Tag Archives: Wine

Ragù di pesce: un must. Fish ragù: a must!

26 Ago

Buongiorno a tutti! Continua il grande caldo, ma noi guardiamo avanti, verso la fine della settimana quando le temperature dovrebbero scendere un poco e quindi tornare la voglia di mettersi ai fornelli……!

Oggi ho deciso di proporvi il mio ragù di pesce, una ricetta di quelle che si tengono care per sempre, dato che non tradisce mai. Con questo ragù potete condire un piatto di ravioli di verdura, come ho fatto io, ed ottenere così un invidiabile piatto unico, oppure semplicemente abbinarlo a dei tagliolini…..fate come volete, ma fatelo questo ragù, non ve ne pentirete!!!!

Per 6 persone:

  • olio extravergine di oliva q.b.
  • uno scalogno pelato e tagliato finissimo
  • 300 g. di seppioline o calamaretti già puliti, anche gli anelli di calamari vanno bene
  • un cucchiaio o due di salsa di pomodoro ristretta, oppure 300 g di salsa di pomodoro buona
  • 150 g. di filetti di scorfano o gallinella a cubetti
  • 150 g. di filetti di branzino o orata a cubetti
  • 1 fette di pesce spada a cubetti
  • una decina di gamberoni bellissimi e di ottima qualità
  • un bicchiere di vino bianco secco buono
  • sale q.b.
  • pepe se vi piace
  • peperoncino se volete, ma io non lo metto
  1. Scaldate l’olio in una padella capiente (l’ideale sarebbe di rame o di coccio…) e rosolatevi a fuoco dolce lo scalogno aggiungendo di tanto in tanto poca acqua calda.
  2. Continuate fino a quando lo scalogno non sarà trasparente, poi aggiungete le seppie e la salsa ristretta di pomodoro:  mescolate per fare insaporire.
  3. Bagnate con un terzo del vino bianco e lasciate cuocere qualche minuto.
  4. Unite i filetti di pesce e il pesce spada, salate e  fate insaporire qualche minuo mescolando, poi bagnate con un terzo del vino bianco e cuocete qualhe minuto.
  5. Aggiungete i gamberoni e il rimanente vino bianco, salate poco e  alzate il fuoco: cuocete qualche minuto mescolando.
  6. Pepate e aggiungete il peperoncino se vi piace piccante, fate restringere il sugo se ce ne fosse bisogno, condite la pasta e servite!!

Hello everyone! It’s very hot here, but we look forward to the weekend when temperatures are expected to fall slightly and then we will be able to return to the  stove ……!

Today I decided to write about my fish sauce, a recipe that you can hold  forever……. With this sauce you can season a dish of ravioli filled with vegetables, like I did, and thus make an enviable unique dish, or just combine it with the noodles ….. do as you like, but do this sauce, you will not regret!

For 6 persons:

  • Extra virgin olive oil to taste
  • A shallot, peeled and finely chopped
  • 300 g. of cuttlefish or squid already cleaned, even the squid rings are good
  • 300 g of tomato sauce
    Shallot bulbs

    Image via Wikipedia

  • 150 g. of rockfish fillets cut in small pieces
  • 150 g. of sea bass or bream fillets cut in small pieces
  • 1 slice of swordfish cut in small cubes
  • A dozen prawns beautiful and of excellent quality
  • A  glass of good dry white wine
  • Salt to taste
  • Pepper if you like
  • If you like chili, but I do not for this recipe

1. Heat the oil in a large skillet (ideally copper or earthenware …) on low heat and brown the shallots  adding from time to time a little hot water.
2. Continue until the shallot is transparent, then add the cuttlefish and tomato sauce: mix.
3. Sprinkle with one-third of white wine and simmer a few minutes.
4. Add the fish fillets and the swordfish, season with salt and cook few minutes stirring, then pour one-third of white wine and cook some minutes.
5. Add the prawns and the remaining white wine, season with salt, and lower the fire, cook a few minutes while stirring.
6. Season with pepper and hot pepper if you like spicy, restrict the sauce if it’s needed, add  pasta and serve!

Annunci

Risotto fiori di zucca, zafferano e basilico. Zucchini flowers, saffron and basil risotto.

6 Giu

Buongiorno!

Anche oggi ho pensato ad un bel risottino primaverile e colorato con i fiori di zucca che ne dite? Ma prima parliamo un poco dei fiori di zucca: lo sapevate che contengono molta vitamina A, sono diuretici e rinfrescanti e molto digeribili (a patto ovviamente di cucinarli senza grassi)?

Qualche consiglio prima di comprarli: controllate che abbiano un colore vivo e che siano aperti, state anche attenti che i petali non siano arricciati. Petali e gambi devono essere integri e sodi!

Li potete conservare  in frigorifero nello scomparto della frutta e verdura: essendo molto delicati non si mantengono a lungo, quindi consumateli entro 1-2 giorni dall’acquisto!

Per 4 persone:

  • Misto per soffritto surgelato 1 cucchiaio o, se preferite, non più di 50 g. di misto carota-sedano-cipolla tritati
  • 30 g. di olio extravergine di oliva
  • 200 g. di zucchine tagliate a pezzetti piccolissimi
  • sale q.b.
  • 200 g. di fiori di zucca puliti e tagliati in quattro
  • 320 g. di riso Carnaroli (18 min. di cottura)
  • 1 bicchiere di vino bianco secco (circa 120-150 g.)
  • 600 g. circa di brodo vegetale o acqua e dado vegetale
  • 1 bustina di zafferano
  • 70 g. di parmigiano grattugiato
  • 1 manciata di foglie di basilico, lavate, asciugate e tagliate a pezzi manualmente
  1. Fate un bel soffritto con l’olio e le verdurine, senza farlo bruciare mi raccomando, anzi meglio un po’ stufato.
  2. Aggiungete le zucchine e fatele insaporire per qualche minuto:  salate moderatamente.
  3. Unite un terzo dei fiori di zucca e il riso e fate rosolare per bene così si chiudono i chicchi e non esce il buono, (un minutino basta).
  4. Sfumate con il vino bianco a alzate il fuoco per un paio di minuti, così tutto l’alcool se ne va, voi continuate però a mescolare.
  5. Unite, un poco alla volta,  il brodo in cui avrete fatto sciogliere lo zafferano:  caldissimo mi raccomando o fermerete la cottura!!!
  6. Continuate a cuocere per almeno 10 min. sempre mescolando, alla fine unite i rimanenti fiori di zucca.
  7. Proseguite per 3 min. circa, poi assaggiate di sale e controllate la cottura.
  8. Unite il parmigiano e il basilico, mescolate e servite subito.
  9. E’ proprio buono!!

Hello!
Even today I thought about a beautiful and colorful spring risotto with zucchini flowers, what do you think? But first let’s talk a little about the zucchini flowers: did you know that they contain plenty of vitamin A, and diuretics are refreshing and easily digested (as long to cook without fat of course)?

Some advices before you buy them: they must have a bright color and be open: be aware that the petals are not curled. Petals and stems should be intact and firm!

You can store them in the refrigerator compartment of fruit and vegetables;  being very sensitive do not keep them long, so eat them within 1-2 days of purchase!

4 servings:

  • 2 tbsp of extra-virgin olive oil
  • 2 tbsp of skinned and minced onion + carrot + celery, even defrost
  • 200 g. zucchini cut in very small cubes
  • salt to taste
  • 200 g. zucchini flowers cut in four parts
  • 320 g. Carnaroli rice (cooking time 18 min.)
  • 1 glass of dry white wine (120-150g.)
  • 600 g. vegetable broth or water and vegetable stock cube
  • saffron to taste
  • 70 g. grated parmesan cheese
  • 1 handful of basil leaves, cut by hand
  1. Heat the oil in a saucepan over medium heat.
  2. Add the vegetable mix and cook it until translucent, about 5 min.
  3. Add the zucchini and sauté for 5 min. Season with a little salt.
  4. Add the rice and one-third of zucchini flowers, stir until the rice is well-coated and opaque (this step takes one min. and cooks the starchy coating)
  5. Stir in the wine and cook until the alcohol has evaporated ( a couple of min.)
  6. Add the broth a little at a time and the saffron:  allow the rice to absorb each addition of broth before adding more and keep going until the rice has absorbed the liquid.
  7. After 10 min. add the remaining zucchini flowers.
  8. After 3 more min. taste the salt and the cooking point.
  9. Add the cheese and the basil, continue until cooked through and serve.
  10. It’s really delicious.

Risotto con asparagi al profumo di dragoncello!! Asparagus and tarragon risotto!

1 Giu

Gli asparagi sono davvero buoni e fanno bene! Vi riporto le proprietà terapeutiche che ho trovato sul web:

“Gli asparagi fanno davvero bene, sono  un alimento molto utile al cuore e ai muscoli in generale; hanno un buon  effetto diuretico a causa del rapporto potassio/azoto molto elevato e dell’asparagina, che oltretutto è responsabile del loro forte odore penetrante. Sono inoltre ipocalorici e apportano una quantità equilibrata di vitamine e sali minerali all’organismo che sono pressochè indispensabili per il buon funzionamento del sistema nervoso e del cuore. Come quasi tutte le piante esistenti in natura, gli asparagi hanno proprietà curative; infatti vengono consigliati per la cura di patologie reumatiche e problemi urinari, mentre le loro radici vengono utilizzate per i cardiopatici , eliminando l’acqua che ristagna nei vari tessuti a causa della debolezza dell’attività cardiaca.”

Bene, direi che ne vale proprio la pena, se poi ce li cuciniamo con un bel risotto è veramente una festa. Ma sapete quale erba aromatica si sposa meglio con l’asparago? Il dragoncello che oggi si trova fresco in questa stagione nei negozi più forniti e secco in tutti i supermercati: un due tre pronti via allora e fatemi sapere se vi è piaciuto!
Per 4 persone:
  • 2 cucchiai  di misto per soffritto scongelato, o 30 g. di verdurine (sedano carota cipolla) tritate.
  • 30 g. di olio extravergine di oliva
  • 200 g. di asparagi lessati qualche minuto e tagliati a rondelle
  • 320 g. di riso Carnaroli o Arborio (15-18 min. di cottura)
  • 50 g. di vino bianco secco
  • 650 g. di brodo vegetale caldo o acqua e dado vegetale o, ancora meglio, di acqua di cottura degli asparagi.
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • una noce di burro
  • una bella manciata di dragoncello
  • sale q.b.
  1. Soffriggere le verdure nell’olio senza bruciarle, magari aggiungete un poco di acqua calda se necessario.
  2. Aggiungete gli asparagi e fateli insaporire per bene; circa 2-3 min. girando di tanto in tanto (attenzione: di tanto in tanto non significa una volta ogni 5 min., non abbandonate il fornello!!!!)
  3. Unite il riso e fatelo tostare per bene almeno per un minuto così i chicchi si chiudono e mantengono tutto il loro  sapore.
  4. Versate il vino e fatelo evaporare, poi continuate con il brodo, aggiungendone un poco quando il precedente sarà stato assorbito, salate.
  5. A cottura ultimata, condire con burro, parmigiano e dragoncello.
Asparagus is very good vegetable and very healthy! I give you the therapeutic properties that I found on the web:“Asparagus are really good, they are very useful for heart and muscles and, in general, have a good diuretic effect due to potassium ratio and  very high nitrogen and asparagine rate, which moreover is responsible for their strong pungent smell. They also provide a low-calorie and balanced amounts of vitamins and minerals to the body which are almost essential to the proper functioning of the nervous system and heart. Like nearly all the natural plants, asparagus have healing properties, because they are recommended for treatment of rheumatic diseases and urinary problems, while their roots are used for cardiac patients, eliminating the water that accumulates in various tissues because of the weak of heart. “
Well, I’d say it worth the effort, if then we cook them with a good risotto is really a party! But do you know which aromatic herb goes best with asparagus? The fresh tarragon: the resh is now in stores, the dry one is stocked in all supermarkets  so….. one two three we are ready to go and then let me know if you’ve liked it!
4 servings:
  • 2 tbsp of skinned and minced onion + carrot + celery, even defrost
  • 2 tbsp of extra-virgin olive oil
  • 200 g asparagus spears boiled and drained:cut in pieces
  • 320 g. Carnaroli rice or Arborio rice (cooking time 15 or 18 min.)
  • 50 g. dry white wine
  • 650 g. vegetable broth or water and vegetable stock cube
  • parmesan cheese to taste
  • a small piece of butter
  • tarragon to taste
  • salt to taste
  1. Heat the oil in a saucepan over medium heat.
  2. Add the vegetable mix and cook it until translucent, about 5 min..
  3. Add the asparagus spears and sauté for 2-3 min. stirring from time to time. Season with a little salt.
  4. Add the rice and stir quickly, until is well-coated and opaque (this step takes one min. and cooks the starchy coating)
  5. Stir in the wine and cook  for a couple of minutes.
  6. Add the broth a little at a time:  allow the rice to absorb each addition of broth before adding more and keep going until the rice has absorbed the liquid.
  7. Season with cheese, butter and tarragon.
  8. Serve it immediately.



Il risotto con le ciliegie!! Cherry risotto.

25 Mag

Che ne dite di un bel risottino oggi? Mi sono fatta tentare dalle ciliegie, nonostante il prezzo di anno in anno più proibitivo, per cui ne ho comprate poche, 3 etti. A questo punto il dilemma era: che farne…??!!! Che fare con solo 300 grammi di ciliegie? E siccome un risottino non si nega a nessuno…….ecco qua!

Prima della ricetta, però, vorrei parlarvi un attimo delle proprietà delle ciliegie: lo sapete che sono ricche di vitamina A ed è utilissima per le persone anziane e per gli ipertesi grazie al suo contenuto di potassio (così utile con questo caldo….). Inoltre contengono pochissimo sodio per cui sono diuretiche.

Inoltre, secondo lo studio condotto dalla  Western Human Nutrition Research Center di Davis in California, le ciliegie riuscirebbero a combattere le infiammazioni delle articolazioni determinate dall’artrite e  avrebbero anche  un’azione antidolorifica, simile a quella dell’aspirina e una funzione di protezione del cuore e dell’apparato cardiocircolatorio grazie agli antociani che contengono.
Insomma, consumando a digiuno 25 ciliegie al giorno e acqua in grande quantità si otterrebbe  un effetto depurante e disintossicante, ottimo in caso di stipsi e contro lo stress (favorito dall’equilibrio tra acidi e sali minerali presenti nel frutto).

Gianluca, cuoco sopraffino, ha realizzato questa ricetta e l’ha mantecata con lo yogurt al posto del burro: il risultato è stato brillante e molto meno grasso. Una valida alternativa non vi pare??!! Grazie Gianluca!

 

Ma ora il risotto….:

Per 4 persone:

  • 1 cipolla piccola (40 g.) pelata e tagliata sottile
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 320 g. di riso carnaroli
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 300 g. di ciliegie lavate e  snocciolate
  • brodo vegetale q.b. (circa 700 g.)
  • erba cipollina tagliata con la forbice una manciata
  • sale q.b.
  • burro per mantecare q.b.
  1. Fate un bel soffritto con l’olio e la cipolla, senza farlo bruciare mi raccomando, anzi meglio un po’ stufato.
  2. Unite il riso e fatelo tostare per bene così si chiudono i chicchi e non esce il buono, (un minutino basta).
  3. Sfumate con il vino bianco a alzate il fuoco per un paio di minuti, così tutto l’alcool se ne va, voi continuate però a mescolare.
  4. Unite, le ciliegie e fatele ripassare nel condimento per un paio di minuti.
  5. Aggiungete, un poco alla volta,  il brodo:  caldissimo mi raccomando o fermerete la cottura!!!
  6. Salate e continuate a cuocere per almeno 10 min. sempre mescolando.
  7. Proseguite per 3 min. circa, poi assaggiate di sale e controllate la cottura.
  8. Unite il burro e l’erba cipollina, mescolate e servite subito.
  9. E’ una delizia.

How about a nice risotto today? I got groped by cherries, despite the price from year to year more prohibitive, so I bought a few, less than one pound.

Now the dilemma was: what to do with them …??!!! What to do with less than one pound of cherries? And as a risotto is not denied to anyone ……. here it is!

Gianluca has cooked this risotto seasoning with yogurt instead of butter: the result has been very appreciable, lighter and tasty!

 

Before the recipe, however, let me speak briefly about the properties of cherries: you know that they are rich in vitamin A and so useful for the elderly and hypertensive, due to their potassium content (so useful in this hot weather …. ). They also contain very little sodium and so they are diuretic.

In addition, the study conducted by the Western Human Nutrition Research Center in Davis, California, says that cherries would be able to fight the inflammation of the joints from arthritis and would also have certain analgesic action, similar to that of aspirin and a security feature of heart and the cardiovascular system due to anthocyanins contained.
In short, eating 25 cherries a day together with a lot of  water, would have a purifying and detoxifying effect, just in case of constipation and stress (favored by the balance between acids and mineral elements in fruit).

But now the risotto ….:

Serves 4:

  1. A pair of cherries from the same stalk. Prunus...

    Image via Wikipedi4 servings:

  • 2 tbsp of skinned and minced onion
  • 2 tbsp of extra-virgin olive oil
  • 300 g. cherry, previously washed and stoned
  • 320 g. Carnaroli rice (cooking time 18 min.)
  • 1 glass of dry white wine (120-150g.)
  • 700 g. vegetable broth or water and vegetable stock cube
  • 1 bunch of chives cut with scissors
  • salt to taste
  • butter to taste
  1. Heat the oil in a saucepan over medium heat.
  2. Add the onion and cook it until translucent, about 5 min..
  3. Add the rice and stir quickly, until is well-coated and opaque (this step takes one min. and cooks the starchy coating).
  4. Stir in the wine and cook until the alcohol has evaporated ( a couple of min.)
  5. Add cherries and stir for a couple of minutes.
  6. Add the broth a little at a time and salt:  allow the rice to absorb each addition of broth before adding more and keep going until the rice has absorbed the liquid.
  7. After 3 more min. taste the salt and the cooking point.
  8. Add the butter, continue until cooked through and serve.
  9. It’s delicious.
culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione