milk (just a little bit)
  • 2 oz. peeled almonds, finely grated
  • salt to taste
  1. Heat the water with herbs, salt and pepper and steam the fish for 10 minutes.
  2. In a food processor, blend together basil leaves and oil while still mixing.
  3. Stir in salt and add to mashed potatoes.
  4. If the result is too thick, add some milk to softened.
  5. Add almond and blend until well mixed.
  6. Stir in salt.
  7. Take a hot serving dish and coat with mashed pesto potatoes.
  8. Coat with the fish previously seasoned with oil.
  9. It’s simply and delicate: enjoy it!!

Il pesto di melanzane di Gianluca. Gianluca’s eggplant pesto.

11 Apr

Gianluca è un mito ai fornelli. Si capisce subito quando si entra nella sua cucina: bellissima, stra funzionale e molto, molto vissuta: insomma si vede che lui cucina davvero.

L’altra sera sono stata a cena da lui ed è stata una festa, ottime ricette, ma questa del pesto di melanzane, che Gianluca, generoso come tutti quelli che cucinano bene e sono solo contenti di condividere le loro specialità, mi ha passato, è super.

Velocissima, le melanzane le potete cuocere anche il giorno prima se non avete tempo, come ho fatto io, le mettete in forno e le dimenticate (non per sempre però…..).

Per 500 gr. di pasta:

  • 2 melanzane lunghe e cotte in forno a 180° per 40 minuti fino a quando sono morbide.
  • 80 gr. di pinoli
  • 50 g. di basilico (le foglie) lavate e asciugate, anche se la ricetta del pesto le prevederebbe solo pulite con un panno umido….
  • 80 .g. di parmigiano
  • sale q.b
  • olio extravegine di oliva q.b.
  1. Pelate le melanzane e mettetele dentro al boccale del mixer….(lo so, i liguri appena sentiranno pesto e mixer scapperanno inorriditi…..ma col mortaio proprio no, non ce la faccio….)
  2. Aggiungete i pinoli, il basilico e il parmigiano, salate e tritate con il mixer, ma senza esagerare o il formaggio si scalderà e vi verrà fuori un pastone….orribile.
  3. A questo punto aggiungete con le lame in movimento l’olio di oliva a filo fino a quando non avrete ottenuto una consistenza cremosa: proprio quella del pesto appunto, ma non troppo morbida.
  4. Cuocete la psata, scolatela e conditela con questa favola di pesto allungato da un poco di acqua di cottura.
  5. Da leccarsi le dita!!!!

Gianluca is one of my friend and I’ve been invited for dinner recently: such a gorgeous experience!!!!

His kitchen is perfect, professional and handy: amazing to see! It always says: I’m the kitchen of a very good cook and this is his eggplant pesto, simply marvellous.

Basil leaves (Ocimum basilicum).

Image via Wikipedia

For of pasta:

  • 2 eggplants (aubergines) cooked in oven at 375° F for 40 minutes, until they are soft.
  • 2 cups fresh basil leaves
  • 1/2 a cup  pine nuts
  • 1/2 a cup freshly grated parmesan cheese
  • salt to taste
  • extra virgin olive oil to taste
  1. Start peeling the eggplants.
  2. Put them into the food processor and add  basil leaves. Once this is loosely chopped add more basil, chop some more, add the rest of the basil, chop some more.
  3. At this point the basil and eggplant should be a very fine mince. Add about half the pine nuts, chop. Add the rest of the pine nuts, chop. Add half of the Parmesan, chop. Add the rest of the Parmesan, and chop.
  4. With the motor running, gradually add the oil in a thin steady stream until well combined and  until you do not get a creamy sauce, but still thick.
  5. You can set this aside or place it in the refrigerator until you are ready to use it.
  6. Cook pasta and serve with pesto sauce thinned  with a splash of pasta water for more coverage with
  7. Serve: it’s wonderful.
ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione