Archivio | ottobre, 2012

Risotto zucca, pisellini e olive nere: bello e buono!

28 Ott

Zucca, zucca e zucca!!! Che buona e che allegria tutto quell’arancione! Mi piace e poi ci sono i semi da recuperare, tostare ed usare per il pane o per la pasta……e poi fa così autunno e io l’autunno lo adoro veramente con i suoi colori e la sua nebbiolina del mattino…….

Ok….ok….vi passo la ricetta….! Voi però provatela, merita veramente, è bella perchè ha colori magnifici ed è buona, anche se devo ammettere che piselli e zucca appartengono a stagioni completamente diverse….non importa, i pisellini surgelati sono buoni, dolci e il loro sapore si sposa benissimo alla zucca, esaltato poi dal salato delle olive.

Per 4-5 persone:

  • un pezzetto di burro, decidete voi quanto, ma poco poco va bene
  • carota e cipolla tagliati finissimi, anche sedano se vi piace, a me no per cui non lo metto
  • 320 g di riso carnaroli
  • 960 g di brodo di carne o acqua e dado se proprio il brodo non ce l’avete…..
  • sale q.b.
  • 150 g di zucca cotta al forno e tagliata a pezzetti
  • 150 g di pisellini saltati in padella
  • 50 g di olive nere denocciolate
  • parmigiano reggiano grattugiato q.b.
  1. In un pentolino piccolo sciogliete il burro, senza portarlo a temperatura troppo elevata o brucierà e dovrete buttare tutto…..
  2. Saltatevi le verdurine per qualche minuto, spaegnete il fuoco e tenete da parte.
  3. In una pentola molto calda, senza grassi, tostate il riso per qualche minuto continuando a mescolare.
  4. Aggiungete tutto il brodo, molto molto caldo, e mescolate.
  5. Cuocete a fuoco medio, nè troppo alto, nè troppo basso, per almeno 12 minuti senza mescolando due o tre volte al massimo.
  6. A questo punto mettetevi completamente al servizio del vostro risotto, tanto mancheranno solo pochi minuti alla cottura: controllate che il brodo sia sufficiente, diversamente aggiungetene un poco e portate a cottura.
  7. Due minuti prima della cottura, aggiungete le verdure (zucca, piselli e olive) e il formaggio.
  8. Aggiungete il burro tenuto da parte e servite!!!
  9. Buon appetito!!
Annunci

Biscotti al cioccolato: non troppo dolci!

23 Ott

I biscotti sono….come dire…..un vero attentato alla linea…di solito uno tira l’altro….ma a volte risultano troppo dolci e quindi alla fine stancano……

Questi sono un po’ speciali, non stancano, non sono troppo dolci, nè troppo perfetti, nè troppo belli…sono semplicemente buonissimi! Li ho fatti per un amico di mio figlio che compiva gli anni e sono stati molto apprezzati, vi passo volentieri la ricetta, ne vale la pena!

Per una ventina circa di biscotti:

  • 200 g di cioccolato fondente a pezzettoni
  • 50 g di burro morbido
  • 100 g di zucchero
  • 3 uova
  • 220 g di farina 00
  • 1 bustina di lievito
  • 50 g di cacao amaro
  1. In un mixer tritate finemente il cioccolato e aggiungete il burro: miscelate per bene.
  2. Unite lo zucchero e lavorate l’impasto, sempre con il mixer, per qualche minuto così le lame lo scalderanno e si amalgamerà meglio.
  3. Unite le uova, sempre mescolando, ad una ad una.
  4. A questo punto non rimane che aggiungere la farina e il cacao e mescolare per bene fino a quando il composto sarà omogeneo.
  5. Mettetelo in frigorifero avvolto nella pellicola per almeno un’ora.
  6. Trascorso questo tempo, con un cucchiaio dividete il composto in tante palline non troppo uguali tra loro.
  7. Disponetele su una teglia foderata da carta forno un poco distanti tra loro.
  8. Cuocete in forno caldo a 180° per circa 20 min.
  9. Lasciate raffreddare e sperate che durino almeno mezza giornata!

 

Pan di zucca: la mia versione che riesce sempre!

13 Ott

Zucca, zucca e ancora zucca!!!! Mi piace tutto della zucca: la sua forma, il suo colore, la sua consistenza, la sua dolcezza……la sua versatilità! Che siano salate o dolci, le creazioni a base di zucca sono sempre una gioia per la tavola e per il palato.

In verità a me la zucca piace di più in versione salata…..ad eccezione di questo pan di zucca che segna, per me, l’arrivo dell’autunno, di cotture coccolose, lunghe e calde……

Per circa 20 pani di zucca:

  • 400 g di purea di zucca (circa 600 g di zucca cruda e pulita)
  • 350 g di farina manitoba
  • 300 g di farina 00 oppure 0
  • 12 g di lievito di birra fresco (mezzo panetto)
  • 150 ml di latte tiepido
  • 60 g di burro fuso
  • 100 g di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bacca di vaniglia
  • uvetta q.b.
  1. Per  la purea di zucca: pulite la zucca, tagliatela a cubetti e cuocetela in forno con poca acqua  fino a quando la polpa non risulterà ben cotta (basta provare ad infilare una forchetta nella zucca).
  2. Frullatela, mescolatela con le farine e con il lievito che avrete fatto sciogliere in un poco di latte: tenete  da parte.
  3. Versate in un altro recipiente il rimanente latte, il burro, lo  zucchero, il sale  e i semi di vaniglia: mescolate e aggiungete il composto con le farine tenuto da parte.
  4. Iniziate ad impastare, se l’impasto dovesse risultare appiccicoso (non c’è zucca uguale ad un’altra) aggiungete un po’ più di farina fino a raggiungere la consistenza dell’impasto per la pizza.
  5. Impastate per una decina di minuti, poi unite l’uvetta ammollata in acqua ed impastate ancora fino a quando l’impasto non si staccherà dalle pareti del recipiente;
  6. Formate una palla, copritela con un canovaccio e lasciate lievitare in un luogo tiepido fino al raddoppio dell’impasto (da 1 a 2 ore).
  7. Versate l’impasto sulla spianatoia e sgonfiatelo leggermente senza lavorarlo troppo,.
  8. Ricavatene 20 palline e disponetele in una teglia dai bordi alti (rivestita con carta forno) lasciando circa 5 cm di spazio tra l’una e l’altra.
  9. Coprite e lasciate lievitare di nuovo finchè le briochine non saranno raddoppiate  (1 oretta).
  10. Infornate a 180°per 20′ circa:  si conservano per più di un giorno, ben chiuse in sacchetti.

*

Polpettone con frutta secca su letto di purea alla zucca

12 Ott

Questo polpettone è assolutamente meraviglioso, la ricetta iniziale proviene dalla Cucina Italiana e la potete trovare qui, io l’ho leggermente modificata secondo i miei gusti e la mia fantasia, il risultato è assolutamente strepitoso, i miei ospiti l’hanno gradito molto! I polpettoni sono sempre un jolly, si preparano velocemente, possono essere confezionati in anticipo e piacciono a tutti, soprattutto ai bambini.

Hanno un unico difetto, a mio parere, non sono molto eleganti……ma se sono presentati su una base colorata, come questo, ecco….allora sono belli da vedere e il gioco è fatto!

L’unica accortezza: cuocendolo in forno, al cartoccio, non rimane sugo, per cui è fondamentale servirlo con il purè, diversamente risulterebbe un poco asciutto. Fate quindi tutte le variazioni che volete, sperimentate pure se vi fa piacere, ma il purè no, quello non cambiatelo!

Per 8 persone:

  • 60 g di mollica di pane
  • latte q.b.
  • 40 g di pistacchi sgusciati
  • 40 g di pinoli (o noci, io ho usato le macadamia)
  • 1 mela verde grossa, pelata e tagliata a pezzi
  • 50 g di castagne bollite e pelate (si trovano già pronte, sottovuoto, al supermercato)
  • 80 g di mortadella a fette
  • 50 g di lardo a fette
  • 1 cipollotto piccolo pulito e tagliato a pezzi
  • 200 g di carne trita di vitellone
  • 100 g di carne  trita di maiale
  • 2-3 uova, dipende dalla grandezza
  • 1 cucchiaino di timo tritato
  • pasta di tartufo q.b.
  • sale e pepe q.b.
  • vino bianco secco q.b.
  • 500 g di zucca pelata,  sbollentata e passata
  • 500 g di patate cotte e pelate, passate.
  • poco burro per il purè
  • prezzemolo tritato sbollentato per qualche secondo, q.b.
  1. Mettete a bagno la mollica nel latte, sbriciolatela bene e lasciate riposare.
  2. Nel frattempo, tritate grossolanamente la frutta secca, aggiungete la mela e le castagne e continuate a tritare, sempre grossolanamente. Tenete da parte.
  3. Nello stesso mixer, senza lavare il boccale, tritate finemente mortadella, il lardo e il cipollotto; unite la carne trita con le uova e il timo : mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo.
  4. A questo punto unite le carni alla frutta tritata, alla pasta di tartufo e alla mollica ammorbidita: salate e pepate.
  5. Formate un rotolo che non abbia un diametro maggiore di 8 cm e arrotolatelo con un foglio di carta forno leggermente bagnato con del vino bianco di buona qualità
  6. Sigillatelo ai lati e cuocetelo in forno statico a 200-220° per 30 minuti circa, bagnandolo di tanto in tanto con vino o brodo.
  7. Nel frattempo, preparate un purè alla classica maniera, utilizzando patate e zucca (come daingredienti)
  8. Quando il purè sarà pronto, mantecatelo con un poco di burro, versatelo sul piatto da portata e ricopritelo con il polpettone a fette: ed ora godetevi i meritati complimenti dei commensali: non mancheranno!!
 

 

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione