Tag Archives: Condiments

Il tonno dietetico. Diet tuna fish.

10 Giu

 

E continuiamo con la nostra scalata ai chili di troppo in vista della spiaggia che avanza…..

Mangiare leggero e gustoso non è difficile, purchè gli alimenti siano di ottima qualità e siano freschissimi; il tonno fresco, in particolare, è un ottimo alimento, ricco di proteine e povero di grassi. Attenzione però,  anche se il contenuto totale di grassi è ridotto, il contenuto percentuale di acidi grassi essenziali è abbastanza elevato, anche se sono proprio questi che aiutano a  tenere sotto controllo trigliceridi e colesterolo!!

Per 4 persone:

  • 4 fette belle spesse di tonno fresco
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • unamanciata di semi di sesamo tostati in padella e lasciati raffreddare
  • sale q.b.
  • insalatina fresca q.b.
  1. Passate per bene le fette di tonno nell’olio e subito dopo “impanatele” con i semi di sesamo.
  2. Schiacciate per bene in modo che i semi ricoprano interamente i due lati delle fette.
  3. In una padella antiaderente, scottate brevemente le fettine con un poco, ma poco, olio.
  4. Servite su un letto di insalatina accompagnato, a parte da una goccia di aceto balsamico più stagionato possibile perchè si sa, più l’aceto balsamico è vecchio, più è buono.
  5. Buon appetito!!

Let’s keep on dieting to kill  the over weight  in view of the beach …..!!

Eating light and tasty it is not difficult as long as food is of excellent quality and  fresh;  fresh tuna, in particular, is an excellent food, rich in protein and low in fat. But be careful, even if the total fat content is reduced, the percentage of essential fatty acids is quite high, even if  these fat acids help to control cholesterol and triglycerides!

Serves 4:

* 4 beautiful thick slices of fresh tuna
* extra virgin olive oil to taste
* 1 handful of toasted sesame seeds previously toasted in  a frying pan and let cool
* salt to taste
* fresh salad q.b.

1. Roll  tuna in oil and immediately after cover with sesame seeds.
2. Coat  them carefully, so that the seeds completely cover both sides of the slices.
3. In a pan, briefly saute the slices with a little, but little oil.
4. Serve on a bed of salad accompanied, by the side, by a drop of balsamic vinegar aged if possible because as we know, the older balsamic vinegar is , the better it is…..
5. Bon appetit!

Annunci

Baccalà ammollato come lo fa Sabrina – Il Falco e la sua musa. – Steamed dried salt codfish.

17 Feb

Buongiorno!!

Ho cambiato idea, niente torta con la pasta frolla avanzata da ieri che ci aspetta in freezer, può tranquillamente aspettare ancora un po’.

Oggi facciamo il merluzzo ammollato come lo fa Sabrina, la chef de “Il Falco” un ristorante assolutamente-fantastico a Rivalta, un borgo medioevale vero-e-non-rifatto in provincia di Piacenza, a un’ora da Milano. Vi posto la recensione più tardi, così se ci voleste andare………

Torniamo al nostro merluzzo, che ho acquistato sotto sale al supermercato. Avete presente quelle confezioni con i pezzi di pesce bianco con tutto il sale sopra, che si presentano durissimi?

Ecco, proprio quelli, bisogna avere pazienza e tenerli immersi nell’acqua per 2 giorni, CAMBIANDO L’ACQUA ALMENO 4 VOLTE AL GIORNO (non fate i furbi, non sono ammessi sconti), un po’ macchinoso lo so, ma il risultato è eccezionale e voi mangerete un pesce buonissimo.

Sabrina infatti, che lei si che se ne intende, ha utilizzato questo tipo di merluzzo, lo ha dissalato e ha  preparato un piatto leggerissimo, dietetico, ma soprattutto pieno di sapori, con l’aceto di mele che fa la differenza.

Ora io lo copio e  anche se la ricetta originale di Sabrina non ce l’ho, credo di potervene proporre una versione magari riveduta e corretta, ma sempre valida :

IL MERLUZZO A VAPORE CON ACETO DI MELE

Per 4 persone:

  • 800 g. di merluzzo dissalato e spinato.
  • acqua q.b. per cuocere a vapore
  • sale grosso poco
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 cipolla pelata e tagliata a metà
  • timo, alloro, maggiorana, pepe q.b.
  • olio q.b.
  • aceto di mele a piacere
  • prezzemolo tritato a go-go
  1. Portate a bollore l’acqua con il sale, il vino, la cipolla e gli odori, inserire il cestello del vapore con dentro il pesce e cuocete per circa 20 min. fino a quando il pesce non sarà cotto, ma morbido: non stracuocete o diventa stopposo e avrete rovinato tutto.
  2. Nel frattempo sbattete in una tazza l’olio insieme all’aceto di mele, che darà all’emulsione quel non so che di dolce, ma anche di aspro allo stesso tempo. Se gradite, spremete anche un paio di goccie di limone, ma non troppe, c’è già l’aceto.
  3. Aggiungete del prezzemolo bello e freschissimo: che sia freschissimo altrimenti mi rovinate tutto: no se alberga in frigorifero da asettimane e no se è surgelato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  4. Servite accompagnato da foglie di insalata che, come vedete dalla foto del piatto preparato da Sabrina, se è colorata è anche più bella.
  5. Buona salute!

DRIED SALT CODFISH AS SABRINA LIKES

Sabrina is the chef of “Il Falco” restaurant, a lovely place not far from Milan.

Her codfish is really simple, but different, healthy and full of taste.

4 servings:

  • 800 g. dried salt codfish kept into water for 2 days. (Remember to change the water at least 4 times a day)
  • water to steam
  • salt, not too much
  • 1 glass of white wine
  • 1 small onion peeled and cut into halves
  • time, laurel, marjoram, pepper to taste
  • extra virgin oil to season
  • apple vinegar to taste
  • parsley in a good quantity
  1. Put water, salt, wine, onion, herbs and spices into the steamer or into a saucepan fitted to steam with. Bring it to boil.
  2. Steam the fish cut into pieces for 20 minutes, until it’s cooked but not overcooked or it will turn stringy.
  3. Meantime, prepare a seasoning with oli, apple vinegar and add some lemon juice drops if you like, but only few drops as you are seasoning with vinegar too.
  4. <last of all add some very fresh minced parsley, not old and not defrost, just fresh, fresh, fresh.
  5. Keep healthy!

Un filetto diverso in pochi minuti!! – A different style beef fillet ready in few minutes!

14 Feb

Buon lunedì a tutti! Come state? Io benissimo, sono stata di nuovo in campagna e sono andata a trovate di nuovo l’Amedeo, il mio macellaio preferito…….dove ho fatto subito mio (!) un bel pezzo di filetto di manzo. State attenti quando lo comprate, che sia pulito e con poche venature di grasso, proprio come lo vende l’Amedeo, con quello che costa il filetto è un peccato pagare cari gli scarti…no…??!

Il filetto è gustosissimo e piace a tutti, l’unica cosa è che  non siamo abituati a cuocerlo con fantasia….!…..O lo facciamo ai ferri, o con quelle esagerate salse francesi mooooolto poco dietetiche………..

Al massimo, se esageriamo, ci mettiamo  un po’ di aceto balsamico…………..

E allora provate questi dadini di filetto alla birra!!!!

E poi fatemi sapere…………….!

Per 4 persone:

  • 4 fette di filetto di circa 100-120 g. ciascuna, tagliate a cubetti abbastanza regolari
  • 30 g. di olio extravergine di oliva
  • sale e pepe q.b.
  • mezzo bicchiere di birra chiara (50 g. circa) , decidete voi quale
  • verdura di accompagnamento a piacere, cotta o cruda.
  1. Fate saltare velocemente i cubetti di filetto nell’olio ben caldo fino a rosolarli per bene fuori, il cuore lasciatelo invece ben rosato.
  2. Salate e pepate a piacimento.
  3. Sfumate con la birra e alzate il fuoco: – alzando il fuoco, l’alcol evapora più velocemete – riabbassate il fuoco e fate assorbire un poco del sughetto, ma velocemete, il filetto troppo cotto non è buono!!
  4. Servite i cubetti caldi caldi contornati dalla verdura, io ho accompagnato con i broccoletti al vapore conditi con poco olio.

Beef tenderloin cubes with beer sauce

Beef Cuts - Where They Come From

Image via Wikipedia

Hi! Did you spend a nice week-end? Mine was really gorgeous in the country! Nice weather and peace.

By my favourite butcher, Amedeo, I bought some beef tenderloin and I cooked them with beer for a nice and wealthy plate!

Just a nice change from grilled meat or fillet cooked in a tasty, but very fatty….., french sauce…!

4 servings:

  • 4 slices of beef tenderloin cut into regular cubes (400-480 g. in total)
  • 30 g. extra virgin olive oil
  • salt and pepper to taste
  • half a  glass of light beer, whatever you like (50 g.)
  • vegetables  to serve with
  1. Sautè the meat cubes in hot oil until they are brown, pay attention not to overcook them, inside they must look pink.
  2. Season with salt and pepper.
  3. Add the beer and let it cook for few minutes on a high heat, so that the beer sauce will boil down.
  4. Serve hot together with the vegetables.

Un risotto tira l’altro….con il cuore nel Veneto.

11 Feb

Prima di andarmene in campagna per il finesettimana, come vi avevo promesso vi regalo la mia ricetta del risotto e trevisana, così potrete provarlo con calma, se vi fa piacere.

Ho preso ispirazione dal mensile di cucina del Corriere della Sera, che questo mese ha fatto un bell’articolo sul radicchio trevisano.

Anche loro hanno proposto il risotto, davvero un classico, accompagnandolo all’arancia e ad altri ingredienti, ma forse un po’ toppi ingredienti………. Un’altra ricetta, invece, abbinava il radicchio alla ricotta salata, in una fresca insalata.

Ho fatto due più due e…..voilà:  il risotto radicchio, arancia e ricotta salata, condito con un po’ delle mie origini venete, a cui tengo moltissimo.

E’ un piatto dove l’amaro del radicchio è bilanciato dal dolce dell’arancia, che quasi non si sente ma….bilancia, bilancia…(!), la ricotta salata invece lo accende di gusto. Se preferite però potere metterci parmigiano, il risultato è più classico.

Per 4 persone:

  • 2 cucchiai  di misto per soffritto scongelato, o 30 g. di verdurine (sedano carota cipolla) tritate.
  • 30 g. di olio extravergine di oliva
  • 200 g. di radicchio trevisano, o anche insalata rossa se non lo trovate, lavato e tagliato.
  • 320 g. di riso Carnaroli o Arborio (15-18 min. di cottura)
  • 100 g. succo d’arancia filtrato
  • 650 g. di brodo vegetale caldo o acqua e dado vegetale
  • ricotta salata q.b. a scaglie, o parmigiano
  1. Soffriggere le verdure nell’olio senza bruciarle, magari aggiungete un poco di acqua calda se necessario.
  2. Aggiungete il radicchio e fatelo insaporire per bene; circa 5 min. girando di tanto in tanto (attenzione: di tanto in tanto non significa una volta ogni 5 min., non abbandonate il fornello!!!!)
  3. Unite il riso e fatelo tostare per bene almeno per un minuto così i chicchi si chiudono e mantengono tutto il loro  sapore.
  4. Versate il succo di arancia e fatelo assorbire, poi continuate con il brodo, aggiungendone un poco quando il precedente sarà stato assorbito.
  5. A cottura ultimata, servire accompagnato dalla ricotta a scaglie.

This is a kind of radicchio you could find

The radicchio and orange risotto: taste of northeastern Italy

Radicchio trevisano is a sort of red salad typical of Verona area in the North east of Italy.

It’s very popular in fall and winter and  you probably won’t find it abroad, but you can use any sort of red salad you can find: it won’t be the same but you’ll get a very tasting result anyway.

The same is for ricotta salata, a very special italian cheese, don’t get crazy, if you don’t find it, parmesan cheese will be a good choice anyway.

4 servings:

  • 2 tbsp of skinned and minced onion + carrot + celery, even defrost
  • 2 tbsp of extra-virgin olive oil
  • 200 g radicchio roughly cut
  • 320 g. Carnaroli rice or Arborio rice (cooking time 15 or 18 min.)
  • 100 g. orange juice, filtered
  • 650 g. vegetable broth or water and vegetable stock cube
  • hard ricotta cheese flakes (ricotta salata) to taste
  • salt to taste
  1. Heat the oil in a saucepan over medium heat.
  2. Add the vegetable mix and cook it until translucent, about 5 min..
  3. Add the radicchio and sauté for 5 min. stirring from time to time. Season with a little salt.
  4. Add the rice and stir quickly, until is well-coated and opaque (this step takes one min. and cooks the starchy coating)
  5. Stir in the orange juice and cook  for a couple of min.
  6. Add the broth a little at a time:  allow the rice to absorb each addition of broth before adding more and keep going until the rice has absorbed the liquid.
  7. Serve it immediately together with the cheese.
  8. It’s different!
ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione