Tag Archives: Flour

Il pane zafferano e mandorle di Mr Thiercelin

23 Mar

Mi sono scatenata con il pane……!!!

Faccio di tutto: con le olive, le noci, di mais, no kneaded, nero, 5 cereali…..e non ancora contenta……sono andata a scovare una ricetta che ricordavo sul libro “Saffron” (Agnés Viènot Edition), scritto da questo francese che ho tentato di contattare anche per mail ma non mi ha risposto (ahi ahi ahi……Mr Thiercelin…! Si risponde sempre ad una Signora…!)

Comunque il pane è buono, diverso dai soliti e molto di presenza, anche se non regalato perchè tra zafferano e mandorle il conto sale. Ma pazienza, alla fine non sono grosse cifre, dopotutto si parla sempre di pane.

Per 4-5 panini

  • 10 g di lievito di birra o pasta madre se l’avete
  • 200 g circa di acqua tiepida più q.b. per rendere elastica la pasta
  • 500 g di farina 00
  • sale q.b.
  • 10 g di zucchero
  • 30 g di olio extravergine di oliva
  • 1 uovo più un tuorlo
  • 1 bustina di zafferano
  • 50 g di mandorle pelate e tritate
  1. Diluite lievito e zafferano in un poco di acqua tiepida, aggiungendo anche lo zucchero che aiuterà il lievito ad attivarsi.
  2. Aggiungete olio, farina, uova ed il resto dell’acqua.
  3. Impastate fino a quando non avrete ottenuto un bell’impasto elastico, aggiungendo acqua se necessario.
  4. Mettete a lievitare in luogo asciutto e riparato per almeno un paio d’ore, ma se sono di più non preoccupatevi, meno forzate la lievitazione meglio è.
  5. A questo punto formate tanti piccoli panini, ungeteli nell’olio di oliva e rotolateli nelle mandorle.
  6. Lasciate lievitare ancora almeno una mezz’ora.
  7. Cuocete in forno caldo a 180° per 20 min. circa.
  8. Lasciate raffreddare e servite!!
Annunci

Gli scones salati. Savoury scones.

28 Lug

Buongiorno!!

Gli scones sono una specialità anglosassone e sono davvero molto buoni. Generalmente si trovano dolci e hanno un unico difetto: sono ricchissimi di burro e molto grossi….ecco perchè  oggi ve ne voglio proporre una versione salata alle erbe, da servire in dimensioni molto piccole come stuzzichino, o come accompagnamento ad una cena nel cestino del pane.

Per 6 persone

  • 250 g di farina bianca
  • 1 cucchiaino. zucchero
  • 10 g  di prezzemolo fresco tritato
  • 1 cucchiaino di  timo fresco tritato
  • 1 cucchiaino di dragoncello fresco tritato
  • 1 cucchiaino di maggiorana fresca tritata
  • pepe nero macinato a piacere
  • 1 uovo grande
  • 125 g  di latte
  • 120 g di burro freddo
  • 3 cucchiaini. lievito in polvere
  • ½ cucchiaino. sale

1. Preriscaldate il forno a 200 °
2. Setacciate la farina, lo zucchero, il lievito e il sale in una ciotola grande. Aggiungete le erbe  e il pepe macinato al momento e mescolare fino a quando il tutto sarà ben miscelato.
3. Tagliate il burro freddo nella miscela di farina fino a quando non otterrete una consistenza friabile.
4. Sbattete l’uovo e il latte in una piccola ciotola; aggiungete il composto di uova alla farina e mescolate fino a quando non sarà ben  amalgamato.
5. Girate la pasta su  una superficie infarinata e impastate per 10 volte.
6. Formate con  l’impasto tanti piccole palline e posizionatele sulla teglia preparata.
7. Infornate per 10-50 minuti fino a quando gli scones saranno dorati.
8. Sono migliori  serviti caldi per godere a pieno il profumo delle erbe.

Hello!

The scones are a specialty of english cuisine and they are really very good. Generally they are sweet and have only one fault: they are rich in butter and very big …. that’s why I want you today to propose a savory version with herbs, to be served in very small as a snack or as an accompaniment to a dinner in bread basket.

Herbs: basil, scallion

Image via Wikipedia

Serves 6:

  • 2 cups all-purpose white flour
  • 1 tsp. sugar
  • 3 tsp. baking powder
  • ½ tsp. salt
  • 1/3 cup cold butter
  • ¼ cup chopped fresh parsley
  • 1 tsp. chopped fresh thyme
  • 1 tsp. chopped fresh tarragon
  • 1 tsp. chopped fresh marjoram
  • Freshly ground black pepper to taste
  • 1 large egg
  • ½ cup milk


  1. Preheat oven to 400°
  2. Sift the flour, sugar, baking powder and salt in a large bowl. Add the chopped fresh herbs and freshly ground pepper. Stir until blended.
  3. Cut the cold butter into the flour mixture with a pastry cutter until it has a coarse, crumbly texture.
  4. Beat the egg and milk in a small bowl. Add the egg mixture to the flour mixture and stir until just blended.
  5. Turn the scone dough out onto a floured surface and knead 10 times.
  6. Shape the scone into small balls and place them on the prepared cookie sheet.
  7. Bake for 10-15 minutes until the scones are golden brown.
  8. This scone recipe is best served warm to fully enjoy the fragrance of the herbs.

La focaccia di Recco semplificata. Recco cheese focaccia.

22 Giu

Recco è una piccola cittadina a pochi chilometri a est di Genova, sulla Riviera Italiana, dove mi trovo in questo momento.
E’ questa cittadina che dà il nome alla più famosa focaccia ligure: la Focaccia di Recco.

Oggi vi propongo la versione semplificata, cioè con un solo strato di pasta, come la pizza, anzichè due strati tra i quali viene messo il formaggio come ripieno. Non me ne vogliano i cultori della vera focaccia di Recco, questa è…come dire…più alla portata di tutti, me compresa…!!

Provatela, è così diversa e speciale!

Servire 4:

  •      250 g di farina
  •      30 ml di olio extravergine di oliva
  •      110 ml di acqua
  •      250 g di crescenza

1. Mescolate la farina, l’olio extra vergine di oliva e acqua in un mixer con un gancio pasta e impastare bene in un impasto liscio.
2. Lasciate riposare per 1 ora.
3. Stendere la pasta in un cerchio molto sottile.
4. Ne fanno utilizzando un mattarello e poi tirando delicatamente la pasta con i pugni.
5. Deve essere molto sottile. Mettere il cerchio rotolato in una padella.
6. Tagliare la crescenza in piccoli pezzi e metterli sopra la pasta arrotolata.
7. Cuocere in forno ventilato preriscaldato costretti a 250 ° C per 10-12 minuti o fino a doratura.

Recco is a small town a few miles East of Genoa on the Italian Riviera, where I am at the moment.

Recco gives its name to the most famous focaccia dish- the Focaccia di Recco. It is said that in ancient times, the population of Recco would fine shelter from the invading Saracens on the hillsides. Only a few products were available oliv

A wooden rolling pin

Image via Wikipedia

e oil, flour, and the soft cheese called formaggio di Recco, very similar to crescenza.

Try it, it’s so different and special!!

Serving 4:

  • 250 g flour
  • 30 ml extra virgin olive oil
  • 110 ml water
  • 250 g crescenza cheese
  1. Mix flour, extra virgin olive oil and water in a mixer with a dough hook and knead well into a smooth dough.
  2. Let it rest for 1 hour.
  3. Roll the  dough  into a very thin circle.
  4. Make it by using a rolling-pin first and then by gently pulling the dough with your fists.
  5. It has to be very thin.  Put the  rolled circle into a pan.
  6. Cut the crescenza cheese into small pieces and place them on top of the rolled dough.
  7. Bake in a preheated fan forced oven at 250°C for 10-12 minutes or until golden brown.

Il pane con pochissimo lievito e poca lavorazione!! No kneaded and little yeast bread.

7 Giu

Quante volte abbiamo mangiato il pane e ci siamo sentiti gonfi? O abbiamo avuto bruciori di stomaco…?? I lieviti, si sa non a tutti fanno bene inoltre le lunghe lievitazioni permettono al pane di sviluppare più sapore grazie alla formazione di più tipologie di lieviti. Alcuni ceppi di lieviti infatti nelle brevi lievitazioni non fanno in tempo a svilupparsi.

In un’epoca in cui si tende sempre a velocizzare il tutto a me piace l’idea di tornare alle vecchie procedure e in tutto questo, il gusto ne guadagna…

e un altro problema che si ha quando si decide di cuocere una bella pagnotta è quello dell’impasto, soprattutto se non si possiede un’impastatrice……..ecco perchè ho deciso di raccontarvi il mio pane con poco lievito e pochissima lavorazione , fragrante e profumato: provatelo e ditemi come vi è venuto mi raccomando!!!!

Per una pagnotta:

  • 470 g. di farina tipo 0
  • 360 g. di acqua
  • 3 g di lievito di birra
  • 1o g. di sale
  • 10 g. di zucchero
  1. In una terrina capiente versate la farina, il lievito, lo zucchero e il sale e mescolarli.
  2. Aggiungete l’acqua e date una mescolata a mano solo quel tanto che basta a far amalgamare gli ingredienti.
  3. Mettete in una ciotola coperta e lasciate lievitare per 8 ore a temperatura ambiente.
  4. Trascorse le 8 ore, vi troverete con una massa “blobbosa”, che verserete su una spianatoia molto bene infarinata.
  5. Spolverate poi la superficie superiore di farina e lavorate ripiegando l’impasto su se stesso più volte.
  6.  Ora spolverate un contenitore con  della farina di riso o magari semola di grano duro o 00 se non avete altro.
  7. Mettete il pane nel contenitore cercando di formare una palla tonda (infarinatevi molto bene le mani perché l’impasto è molto idratato e molle).
  8. Spolverate anche la superficie con farina o quello che avete, coprite con uno strofinaccio e lasciate lievitare per un altro paio di ore.
  9. Mezz’ora prima di infornare introducete una pentola in ghisa o di terracotta o acciaio o pirex con il coperchio nel forno e portatelo a 230°.
  10. Quando il forno sarà ben caldo, trasferite l’impasto nella pentola e chiudete con il coperchio.
  11. Infornate per 30 minuti, dopodiché togliete il coperchio, abbassate la temperatura a 200° e continuate la cottura per altri 20 minuti.
  12. Una volta cotto, appoggiate il pane su una griglia a testa in giù per qualche minuto in modo che perda l’umidità. Lasciate raffreddare e gustate…

How many times have we eaten bread, and we felt swollen? Or we have had heartburn …?? The yeasts, we know that not all yeasts are good, for the long rising also allows the bread to develop more flavor thanks to the formation of several types of yeast. Some strains of yeast leavening are not able to develop in the short time.

In an age where we tend to speed things up I like the idea of ​​returning to the old procedures and in all this, taste get better …

And another problem is this: when you decide to bake a loaf you have to use a food processor  …….. that’s why I decided to give you my recipe of  my bread with a little yeast and very little work, fragrant and perfumed: try it and tell me how you came to me please!!

For one loaf:

* 470 g. flour type 0
* 360 g. water
* 3 g of yeast
* 1st g. salt
* 10 g. sugar

1. In a large bowl put the flour, baking powder, sugar and salt and mix.
2. Add the water and give a stir by hand only just enough to mix the ingredients.
3. Put in a covered bowl and let it rise for 8 hours at room temperature.
4. Spent 8 hours, you will find yourself with a bubble mass, which you will put on a floured pastry board.
5. Then sprinkle the top surface of flour and work the dough by folding in on itself several times.
6. Now sprinkle a container with rice flour or wheat flour or maybe 00 if you do not have another.
7. Place the bread in the container trying to form a round ball .
8. Sprinkle the surface with flour or even what you have, cover with a towel and let it rise for another couple of hours.
9. Half an hour before baking, introduce in oven a cast iron pan or clay or steel or Pyrex with a lid and bring it  to 230 degrees.
10. When the oven is hot, transfer the dough  into the pan and close with the lid.
11. Bake for 30 minutes, then remove the lid, lower the temperature to 200 ° and continue cooking for another 20 minutes.
12. Once cooked, place the bread on a wire rack upside down for a few minutes so that it loses moisture. Let cool and enjoy …

culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione