Archivio | dicembre, 2011

Biscottini per cani: una ricetta per la Honey.

29 Dic

In questi giorni la Honey è in vacanza con i suoi amici Lilly e King (vita da cani……) e devo dire che mi manca un po’……allora ho deciso di preparare i biscottini da darle come premio quando obbedisce (a dire il vero obbedisce sempre….), ma da darle anche quando usciamo, ma anche quando siamo in ascensore, ma anche quando stiamo aspettando l’ascensore….insomma abbastanza spesso……

Li avevo preparati prima di Natale da regalare ai suoi amici cani e pare abbiano avuto un certo successo…….

Lo so….questo è un blog per umani e per cibo per umani…..ma la Honey a volte è anche meglio.

Per un tot di biscottini, abbastanza tanti direi, ma durano all’infinito:

  • 2 tazze di farina realizzata con i fiocchi di quello che volete voi (avena, mais….), io ho usato dei fiocchi di avena che avevo in casa (residuo di qualche dieta fallimentare….) e li ho macinati nel mixer.
  • 1 tazza di farina bianca
  • 1 tazza di altra farina che avete in casa, io avevo la multicereali, ma va bene anche integrale o di semola o qualsiasi altra
  • semi di sesamo (a loro piacciono un sacco), q.b.
  • 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato se proprio volete bene al vostro cane (ma se gli fate pure i biscotti gliene volete di sicuro), e lo volete viziare.
  • 1 uovo: solo il tuorlo, l’albume ai cani fa male!!
  • 2 cucchiai abbondanti di olio di oliva (io ho messo l’extravergine perchè in casa abbiamo solo questo)
  • 1/2 tazza circa di acqua, o di più, a seconda di quanto assorbe la farina
  • 1 omogeneizzato di carne o, se non lo avete, un poco di carne trita o anche della carne avanzata che avete in casa, ma che sia buona, o del dado, ma solo se fatto in casa, quelli indistriali sono pieni di schifezze…..
  1. Mettete in una ciotola, o nell’impastatrice, tutti gli ingredienti secchi e mescolate.
  2. Aggiungete il tuorlo e l’olio e amalgamate.
  3. Unite l’acqua, tanta quanto basta per avere un composto che assomiglia alla pasta frolla, per intenderci.
  4. Stendetelo su un piano leggermente infarinato, tiratelo con il mattarello ad uno spessore di mezzo centimetro circa o quello che volete dare ai biscotti. Potete usare anche le mani se volete.
  5. Tagliate l’impasto in quadratini piccoli e cuoceteli in forno caldo a 200° per mezz’ora circa, devono risultare abbastanza secchi, ai cani piacciono di più: io li ho lasciati raffreddare dentro il forno, così si sono seccati ulteriormente.
  6. Buone feste a tutti i vostri cani!

Il gelo di limone alla salsa di cachi.

28 Dic

Il gelo di limone è uno dei dolci della tradizione siciliana che amo di più. E’ fresco, facilissimo da fare, riscuote sempre un grande successo e non è inflazionato come il sorbetto.

Vi passo volentieri la mia ricetta,  recentemente ho servito il gelo con una salsa di cachi buonissima e altrettanto semplice, tanto per cambiare, provatela anche voi!

Per 6 persone:

  • 5-6 limoni biologici grandi
  • 600 g di acqua
  • 200 g di succo di limone
  • 200 g di zucchero
  • 70 g di maizena

Per la salsa di cachi:

  • 2-3 cachi  puliti
  • 100 g di zucchero
  1. Pelate i limoni facendo bene attenzione a prendere solo la parte gialle e non la bianca, altrimenti il risultato sarà amaro.
  2. Mettete le bucce in infusione nell’acqua per 24 ore.
  3. Filtrate l’acqua, aggiungetevi il succo di limone e lo zucchero.
  4. Versate la maizena in una casseruola e diluitela con l’acqua al limone aggiungendola a poco a poco per non formare grumi.
  5. Ponete il tutto sul fuoco e scaldate.
  6. Assaggiate il composto e decidete se vi piace: io non lo farei molto dolce, altrimenti non rinfresca, nè disseta, ma se a voi piace di più, aggiungetevi dello zucchero.
  7. Non appena portate a bollore, controllate il tempo e, sempre mescolando, fate passare dai 3 ai 5 minuti di modo che il gelo possa, appunto, solidificarsi e assumere una consistenza cremosa.
  8. Non importa se non è molto cremoso, si solidificherà raffreddandosi.
  9. Bagnate degli stampini individuali o uno stampo grande e versateci il vostro gelo.
  10. Lasciate raffreddare e poi mettetelo in frigorifero per almeno 6-8 ore.
  11. Nel frattempo preparate la salsa come se fosse una marmellata, facendo sciogliere lo zucchero nella polpa di cachi e poi filtrando il tutto.
  12. Servite il gelo con la salsa di cachi: buonissimo.

Cavolo nero con olive capperi e pancetta

26 Dic

Allora…??!! Siete sopravvissuti al Natale? Quanto avete mangiato??? Tanto…??? Allora facciamo una bella cosa: andiamo di verdure! Ho preparato il cavolo nero perchè ce l’avevo in casa, l’ho condito un pochino però, per farlo diventare un gustoso piatto unico che in famiglia hanno gradito molto.

Se volete invece stare molto, ma molto leggeri, allora vi consiglio di non mettere la pancetta.

Per 4 persone:

  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 90 g di pancetta dolce a cubetti
  • 800 g circa di cavolo nero, ancora da pulire.
  • acqua calda q.b.
  • 50 g di capperi sotto sale ben sciacquati e dissalati
  • 100 g di olive taggiasche denocciolate
  1. Fate scaldare in pentola l’olio e soffriggetevi la pancetta a fuoco vivace per pochi minuti.
  2. Unite il cavolo nero al quale avrete tagliato le parti più dure e che avrete ridotto a pezzi piccoli.
  3. Fate insaporire per bene e cuocete a fuoco basso, con il coperchio, aggiungendo poca acqua calda di tanto in tanto, quando serve.
  4. Quando il cavolo si sarà ammorbidito, ma non sarà ancora cotto del tutto, aggiungete capperi e olive.
  5. Io non ho salato, perchè capperi e olive erano già abbastanza saporiti: voi assaggiate e decidete.
  6. Quando il cavolo si sarà ben ammorbidito, spegnete il fuoco e servite.
  7. Se avrete fatto pezzi abbastanza piccoli ed avuto cura di tagliare le estremità più dure, in tutto ci vorranno circa 45 min.
  8. Buon piatto sano.

Roast beef al sale: solo una questione di tempi.

21 Dic

Cosa c’è di più semplice di un roast beef al forno, cotto nel sale?

Francamente direi nulla, è la preparazione che ci salva la vita quando siamo a corto di idee, quando abbiamo a cena l’amica in dieta, quando siamo NOI a dieta….(!!), quando vogliamo mangiare sano, quando abbiamo poco tempo….insomma in un sacco di occasioni.

Il problema è non sbagliare i tempi: sia la carne, sia il pesce (per esempio un banzino o un’orata), non devono essere cotti troppo, oppure seccano e tutto questo succede in un battibaleno……

Provateci e non rimarrete affatto delusi, ve lo garantisco.

Per 6 persone:

  • 1 pezzo di roast beef di circa 1 kg.
  • 2 kg di sale fino
  1. Prendete una pirofila da forno a misura del vostro pezzo di carne e versatevi pate del sale in modo da coprire tutta la base.
  2. Appoggiatevi sopra il vostro roast beef e ricopritelo interamente con il sale rimanente, facendo bene attenzione che non ne rimanga fuori nemmeno un piccolo pezzo.
  3. Mettetelo in forno caldo a 180-200° per 20-30 min. al massimo (quello della foto è stato cotto per 20 min.), toglietelo dal forno.
  4. Rompete la crosta di sale, che nel frattempo si sarà indurita, tagliate il vostro roast beef a fette e servitelo subito.
  5. Quello cha avanza potete tagliarlo con l’affettatrice a fette molto sottili e servitelo freddo il giorno dopo con qualche salsina sfiziosa!
culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione