Archivio | Chef che mi piacciono RSS feed for this section

Perchè il corso da Ciccio Sultano a Ragusa non mi è piaciuto……

21 Mag

Partire da Milano, andare fino a Ragusa (bellissima peraltro) per un corso di cucina su pane e pasta e tornare delusi è davvero un peccato……

Cosa è successo?

Ciccio Sultano è sicuramente uno dei migliori chef che abbiamo in Italia, uno dei più attenti alla qualità delle materie prime, all’importanza del km zero…..geniale nei suoi accostamenti ma…..

….un corso di cucina con ricette spiegate male, mancanti di ingredienti che poi vengono utilizzati nell’esecuzione, oppure con gli ingredienti senza le grammature…..oppure con ricette di difficile attuazione se non si hanno in casa un forno a vapore per la pastorizzazione e un abbattitore di temperatura……ma che senso ha?

No, mi dispiace molto, non lo consiglierei e mi dispiace essere andata lì con così tanto entusiasmo senza peraltro trovare soddisfazione.

Annunci

Trattoria della Gloria: un indirizzo prezioso.

18 Ott

 

 

Ci sono posti che sorprendono per la loro semplice linearità, che poi è anche il loro punto di forza.

Questo ristorante è una meraviglia con l’accoglienza di Carmine che ti fa subito sentire a casa e la cucina di Gloria, la moglie, così pulita e priva di fronzoli, ma confezionata con ingredienti di primissima qualità.

Abbiamo mangiato dei piatti cucinati davvero molto bene,  Le linguine di Gloria al pesto di Cetara e colatura di Alici (presidio slow food) sono fantastiche, ma anche la parmigiana di cardi, che io adoro……, era ben fatta. Abbiamo visto passare anche delle mozzarelle strepitose…., abbiamo assaggiato la catalogna saltata col peperoncino e l’indivia con cannellini e olive…..insomma qui nulla è lasciato al caso.

La torta poi…..un’esperienza: un dolce al cioccolato che si scioglieva in bocca e che è una ricetta proprio di Gloria.

Il menù segue rigorosamente la stagione, nella migliore delle tradizioni! L’ambiente è accogliente e rilassato….e il conto lascia veramente soddisfatti perchè il rapporto qualità-prezzo non delude, anzi sorprende.

Non lasciatevelo scappare, vale una visita, con gli amici o in coppia, ma anche con la famiglia.

TRATTORIA DELLA GLORIA – VIA PICHI 5  (ANGOLO VIA BORSI)- TEL. 02 45474710   chiuso la domenica

Perchè Don Camillo non mi è piaciuto. Why I didn’t like Don Camillo.

6 Mag

Don Camillo, da sempre, è considerato uno dei migliori ristoranti di Ortigia, l’isola che rappresenta il centro storico, ma anche il centro mondano di Siracusa.

E’ un ristorante di tradizione, aperto dal 1985 e gestito da sempre dalla stessa famiglia.

Ci sono sempre andata con curiosità e buona predisposizione, ma questa volta lo devo proprio dire: sono rimasta delusa.

Prima di tutto, quando abbiamo ordinato al cameriere le portate che avevamo scelto dalla lista che ci avevano consegnato, ci siamo sentiti dire che ben 3 di quelle da noi richieste (su quattro…..!) non ‘erano disponibili…. E dirlo prima? Tenete presente che era un venerdì, quindi finesettimana…..come è possibile che numerose proposte della lista non fossero disponibili? E perchè non ci hanno usato la cortesia di avvertirci prima che scegliessimo?

Tutto da capo, quindi, e la scelta a quel punto cade su un pesce con olive, capperi e pomodoro (una vera rarità…..ma pazienza…..) che arriva galleggiante nell’unto: da non crederci.

Il tonno con marmellata di peperoni perfetto e strepitoso, ma perchè fare tante difficoltà per portarne due mezze porzioni? Mistero…….

Il pesce spada in crosta di pane……non lo consiglierei.

Il vino: la cantina è sicuramente fornitissima e di gran qualità, tuttavia se chiedete una proposta a calice, come abbiamo fatto noi perchè solo una persona su 4 beveva, storcono il naso e non ti dicono nemmeno cosa possono proporti!!! “Ci penso io” è stata la lapidaria risposta del maitre (che forse era anche sommelier…?? O forse no…? Boh). Quindi ti bevi quello che decidono loro.

No, mi dispiace, non mi ha soddisfatto.

Don Camillo has always been considered one of the best restaurants of Ortigia, the very centre of Siracusa.

It’s a very traditional restaurant, run by the same family since 1985, and I have always been happy to go there, but I must say that this time I have been disappointed.

First of all, when we have ordered our food, after having seen the menu, we were told that 3 of the 4 courses we had chosen were missing…..Why didn’t they informed us that many courses weren’t available??

Anyway, we decided for a fish cooked with capers tomato and olives which arrived in a greasy  version…too grasy I would say.

The tuna fish with pepper marmalade was perfect, absolutely gorgeous, but why so many difficulties to serve two halves portions? This is a mystery……..

I wouldn’t recommend the crusted shark fish, so deeply recommended by the waiter.

The wine: the cellar is surely wonderful and rich and of high quality, anyway, if you ask, like us, just one glass instead of a bottle, they turn their nose up at you….”I will get it” the maitre, (or even sommelier…? We didn’t know…) said, so that you drink what they decide…….

No, I’m so sorry but it’s not for me.

DON CAMILLO

VIA  MAESTRANZA  96

SIRACUSA

Il Falco, ristorante da non perdere. (ma domani un’altra ricetta) – A wonderful restaurant.

1 Mar

Buongiorno!!

Leggete questo post mentre io sono in volo per gli Stati Uniti, auguratemi buon viaggio e, nel frattempo, leggetevi questa recensione che ne vale la pena.

Domani, comunque, un’altra ricettina di quelle proprio carine.

Rivalta è un gioiello di borgo, vecchio di quasi 1000 anni (medioevo originale) e tenuto benissimo, come ce ne sono pochi.

Passeggiando per le stradine in acciottolato, si intravede l’insegna dell'”Antica Locanda del Falco”: una zuppiera tondeggiante che attira in  una bottega, con tutte le prelibatezze che vi potrebbero venire in mente, e in un ristorante: 3 sale curatissime, e semplicemente raffinate.

E’ come entrare nella casa di campagna di amici: cotto per terra, travi di legno sul soffito, piatti alle pareti….grandi camini in inverno e in estate un giardino interno con un glicine centenario che rinfresca.

La carta è semplice, ma varia e raccontata a voce, in cantina  centinaia di proposte di qualità e la cucina è superba sia per l’esecuzione, che nella scelta delle materie prime, anche grazie al generoso territorio emiliano.

Troviamo i piatti della vera tradizione piacentina: i pisarei, gli anolini in brodo, i tortelli di ricotta, ma anche dei salumi e dei sottoli unici, carni e pesci ben curati (da non perdere il mio preferito:  lo storione in salsa di olio e prezzemolo).

In cucina da oltre 20 anni troviamo Sabrina Piazza, la figlia più giovane di una famiglia che dal 1975 si occupa di soddisfarci a tavola.  Sabrina è così lontana da alcuni chef sostenuti e tenebrosi che a volte lasciano un po’ perplessi……, lei è solare, sorridente, entusiasta, molto accogliente e la locanda della sua famiglia è proprio come lei.

Da non perdere, ma davvero!!

“LOCANDA DEL FALCO” RIVALTA – PIACENZA (ITALY)

Not far from Milan (one and a half hour driving) we can find this restaurant in a medieval village restored with great attention.

You can find the shop (bottega) with fruit, vegetables, salami and cheeses, wines and liquors. By the side, the restaurant with terracotta flooring, wood beam ceilings and in the summertime an intimate inner courtyard refreshed by a centenarian Wisteria.

The cuisine is strictly bounded to the territory and has been led by the Piazza family  for nearly 40 years!! Sabrina Piazza has been the chef since 20 years ago and keeps the family tradition with great proud and capacity. The cellar is full of very interesting proposals.

Don’t loose this experience and you’ll never forget it.

culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione