Archivio | Ricicliamo!!!!! RSS feed for this section

Polpette riciclate: svuotafrigor e trasformazioni magiche.

27 Mag

DSCF0827

Sono sincera, non ho mai amato riciclare la carne cotta. Non so bene perchè, ma mentre con le verdure non ho problemi, la carne mi metteva in soggezione……insomma: cosa fare con quel pezzo di bollito, di arrosto, di brasato avanzato? Il risultato finale non avrebbe risentito del sapore originario? Non sarebbero risultate troppo secche le polpettine? Non avrebbero avuto troppo l’aria riciclata?

Bando ai dubbi, complice un bel pezzo di carne cotto per una cena con amici che, all’ultimo momento, hanno avuto un contrattempo, mi sono cimentata nelle polpette svuotafrigor che non solo sono andate a ruba, ma saranno anche rifatte presto!!!!

E poi volete mettere la soddisfazione di non aver buttato? Di essere stata capace di proporre qualcosa di gustoso e piacevole per cena senza fare la spesa? Di questi tempi non male.

Dosi per 6 persone: tempo di praparazione 20 min. tempo di cottura 20 min.

  • 250 g di carne cotta di qualsiasi tipo, tagliata a pezzetti
  • 250 g di patate bollite e schiacciate
  • sale q.b.
  • 100 g di mortadella tritata
  • 2 uova
  • 150 g di verdura cotta che avete nel frigorifero (se l’avete, se no fate senza), tipo carote, zucchine, porri, asparagi etc.
  • pepe q.b
  • parmigiano grattugiato q.b. (circa 50 g)
  • olio di semi di arachide  se friggete
  1. In un mixer mescolate la carne, le patate e il sale.
  2. Aggiungete la mortadella, le uova, la verdura, il pepe e il formaggio: lavorate ancora con il mixer fino a quando otterrete un impasto omogeneo.
  3. Controllate di sale e di pepe e aggiungetene se necessario.
  4. Formate tante polpettine della forma e della grandezza che preferite.

A questo punto avete due possibilità:

  1. Friggete in olio di semi di arachide, molto caldo e abbondante: se le polpette saranno completamente coperte dall’olio ne assorbiranno molto poco!!
  2. Infornate in forno caldo a 180-200 gradi per circa 20 min.
  3. Buon appetito!!!!!!

ENGLISH VERSION:

I’m honest, I’ve never liked to recycle the cooked meat. I don’t know why, but while I have no problems with vegetables, meat is not the same …… In short: what to do with that piece of boiled, roasted, braised leftover meat? The result would not have affected the original flavor? The meatballs wouldn’t have been too dry? They would not have too much of the recycled taste?

No more doubts, thanks to a nice piece of meat cooked for a dinner with friends who, at the last moment, had a problem and couldn’t go, I decided to try these meatballs “all leftovers” that not only were snapped up, but will also be remade soon! !

And more: what a  satisfaction not having thrown away!? Being able to offer something tasty and enjoyable for dinner without spending?  For these days it’s not bad.

Serves 6: praparation time  20 min. cooking time 20 min.

  • 250 g of cooked meat of any kind, cut into small pieces
  • 250 g of boiled and mashed potatoes
  • salt to taste
  • 100 g of chopped mortadella or ham
  • 2 eggs
  • 150 g of cooked vegetables you have in the fridge (if you have one, if not do without), like carrots, zucchini, leeks, asparagus etc.
  • pepper to taste
  • grated Parmesan cheese to taste(about 50 g)
  • peanut oil if you fry
  1. In a blender mix  meat, potatoes and salt.
  2. Add the mortadella, eggs, vegetables, pepper and cheese: still working with the mixer until  you get a homogeneous mixture.
  3. Check salt and pepper and add if necessary.
  4. Form many balls of form and ize of your choice.

At this point you have two options:

  1. Fry in peanut oil, very hot and plentiful: If the meatballs will be completely covered by the oil will absorb very little!
  2. Bake in preheated oven at 180-200 degrees for about 20 min.
  3. Enjoy your meal!!

Stracotto di girello di spalla con salsa di carciofi (scarti)

11 Mar

ENGLISH VERSION : STEWED CHUCK BEEF WITH ARTICHOKES WASTES.

Unknown-1Accidenti ma come passa il tempo? Non mi sono proprio accorta di avere trascurato il blog per così lungo tempo! Scusatemi, ho cucinato molto, lavorato molto e postato poco….ma mi farò perdonare!

Procediamo con la lotta agli sprechi. Per esempio: perchè utilizzare scamone o noce per uno stracotto? Perchè, insomma, usare sempre il quarto inferiore e non quello superiore, molto meno caro? Le cotture lunghe, in particolar modo, si prestano moltissimo all’utilizzo dei quarti anteriori, molto più gustosi!! Inoltre, se  vi avanzano parti di scarto dei carciofi (lo sapete che se ne scarta circa il 60%?) Provate ad aggiungere il 60% al prezzo dei vostri carciofi per capire quanto veramente vi sono costati…! Molto vero?  Bene: se invece lo usate tutto, il carciofo, rimarrete stupiti dal risultato!

Prendete quindi foglie esterne dure e gambi legnosi tagliati a pezzetti, cuoceteli in pentola a pressione per 30 min.con due dita di acqua salata, poi scolate e frullate. Otterrete una crema molto impura, piena di filamenti e scorie, passatela al setaccio (io uso uno di quei colini a maglia molto fitta), aggiungete un poco di ricotta o panna a basso contenuto di grassi e…voilà, un secondo perfetto.

Per 6 persone: tempo di preparazione 60 min. tempo di cottura 3 ore.

  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 1 cipolla piccola sbucciata e tagliata sottilmente
  • 1000 g di spalla di vitellone
  • brodo di verdura o acqua e dado q.b.
  • sale q.b.
  • gli scarti di 4-5 carciofi cotti in pentola a pressione
  • 200 g di ricotta fresca o panna
  1. Fate rosolare la cipolla a fuoco lento aggiungendo un poco di acqua calda se necessario, tenete da parte.
  2. Nella stessa pentola, senza averla lavata, rosolatevi la carne su tutti i lati a fuoco vivo.
  3. Abbassate il fuoco, versate il brodo fino a coprire la carna per metà, salate, coprite con un coperchio e lasciate cuocere a fuoco molto dolce per 3 ore rigirando di tanto in tanto.
  4. Nel frattempo, frullate la verdura, salate e passate al setaccio.
  5. Unite il formaggio o la panna e frullate.
  6. Quando la carne sarà pronta, tagliatela a fette e servitela con la salsa.
  7. Buon appetito!!

My goodness the time goes on so quickly!!! I’ve just noticed that you have forgotten the blog for so long! Forgive me, I cooked a lot, worked hard and posted little …. but I’ll make it up!

Let’s go on with the fight against waste. For example: why use expensive meat  for a stew? Why always use the lower quarter and not the upper one, much less expensive? The long cooking, in particular, is perfect to the use of the forequarters much, much tastier! Also, if you have scrap parts of the artichokes left (idoyou know that discards are about 60%?) let’s add 60% to the price of your artichokes to see how much you really have payd them …! Very amazing? Well, but if you use it all, the artichoke, you will be amazed about the results!

Now take tough outer leaves and woody stems cut into small pieces, cook in pressure cooker for 30 min. in some salted water, then drain and blend. You will get a cream very impure, full of filaments and waste, let’s pass it through a sieve (I use one of those strainers in dense grid), add a little cream cheese or low-fat cream… voila, a perfect dish!

For 6 people: preparation time 60 min. cooking time 3 hours.

  • extra virgin olive oil to taste
  • 1 small onion, peeled and thinly sliced
  • 1000 g shoulder of beef (one piece)
  • vegetable stock to taste
  • salt to taate
  • waste of 4-5 artichokes cooked in a pressure cooker
  • 200 g fresh ricotta or cream
  1. Sauté the onion over low heat, adding a little hot water if necessary, set aside.
  2. In the same pan without washing it, brown the meat on all sides over high heat.
  3. Reduce the heat, pour in the stock to cover half the meat, salt, cover with a lid and cook over very gently for 3 hours stirring occasionally.
  4. Meanwhile, blend the vegetables, salt and sieve.
  5. Add the cheese or cream and blend.
  6. When the meat is ready, cut it into slices and serve with the sauce.
  7. Enjoy your meal!

Polpette di carne e verdure avanzate: buonissime.

12 Feb

DSCF0765

Continua la mia crociata contro gli sprechi.

L’altroieri ho cucinato uno splendido carrè di vitella, semplicissimamente al forno con erbe aromatiche raccolte quest’estate nel mio orto e fatte seccare,  un poco di vino rosso…buonissimo. L’abbiamo consumato quasi tutto, ma qualcosina è rimasto, insieme ad un paio di bistecche di manzo che i ragazzi avevano comprato nel week end, cotto e avanzato……..che faccio: riscaldo? Mmmhhhhh……Butto?  Nemmeno per sogno!! Faccio le polpette!

Già che c’ero, ho provato anche a metterci un poco del verde dei porri che avevo in casa: il risultato? Eccellente direi, una fusione di sapori molto soddisfacente, un utilizzo intelligente di parti di verdure che di solito non usiamo e un po’ di verdura che bilancia le proteine della carne. Giusto no??! L’unico consiglio: non eccedete con il verde del porro, ha un sapore deciso e potrebbe coprire quello della carne!

Per 6 persone, preparazione 20 min., cottura 20 min.

  • 300 g di carne cotta spezzettata
  • 50 g di mortadella tritata
  • 120 g di pane ammollato nel latte e molto ben strizzato
  • 1 uovo grande
  • 50 g di parmigiano o grana grattugiato
  • 2 cucchiaini pieni di zenzero in polvere
  • 3-4 coste di porro (le parti verdi) tritate
  • sale q.b.
  • pangrattato q.b.
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 400 g di passata di pomodoro
  • acqua calda q.b.
  1. Mescolate tra loro tutti gli ingredienti formando un composto omogeneo.
  2. Con questo, confezionate tante polpettine fino ad eaurimento del composto.
  3. Passatele nel pangrattato e rosolate nell’olio caldo.
  4. Aggiungete la passata di pomodoro e salate poco.
  5. Fate addensare per pochi minuti (gli ingredienti sono quasi tutti già cotti), 10-15 sono sufficienti.
  6. Servite con purè di patate, polenta….riso…..quello che volete!

 

Pasta avanzata al profumo di broccoli (foglie e gambi)

6 Gen

DSCF0339

E vai!!! Continua la mia sperimentazione sulla strada della riduzione degli sprechi e devo dire che sono felice di avere tutte queste soddisfazioni!!! Ma come abbiamo fatto ad andare avanti finora senza sapere che le foglie e i gambi dei broccoli, la buccia della zucca, le parti più dure di finocchi e carciofi potevano essere benissimo utilizzate? Con ottimi risultati?? Grande Lisa Casali che mi ha aperto un mondo…!!

Che orgoglio quando si riesce a portare in tavola un piatto che è costato pochissimo, però è buono, nutriente e goloso!!

Avevo in casa delle tagliatelle fresche al pomodoro avanzate. Sapete come succede no??! Aspetti ospiti….hai sempre paura che la pasta non basti……e si esagera sempre..! Insomma ho cotto talmente tanta pasta che me ne è avanzata la metà! Ma a me la pasta saltata non fa impazzire, sono sincera, quindi ho preferito “pasticciarla” in forno: è stato un successone.

Avevo saltato dei broccoli per il pranzo ed avevo conservato foglie e gambi: erano broccoli bio, bellissimi, presi in campagna, come si fa a buttarne anche solo una piccola parte??!! Ecco il risultato!

Per una teglia per 6 persone, preparazione 40 min. cottura 15 min.

  • le foglie e i gambi di 3 broccoli tagliati a pezzetti
  • 1 lt di latte intero
  • 80 g di farina 00
  • 40 g di burro
  • 1 cucchiaino di sale
  • 250 g (peso a crudo) di tagliatelle all’uovo cotte e condite con pomodoro
  • olio extravergine di oliva q.b. (ma poco….)
  • salsa di pomodoro q.b. se necessario
  1. Cuocete a vapore la verdura per almeno una decina di minuti (i pezzetti di gambo devono essere teneri) e tenete da parte.
  2. Nel frattempo, preparate la besciamella: in un pentolino lasciate fondere il burro a fuoco moderato; unite la farina mescolando con la frusta (roux) .
  3. Versate il latte freddo tutto in una volta continuando a mescolare finché inizia a bollire. Salate, diminuite l’intensità della fiamma e cuocete per almeno venti minuti coperto e mescolando di tanto in tanto: la besciamella non deve assolutamente “sapere” di farina.
  4. Togliete dal fuoco, regolate se occorre il sale e versate in un mixer insieme alla verdura: frullate grossolanamente e tenete da parte.
  5. Fate saltare la pasta con un poco di olio per pochi minuti per farla ammorbidire: aggiungete un poco di salsa di pomodoro fresco se risultasse troppo secca.
  6. Condite  la pasta con due terzi della besciamella e versatela in una pirofila da forno.
  7. Ricopritela con la rimanente besciamella e spolverizzate con il parmigiano.
  8. Gratinate in forno caldo a 200° circa per 15 minuti.
  9. Servite subito!!
culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione