Archivio | agosto, 2011

La paella di pesce del mio amico Albert.

31 Ago

Albert e Silvia sono due amici carissimi e noi trascorriamo almeno una serata da loro ogni estate per assaggiare la mitica Paella di Albert, catalano doc e pittore di grande talento.

L’altra sera ci siamo trovati e, una volta ancora, abbiamo condiviso questa magnifica paella di pesce che ho provato a rifare e di cui vi posto la ricetta: condividetela anche voi con gli amici, è una meraviglia, una festa per gli occhi e una delizia per il palato, vi farà fare un figurone!!!

Per 4 persone:

  • 500 gr di cozze
  • 500 g di vongole
  • 8 gamberoni
  • una manciata di code di gamberi (circa 2 o 3 etti)
  • 3 etti gr di seppioline (van bene quelle surgelate)
  • 1 peperone
  • vino bianco un bicchiere
  • un litro di brodo di pesce o acqua e dado di pesce
  • 2-3 cucchiai di passata di pomodoro
  • olio extra vergine di oliva q.b.
  • una cipolla tagliata sottilissima
  • un pizzico di paprika dolce
  • 150 gr di piselli
  • 1 filetto di pesce bianco
  • 300 gr di riso (va bene il parboiled 15 min.)
  1. Pulire e lavare le cozze e le vongole,  lavate i gamberoni e sgusciate e lavate le code di gamberi.
  2. Lavate le seppioline e pulite se non sono già state pulite in
  3. Aprite il peperone ed eliminate  i semi,  tagliatelo a listerelle.
  4. Fare aprire le cozze e le vongole in padella con un goccio di vino bianco su fiamma nè alta nè bassa per qualche minuto. Sistematele da parte e filtrate il liquido rimasto con un colino. Aggiungetelo quindi al brodo di pesce e al pomodoro e portate a ebollizione.
  5. Scaldate in una larga padella due tre cucchiai di olio  con la cipolla.
  6. Unite quindi gamberi e i gamberoni e fateli rosolare per alcuni minuti, poi toglieteli e teneteli da parte.
  7. Unite ora  le seppie e fatele rosolare qualche minuto, aggiungete quindi il filetto di pesce tagliato a pezzettini.
  8. Unite i peperoni  e cuocete per 5 minuti. aggiungete un po’ di paprika e i piselli.
  9. Mescolate tutti gli ingredienti, unite il riso e subito coprite con il brodo bollente: cuocete a fuoco vivo per qualche minuto.
  10. Moderate la fiamma e cuocete il tutto per il tempo di cottura del riso senza mescolare: se il brodo dovesse asciugarsi troppo, unirne un po’ senza mescolare.
  11. Trascorso il tempo,  aggiungete le i gamberi e i gamberoni, le cozze, le vongole e cuocete per uno o due minuti ancora.
  12. Servite la paella calda .
Annunci

Insalata dietetica pinzimonio e salmone: i vantaggi del crudismo.

28 Ago

Buongiorno a tutti!!

Non smetterò mai di sottolineare l’importanza di mangiare cibo crudo. Ho imparato che se almeno il 50-60% (la regola direbbe l’80%…)della nostra alimentazione giornaliera è composto da cibo crudo, la nostra energia aumenta, stiamo molto, ma molto meglio e riusciamo anche a mantenere più facilmente il nostro peso forma!!!

Ecco perchè troverete questa introduzione in tutte le ricette di “crudo” che posterò d’ora in poi, per ricordare a voi, a me stessa, e anche a chi mi legge per la prima volta, che il crudo è fondamentale.

Con questo caldo, ho pensato di proporvi una ricetta velocissima e fantastica: un’insalata sfiziosa e molto, molto light!!

Per 4 persone:

  • 1 peperone giallo, lavato, pulito e tagliato a listerelle
  • 2 carote pelate e tagliate a julienne
  • 2 gambi di sedano puliti e tagliati a rondelle
  • 140 g  di insalatina piccola, quella che volete voi
  • 300 g di salmone fresco tagliato a fettine sottilissime e poi a pezzetti
  • sale q.b.
  • olio extra vergine di oliva q.b.
  • limone q.b.
  1. In una ciotola capiente mettete tutti gli ingredienti e mescolate per bene.
  2. Condite con sale e olio, mescolate e servite.
  3. A piacere, condire anche con qualche goccia di limone.

ENGLISH VERSION IN A DEDICATED BLOG!!!! http://cuoconaitaliancooking.wordpress.com

Ragù di pesce: un must. Fish ragù: a must!

26 Ago

Buongiorno a tutti! Continua il grande caldo, ma noi guardiamo avanti, verso la fine della settimana quando le temperature dovrebbero scendere un poco e quindi tornare la voglia di mettersi ai fornelli……!

Oggi ho deciso di proporvi il mio ragù di pesce, una ricetta di quelle che si tengono care per sempre, dato che non tradisce mai. Con questo ragù potete condire un piatto di ravioli di verdura, come ho fatto io, ed ottenere così un invidiabile piatto unico, oppure semplicemente abbinarlo a dei tagliolini…..fate come volete, ma fatelo questo ragù, non ve ne pentirete!!!!

Per 6 persone:

  • olio extravergine di oliva q.b.
  • uno scalogno pelato e tagliato finissimo
  • 300 g. di seppioline o calamaretti già puliti, anche gli anelli di calamari vanno bene
  • un cucchiaio o due di salsa di pomodoro ristretta, oppure 300 g di salsa di pomodoro buona
  • 150 g. di filetti di scorfano o gallinella a cubetti
  • 150 g. di filetti di branzino o orata a cubetti
  • 1 fette di pesce spada a cubetti
  • una decina di gamberoni bellissimi e di ottima qualità
  • un bicchiere di vino bianco secco buono
  • sale q.b.
  • pepe se vi piace
  • peperoncino se volete, ma io non lo metto
  1. Scaldate l’olio in una padella capiente (l’ideale sarebbe di rame o di coccio…) e rosolatevi a fuoco dolce lo scalogno aggiungendo di tanto in tanto poca acqua calda.
  2. Continuate fino a quando lo scalogno non sarà trasparente, poi aggiungete le seppie e la salsa ristretta di pomodoro:  mescolate per fare insaporire.
  3. Bagnate con un terzo del vino bianco e lasciate cuocere qualche minuto.
  4. Unite i filetti di pesce e il pesce spada, salate e  fate insaporire qualche minuo mescolando, poi bagnate con un terzo del vino bianco e cuocete qualhe minuto.
  5. Aggiungete i gamberoni e il rimanente vino bianco, salate poco e  alzate il fuoco: cuocete qualche minuto mescolando.
  6. Pepate e aggiungete il peperoncino se vi piace piccante, fate restringere il sugo se ce ne fosse bisogno, condite la pasta e servite!!

Hello everyone! It’s very hot here, but we look forward to the weekend when temperatures are expected to fall slightly and then we will be able to return to the  stove ……!

Today I decided to write about my fish sauce, a recipe that you can hold  forever……. With this sauce you can season a dish of ravioli filled with vegetables, like I did, and thus make an enviable unique dish, or just combine it with the noodles ….. do as you like, but do this sauce, you will not regret!

For 6 persons:

  • Extra virgin olive oil to taste
  • A shallot, peeled and finely chopped
  • 300 g. of cuttlefish or squid already cleaned, even the squid rings are good
  • 300 g of tomato sauce
    Shallot bulbs

    Image via Wikipedia

  • 150 g. of rockfish fillets cut in small pieces
  • 150 g. of sea bass or bream fillets cut in small pieces
  • 1 slice of swordfish cut in small cubes
  • A dozen prawns beautiful and of excellent quality
  • A  glass of good dry white wine
  • Salt to taste
  • Pepper if you like
  • If you like chili, but I do not for this recipe

1. Heat the oil in a large skillet (ideally copper or earthenware …) on low heat and brown the shallots  adding from time to time a little hot water.
2. Continue until the shallot is transparent, then add the cuttlefish and tomato sauce: mix.
3. Sprinkle with one-third of white wine and simmer a few minutes.
4. Add the fish fillets and the swordfish, season with salt and cook few minutes stirring, then pour one-third of white wine and cook some minutes.
5. Add the prawns and the remaining white wine, season with salt, and lower the fire, cook a few minutes while stirring.
6. Season with pepper and hot pepper if you like spicy, restrict the sauce if it’s needed, add  pasta and serve!

Semifreddo ai pistacchi!!! Pistachio’s parfait.

23 Ago

Buongiorno!!! Come state? E’ arrivato il caldo eh…??!!! Accidenti, proprio ora che si deve rientrare in città…!!! Ho deciso di prepararvi qualcosa di molto fresco: un semifreddo ai pistacchi come quello che ho assaggiato al ristorante La Pineta di Luciano Zazzeri, uno chef che la sua stella Michelin la vale proprio tutta!!!

Il suo ristorante è a Marina di Bibbona, sulla spiaggia, una location essenziale e suggestiva, ma molto concreta: insomma si mangia proprio bene!!

Per 4 persone:

  • 150 g di pistacchi di Bronte sgusciati, o ancora meglio, di pasta di pistacchi, che è quella che ho usato io
  • 350 ml di panna
  • 150 ml di latte
  • 3 uova
  • 1 bustina di vanillina
  • 100 g di zucchero
  1. Prima di tutto dovete sbollentare i pistacchi in acqua, appunto, bollente.
  2. Lasciateveli per mezzo minuto o poco più e poi passateli immediatamente in acqua fredda così da levare facilmente la pellicina marroncina che li ricopre.
  3. Rimetteteli in acqua fredda e lasciateli a bagno un paio d’ore. A questo punto scolateli e tritatene la metà  in un mixer, l’altra metà lasciatela intera.
  4. Montate la panna con un cucchiaino di zucchero e mettetela in frigorifero in attesa di utilizzarla.
  5. Portate il latte ad ebollizione in un pentolino e unitevi la vanillina ed i pistacchi sia sminuzzati che non, spegnete e lasciate riposare qualche minuto
  6. Nel frattempo, in un contenitore a parte, lavorate  lo zucchero ed i tuorli con una frusta, o con il mixer, fino a quando il composto non sarà ben spumoso.
  7. A questo punto, versate poco per volta il latte raffreddato sul composto di uova.
  8. Rimettete la pentola sul fuoco e fare sobbollire, a fuoco dolce, la crema per 10 minuti circa, sempre rimescolando perché non si attacchi al fondo.
  9. Appena pronta, togliete la crema dal fuoco e lasciatela raffreddare, sempre rimestandola altrimenti si forma la pellicina in superficie.
  10. Montate, anche, gli albumi a neve ben soda e incorporateli alla crema, con un delicato movimento dal basso verso l’alto.
  11. Incorporate anche la panna sempre dal basso verso l’alto.
  12. Foderate uno stampo rettangolare con della pellicola trasparente e ricopritelo con il composto: sbattete piano il contenitore, in modo da fare assestare il tutto.
  13. Coprite con la pellicola trasparente e mettete a raffreddare nel freezer per almeno 6 ore.
  14. Prima di servire, lasciate il contenitore a temperatura ambiente per 15 minuti circa.
  15. Capovolgetelo su di un  piatto di portata e servite a fette!

LA PINETA – VIA DEI CAVALLEGGERI NORD 27 – MARINA DI BIBBONA (LIVORNO) – 0586-600016

Hello! How are you? It ‘s getting very hot in Italy!!! Damn, now that we must return to the city …!!! I decided to prepare something very cool today: a pistachio parfait like that I tasted at the restaurant La Pineta by Luciano Zazzeri, a Michelin star chef really impressive!

His restaurant in Marina di Bibbona, on the beach, is  a vital  and charming place, very nice: in short, we had a very nice dinner!!!

For 4 persons:

  • 150 g of shelled pistachios from Bronte, or better : pistachio paste, which is what I used
  • 350 ml fresh cream
  • 150 ml milk
  • 3 eggs
  • Pistachio nuts in and out of the shell

    Image via Wikiped

    1 bag of vanilla

  • 100 g sugar

1. First  blanch the pistachios in boiling water.
2. Leave them for half a minute or so and then drain them putting them immediately in cold water so you can easily remove the brown skins that covers them.
3. Replace pistachios in cold water and leave to soak for a couple of hours. At this point, drain and chop half of them in a blender, let the other half full.
4. Whip the cream with a teaspoon of sugar and put it in the fridge waiting for use.
5. Bring the milk to a boil in a saucepan, add the vanilla and chopped pistachios,  turn off and let it rest a few minutes
6. Meanwhile, in a separate pan, mix sugar and egg yolks with a whisk or with mixer until the mixture is very fluffy.
7. At this point, gradually pour the milk in the cooled egg mixture.
8. Put the pot on the stove and simmer at low heat the cream for about 10 minutes, stirring because they do not  stick to the bottom.
9. When ready, remove the cream from heat and let it cool,always  stirring.
10. Beat the egg whites until very firm and join the cream, with a gentle movement from the bottom up.
11. Stir in the whipped cream always from the bottom up.
12. Cover a rectangular mold with plastic wrap and full up with the mixture: beat up the container.
13. Cover with plastic wrap and place in freezer to cool for at least 6 hours.
14. Before serving, leave the container at room temperature for 15 minutes.
15. Turn it upside down on a serving dish and serve in slices!

LA PINETA – VIA DEI CAVALLEGGERI NORD 27 – MARINA DI BIBBONA (LIVORNO) – 0586-600016

culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione