Tag Archives: Tomato

Ragù gustoso, ma incredibilmente leggero!

18 Mag

Unknown

ENGLISH VERSION AFTER THE ITALIAN ONE

 

Avevo nel surgelatore della carne trita di vitello, bella, magra, bianca ma un po’ tristerella!! Non avevo voglia di farne polpette semplicemente….perchè non mi ispiravano, cosa farne quindi? Azardarmi con un ragù che a casa mia piace così tanto? Ma il ragù di carni bianche è buono, secondo me, se sono miste, solo un po’ di vitello non mi convinceva affatto.

Ed ecco un’idea un po’ pazzerella, ma che ha funzionato alla grande: ho preso della coda di bue a pezzi, pronta per essere cucinata, e l’ho unita alla carne trita. Nessun soffritto, niente olio, niente grassi, solo carne e il naturale grasso della coda.

Ho coperto con pomodoro e cotto a lungo: pof, pof, pof….piano piano. Una meraviglia!

Per 6 persone: tempo di preparazione 5 min. tempo di cottura 3 ore.

  • 500 g di carne trita di vitello
  • 2-3 pezzi di  coda di bue puliti, pronti per essere cucinati
  • 750 g di passata di pomodoro buona
  • sale q.b.
  1. Fate rosolare per pochi secondi la carne di vitello nella padella antiaderente mescolando.
  2. Unite la coda e girate ancora per un po.
  3. Versate la passata di pomodoro, mescolate, salate leggermente e lasciate cuocee, coperto, per circa 3 ore piano piani, girando di tanto in tanto.
  4. Spegnete, togliete la coda e condite la pasta che volete!!

I had in the freezer some minced veal, nice, white but it looked a little “sad”! I did not want to make meatballs …. simply because it didn’t inspired me, what to do then? Try with a minced meat sauce, ragù in italian so appreciated in my house ? The sauce whit white meat as ingredient is good, in my opinion, only if it is made by mixed kinds of meat…..

And here’s a little mad idea , that worked out great: I took some oxtail pieces ready to be cooked and I mixed them with the ground meat. No sauce, no oil, no fat, only meat and the natural fat of the tail.

I covered with tomato and cooked for a long time: pof, pof, pof …. slowly. A wonder!

For 6 people: preparation time 5 min. cooking time 3 hours.

 

  •      500 g of minced veal
  •      2-3 pieces of oxtail cleaned, ready to be cooked
  •      750 g of tomato sauce
  •      salt to taste

 

  1.      Sauté for a few seconds the veal in the pan while stirring.
  2.      Add the tail and turn for a while.
  3.      Pour the tomato sauce, stir, salt lightly and let it cook, covered, for about 3 hours at very mild heat, stirring occasionally.
  4.      Switch off, remove the tail pieces and season the pasta you want!

Insalata di filetto all’aceto balsamico. Fillet salad with balsamic vinegar.

26 Lug

Buongiorno!!!

 

Cosa ne direste di una bella insalata??!! Con quel qualcosa in più, però. che ne fa un piatto unico: il filetto.

Per 4 persone:

  • olio extravergine di oliva q.b.
  • $ filetti di manzo tagliati a tocchetti non troppo spessi
  • sale q.b.
  • un cucchiaio di aceto balsamico buono
  • insalata q.b. del tipo che volete voi, io amo la valeriana
  • 15 pomodorini pachino tagliati a pezzi
  1. Scaldate l’olio nella padella antiaderente e scottatevi velocemente i tocchetti di filetto dopo averli salati e bagnati con l’aceto.
  2. Girateli più volte per farli insaporire da tutte le parti.
  3. Fateli rosolare un poco perchè prendano un bel colore dorato, senza bruciarli.
  4. Nel frattempo pulite l’insalata e mettetela in una insalatiera insieme ai pomodorini.
  5. Unitevi la carne e, se necessario, aggiustate di sale e olio.
  6. Servite subito o a temperatura ambiente.
  7. Questa insalata è davvero una delizia!

Hello!

How about a nice salad?! With that little bit more…… which makes it a unique dish: beef fillet.

Small tomatoes in Korea

Image via Wikipedia

Serves 4:

* Extra virgin olive oil to taste
* 4 Beef fillets cut into pieces not too thick
* Salt to taste
* A tablespoon of good balsamic vinegar
* Salad to taste, the type you want, I love valerian
* 15 cherry tomatoes cut into pieces

1. Heat oil in frying pan and quickly sautè fillet pieces with vinegar: season with salt.
2. Turn it several times to flavor them from all sides.
3. Brown them so that they take a little golden brown color, without burning.
4. Meanwhile, clean and place the salad in a bowl with the tomatoes.
5. Add the meat and, if necessary, add salt and oil.
6. Serve immediately or at room temperature.
7. This salad is really delicious!

Sua maestà la peperonata! Her Majesty the peperonata!

1 Lug

Buon Luglio!!! Oggi ho deciso di inaugurare questo mese, che per me sarà molto particolare e nelle prossime settimane scoprirete perchè, con un classico dell’estate: la peperonata! Ve ne presento una versione molto semplice, solo verdura, peperoni, naturalmente, patate, cipolle e pomodori, perchè la semplicità paga sempre.

Per 6-8 persone:

  • 800 g di peperoni  rossi
  • 200 g di cipolle
  • 2 spicchi d’aglio
  • olio extravergine di oliva
  • 2 carote pelate e tagliate a rondelle
  • 2 zucchine tagliate a rondelle
  • 300 g. di patate pelate e tagliate a tocchi
  • sale e pepe q.b.
  • 500 g di pomodori pelati
  1. Pulite i peperoni aprendoli, togliendo i semi interni e le parti bianche e tagliandoli a listarelle.
  2. Se volete una peperonata più leggera, potete anche sbucciarli: in questo caso per eliminare la pelle metteteli in forno a  200° per una mezz’ora circa, poi  sfornateli e metteteli in una sacchetto  di carta, tipo quelli che usa il panettiere per vendervi il pane, chiudetelo e aspettate una decina di minuti; infine scartateli e spellateli .
  3. Sbucciate le cipolle e affettatele molto sottili; mettetele in una padella capiente e fatele imbiondire insieme all’aglio con un poco di  olio extravergine.
  4. Unite poi le carote, le zucchine, le patate e i peperoni,  salate e pepate.
  5. Mescolate e fate cuocere con il coperchio per circa 30 minuti.
  6. Aggiungete i  pomodori pelati  e continuate la cottura per dieci minuti.
  7. Controllate che le patate siano cotte, spegnete il fuoco, fate riposare per qualche minuto e servite.

Happy July! Today I decided to open this month, which will be very special for me and in the coming weeks you’ll discover why, with a classic of the summer: the peperonata! There I post  a very simple version, only vegetables: peppers, of course, potatoes, onions and tomatoes, because  simplicity is better.

Serves 6 to 8 :

  •      800 grams of red pepper
  •      200 g onions
    More peperoni

    Image by Rachel Black via Flickr

  •      2 cloves of garlic
  •      extra virgin olive oil to taste
  •      2 carrots, peeled and sliced
  •      2 zucchini sliced
  •      300 g. potatoes peeled and cut in pieces
  •      salt and pepper to taste
  •      500 g of peeled tomatoes

1. Clean the peppers opening them, removing all the seeds and white parts and cutting them into strips.
2. If you want a lighter version, roast the  peppers;  in this case, to remove the skin  place them in oven at 200° for about half an hour, then take them out and place them in a paper bag,  close it and wait about ten minutes, then peel and discard them.
3. Peel the onions and slice them thinly, put them in a large skillet with the garlic and let them brown with some olive oil.
4. Then add carrots, zucchini, potatoes and peppers, season with salt and pepper.
5. Stir and cook covered for about 30 minutes.
6. Add the tomatoes and continue cooking for ten minutes.
7. Check that potatoes are cooked, turn the fire off, let the peperonata rest for few minutes and serve.

Le trofie pesto, pomodoro e verdurine. Pasta with tomato, pesto and vegetables.

23 Giu

Eccoci con una nuova ricettina ligure nella pasta, anche se il sugo è di quelli…come dire…un poco creativi…!

Il bello di questo sugo è che potete farlo apposta, ma potete anche utilizzare qualche avanzo….o di sugo di pomodoro o di pesto. La magia è quella di aggiungere un poco di verdurine saltate e….voilà, tutto cambia faccia!!

Per 4 persone:

  • olio extravergne di oliva q.b.
  • verdurine anche quelle surgelate per soffritto, oppure carota, cipolla e sedano tagliate finissime
  • 500 g. di passata di pomodoro
  • sale q.b.
  • mezzo vasetto di pesto, di quello buono, o se preferite fatelo voi!
  • 600-800 g di trofie, dipende da quanto mangiate……….
  • acqua salata per cuocere la pasta
  1. Fate un bel soffrittino con le verdure facendole saltare senza bruciarle
  2. Aggiungete il pomodoro e salate poco, perchè il pesto che unirete sarà già saporito
  3. Cuocete le trofie in abbondante acqua salata, ma che sia abbondante perchè le trofie richiedono molta acqua
  4. Scolatele morbide, cioè tenendo un poco dell’acqua di cottura, non esagerate però…., perchè le trofie assorbono molto il condimento.
  5. Conditele con il pomodoro alle verdure e il pesto, mescolate bene.
  6. Servite subito subito!!

I come back with a new  Ligurian recipe of pasta, even if the sauce is one of those … a little creative!

The beauty of this sauce is that you can do it on purpose, but you can also use some leftovers …. like tomato sauce or pesto. The magic is to add some sautè vegetables and … voila, everything changes!

this is a picture of self made pesto in a mortar.

Image via Wikipedia

Serves 4 persons:

  • extra virgin live oil to taste
  • vegetables like carrot, onion and celery finely chopped (even defrost)
  • 500 g. tomato puree
  • salt to taste
  • half jar of pesto, a good one, or if you prefer do it yourself!
  • 600-800 g of trofie or any other pasta you like, it depends on how much you eat ……….
  • salted water to cook pasta

1. Sautè the vegetables in oil without burning them…….
2. Add the tomatoes sauce and salt just a little, because the pesto you add, will be salted.
3. Cook pasta in boiling salted water.
4. Drain keeping a little of cooking water, do not overdo it, though because ….trofie absorb a lot of water.
5. Season with tomato, vegetables and pesto sauce, mix well.
6. Serve right away!

culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione