Tag Archives: orange

Risotto barbabietola, arancia e semi di papavero.

25 Apr

images-1ENGLISH VERSION AFTER THE TALIAN.

Perchè questo silenzio, questa latitanza per più di un mese? I motivi sono stati molti: il polso rotto, per esempio, che doveva assolutamente avere la priorità sulla cucina e quindi mi ha obbligata a fermarmi e forse, per una volta, era ora che lo facessi….. Un progetto molto importante e ricco di sorprese che sta assorbendo la maggior parte del mio tempo libero, ma che presto, spero, sarà realtà! Ma anche un certo distacco che avevo bisogno di prendere, dopo tanto tempo, dalla mia creaturina, dal mio amatissimo blog. Chissà, forse inconsciamente avevo bisogno di capire se contasse qualcosa per tutti voi, se sarebbe sopravvissuto anche ad un periodo di silenzio da parte mia e devo dire che i risultati mi hanno emozionata: l’affluenza non è mai mancata, voi ci siete sempre stati!!

Grazie.

Questo risotto non ho fatto in tempo a fotografarlo….è finito in un battibaleno, fidatevi quindi e provatelo, è fresco, allegro, colorato, di effetto e anche sano: cosa volete di più??! Perfetto per una cena in famiglia, ma anche per stupire gli amici con poca fatica e tanta fantasia!

Per 4 persone tempo di preparazione 10 min. tempo di cottura 25 min.

  • una cipolla piccola, tritata finemente
  • un goccio di olio extravergine di oliva
  • 320 g di riso Carnaroli cottura 18 min.
  • 50 g di barbabietola cotta al forno (si compra già cotta) e tagliata a dadini
  • il succo e la buccia grattugiata di 2 arance biologiche
  • brodo vegetale caldissimo q.b.
  • sale q.b.
  • burro per mantecare q.b.
  • parmigiano grattugiato q.b..
  • una manciata di semi di papavero tostati
  1. Preparate un soffrittino con cipolla e olio e lasciate dorare per qualche minuto (attenzione a non bruciare la cipolla!!)
  2. Tostate il riso per un paio di minuti mescolando, in modo da chiudere bene i chicchi che non rilascerano la loro fragranza.
  3. Aggiungete la barbabietola, insaporite qualche secondo e poi bagnate con il succo di arancia e il brodo.
  4. Salate e lasciate asciugare il brodo di arancia mescolando, senza esagerare, di tanto in tanto.
  5. Mantecate con burro e poco parmigiano.
  6. Impiattate e spolverizzate con i semini: una meraviglia!!!

Why this silence  for more than a month? The reasons are many: my broken wrist, for example, that just had to have priority over the kitchen and then forced me to stop and maybe, for once, it was time that I did it ….. A very important project and full of surprises that is absorbing most of my free time, but soon, I hope, will be a reality! But also a certain detachment that I needed to take  from my little creature, from my beloved blog. I knew, maybe unconsciously, that I needed to figure out if this blog matters to all of you, if he would survive to a period of silence on my part and I have to say that the results have excited me: the turnout was never absent, you have always been there !

Thank you.

This risotto… I have not had time to photograph it …. ended up in a huff, but trust me and try it, it’s cool, cheerful, colorful, effective and also healthy, what more would you like?! Perfect for a family dinner, but also to impress your friends with little effort and a lot of creativity!

Serves 4:  preparation time 10 min. cooking time 25 min.

  •     a small onion, finely chopped
  •     a dash of extra virgin olive oil
  •     320 g Carnaroli rice (cooking 18 min.)
  •     50 g of beetroot cooked in the oven (you buy already cooked) and diced
  •     the juice and zest of 2 oranges organic
  •     hot vegetable broth q.b.
  •     salt q.b.
  •     butter to thicken q.b.
  •     q.b. grated Parmesan cheese.
  •     a handful of toasted poppy seeds

 

  1.     Sautè the onion whit olive oil and let it brown for a few minutes (carefully: do  not burn the onion!)
  2.     Toast the rice for a few minutes stirring, so as to close fine grains which will not release their fragrance.
  3.     Add the beets, season a few seconds and then pour the orange juice and broth.
  4.     Add salt and let to dry without exaggerating, stirring from time to time.
  5.     Stir in a little butter and parmesan cheese.
  6.     Serve and sprinkle with the sesame seeds, amazing!

 

Annunci

Venerdì pesce: i filetti di salmone al cartoccio. – Wrapped salmon fillets.

25 Feb

Ma perchè dobbiamo trascorrere ore e ore in cucina per ottenere risultati mirabili? Ma chi l’ha detto? Ricordiamoci che certi cibi, il pesce in particolare, salvo rare eccezioni meno cuoce, meglio è!

Il cartoccio, poi, è davvero uno dei miei metodi di cottura preferiti: primo perchè è veloce e non sporca (:-D) e poi perchè aprire quel cartoccio, alla fine di tutto, magari davanti agli ospiti….è sempre una festa e una piacevole scoperta.

Per 4 persone:

  • olio extravergine di oliva molto buono q.b.
  • 4 bei filetti di salmone,  spinati .
  • 1 finocchio lavato e tagliato fine fine
  • sale magari aromatizzato (tipo affumicato, o allo zenzero…o come volete voi, se ce l’avete), ma anche sale fino va bene, q.b.
  • pepe bianco q.b.
  • zenzero pelato e grattugiato almeno 2 cm. di radice
  • aceto balsamico poche gocce
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 2 c ucchiai di succo di arancia
  1. In un contenitore che possa essere chiuso e messo in frigorifero versate l’olio e appoggiatevi sopra il pesce senza sovrapporlo e il finocchio.
  2. Salate e pepate.
  3. Grattugiatevi sopra lo zenzero in modo uniforme e condite con qualche goccia di aceto balsamico.
  4. Bagnate con il vino e il succo di arancia e lasciate marinare per un’oretta o anche più.  Ecco come si presentava la marinata prima di chiudere il cartoccio: 
  5. Versate il tutto in una pirofila foderata da carta forno e chiudete la carta forno a pacchetto. Più la  chiusura sarà accurata, più i sapori e gli odori rimarranno nel cartoccio e migliore sarà il vostro risultato.
  6. Cuocete in forno caldo a 200° per 20 min. circa, non di più o mi rovinate tutto il pesce………..
  7. E anche per oggi abbiamo portato in tavola un piatto gustoso, sano, semplice e veloce!!!!

“CARTOCCIO ”   FISH  SIMPLE AND HEALTHY, BUT TASTY.

It’s not necessary to spend so much time in the kitchen to have the best results…..most of the time, the least you cook your food, the best the result is….especially for fish!!!

So this time we cook a “pesce al cartoccio”, a fish wrapped in a parchment paper, with seasonings and other ingredients to add flavor and then baked.

Serving 4:

  • parchment paper
  • extra virgin olive oil to taste (1/2 a cup)
  • 4 salmon fillets without bones.
  • 1 chopped fresh fennel bulb, cut into small pieces
  • salt to taste: if you have a sort of aromatized salt (such as smoked, or gingered or whatever ) use it, otherwise a simple salt is ok.
  • white pepper to taste
  • grated ginger to taste
  • balsamic vinegar few drops
  • 1/2 cup of dry white wine
  • 2 tbsp of orange juice
  1. Pour the oil in a large bowl, put the fish and the fennel in it, season with salt and pepper.
  2. Grate the ginger over and season with few drops of balsamic vinegar.
  3. Pour the wine and the orange juice and leave it to marinade for one hour or even more.
  4. Cut a large piece of parchment paper long enough to cover length of fish, place it on a large baking sheet and fold the fish in half lengthwise.
  5. Seal tight: if the fish is too large to allow parchment paper to seal tight, place on aluminium foil and wrap foil up and around parchment edge, pinching to seal.
  6. Bake at 200C° for 20 minutes. Carefully tear paper open, allowing steam to escape.
  7. Enjoy!!!!
  8. Spoon the marinade mix over them

A casa di Cinzia, curiosando in dispensa: la torta melarancia. – Apple and orange tarte tatin.

16 Feb

Cinzia è stata affettuosa, ma soprattutto preziosa per l’avvio del mio blog: mi ha incoraggiata tutte le mattine con i suoi suggerimenti imperdibili e i suoi sorrisi fiduciosi.

Ho deciso, quindi di scegliere proprio lei e di  entrare una volta alla settimana nella sua dispensa.  Mi inventerò una bella ricetta sfiziosa partendo dagli ingredienti che vi troverò………una bella sfida no? Effettivamente…come dire….la cucina non è una delle priorità di Cinzia…per cui la creatività mi sarà molto di aiuto…….!

Sarà la dimostrazione che per cucinare non sono necessarie scorte esagerate, ma che anche con poco, purchè di ottima qualità e freschezza,  si può fare un’ottima figura!!!

E ora………..avventuriamoci!! Che passa il convento oggi?

Arance, arance, ARANCE…..mai viste tante arance così!! Ma cosa te ne fai?? “Pensavo di fare scorta di vitamina C…., ma non ho mai tempo di spremerle……..” mi ha risposto. E poi non dimentichiamo che l’arancio è importantissimo a casa di Cinzia: la sua cucciola: una ragazzina mooooolto carina, si chiama, appunto Arancia!!

Ma in dispensa vedo anche delle MELE…….

Potremmo fare delle mele ripiene….ma oggi fa freddo e una bella torta di mele e arance mi attira di più……….Proviamo.

LA TORTA MELARANCIA IN ONORE DI ARANCIA

Per 6 persone:

Per la pasta:

  • 320 g. di farina, più q.b. per la teglia
  • 230 g. di burro freddissimo a tocchetti, più q.b. per la teglia
  • 110 g. zucchero a velo
  • 3 tuorli

Per il ripieno:

  • 2-3 mele golden o renette (quelle di Cinzia sono Golden), pelate, pulite  e tagliate in quarti
  • il succo di mezzo limone
  • 1-2 arance pelate al vivo e tagliate a spicchi
  • 110 g. di zucchero
  • 110 g. di burro
  1. Mettete le mele a bagno nel limone o diventeranno scure e bruttissime. Tenete da parte.
  2. Preparate la pasta: impastate in un food processor (o anche a mano se preferite) la farina, il burro e lo zucchero fino a quando non formeranno un composto granuloso.
  3. Ora aggiungete velocissimamente le uova: tenete presente che state facendo una frolla: meno la lavorate meglio è!!
  4. Ottenuto un bell’impasto giallo dividetelo in due parti e mettetelo in freezer (attenzione: congelatore, non frigorifero) per almeno un’ora.
  5. A questo punto preparate il ripieno: versate 85 g. di zucchero in una padella antiaderente ( se è di quelle che vanno in forno ancora meglio) e mettetelo su fuoco medio. Mescolate fino a quando lo zucchero non sarà caramellato e liquefatto (attenzione, ci mette pochissimo, solo qualche minuto non lo abbandonate a se stesso!!)
  6. Togliete la padella dal fuoco e appoggiate sopra il fondo (ricoperto dallo zucchero,) le  fette di mela e di arancia a raggiera, secondo il vostro gusto.
  7. Cuocete a fuoco basso fino a quando le mele non si saranno ammorbidite (circa 15-20 min.) e cominceranno a rilasciare un poco del loro liquido.
  8. Spegnete il fuoco e spolverizzate con lo zucchero rimasto (25 g.), aggiungete i 110 g. di  burro a fiocchetti.
  9. Togliete metà della pasta dal freezer e, con una grattugia (meglio quelle lunghe e strette che ci sono ora in commercio), grattugiatela sopra la frutta, formando uno strato omogeneo di circa 2,5 cm. di altezza: non pressate.
  10. Se invece preferite, tirate una sfoglia e appoggiatela sulla frutta rivoltando i bordi verso il basso.
  11. Passate in forno a 220° per 20 min. circa fino a quando la pasta non sarà bella colorata. Lasciare riposare un paio di minuti e poi, con grande attenzione, rovesciate la torta su un piatto GRANDE.
  12. Ecco fatto!!! Potete servire con una pallina di gelato, se volete.
  13. E l’altra metà della pasta frolla direte voi??? O la surgelate per la prossima volta o……a domani!

APPLE AND ORANGE TARTE TATIN

Today, we start to visit Cinzia’s cupboard . Once a week I will enter her home and cook something using what I’ll be able to find in her cupboard.

I will show you that it’s easy to cook with a little bit of fantasy even with few ingredients (less is more in the kitchen…!), provided that they ae fresh and of the best quality!!

Today I have found some apples and some oranges in Cinzia’s cupboard and I’ve decided to cook an apple and orange upside down cake (tarte tatin in french.) Follow me!!!

Serving 6:

For the pastry:

  • 320 g. of plain flour
  • 220 g. of ice-cold butter
  • 110 g. of icing sugar
  • 3 egg yolks

For the filling:

  • 2 apples (Cox), peeled, cored and cut into 8 wedges, placed in a bowl and squeezed with lemon.
  • the juice of half lemon
  • 1 orange peeled off (no white, only orange) and cut in segments.
  • 110 g. of sugar
  • 110 g. of butter
  1. Make the pastry mixing in a food processor flour, butter and icing sugar just until they form a crumble. Add the yolks and mix until it turns into a dough.
  2. Divide it into two parts, wrap in clingfilm and put in the freezer for at least one hour.
  3. Prepare the filling sprinkling 85 g. of sugar in a heavy bottomed pan. Put it over a medium heat turning frequently: it doesn’t have to burn!!!
  4. When the sugar is a little caramelized, remove from the heat and arrange the drained apple pieces and orange segments in one layer over the bottom of the pan.
  5. Cook over slow heat until the apples have softened (15 to 20 mn.)
  6. Remove from the oven, sprinkle with the remaining sugar and dot the butter on the top.
  7. Remove one half of the pastry from the freezer and grate it with long steady strokes over the fruit, until it forms an even layer at least 2,5 cm. thick: use a cheese grater and do not press down. If you prefer, flatten the dough into a disk larger than your pan dish and place it on top of the fruit, tucking the edges into the dish.
  8. Cook into the oven at 220 C/425 F for 20-30 min. until the pastry is golden brown.
  9. Remove from the oven, leave to rest for few min. and turn the cake upside down over a large serving dish.
  10. Serve warm with double cream or ice cream.
  11. And the remaining half of the pastry??? You can keep it for the next time or…….see you tomorrow!!!
Kite inNepal

I didn't know, but i love the wind

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Koji AND Fermentation AND Cooking AND Science AND Pickles AND Cultures AND Preservation

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione