Tag Archives: white wine

Filetti di pesce in dadolata di melanzane. Fish fillets with eggplant cubes.

23 Lug

Buongiorno!!!

Le melanzane in questo periodo sono una meraviglia: lucide, pastose e con l’interno bianchissimo.

Ho pensato di cucinarle con il pesce, un abbinamento un poco insolito, ma che mi ha soddisfatto moltissimo, l’ho trovato gustoso e, appunto, un po’ diverso. Ve lo consiglio assolutamente!

Per 4 persone:

  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 1 melanzana grande o due più piccole, tagliate a dadini piccoli piccoli
  • sale q.b.
  • maggiorana fresca q.b.
  • 4 filetti di pesce del tipo che vi piace di più: orata, branzino, ricciola etc……
  • vino bianco secco mezzo bicchiere
  1. Scaldate in una pentola l’olio e fatevi saltare a fuoco vivace i dadini di melanzana aggiungendo un poco di acqua se necessario: salateli, aggiungete la maggiorana  e continuate la cottura.
  2. Quando saranno ben dorati, toglieteli dalla pentola lasciando il loro sughetto e mettetevi il pesce.
    Eggplant

    Image via Wikipedia

  3. Cuocetelo, sempre a fuoco vivace bagnandolo con il vino di tanto in tanto, fino a quando non saranno cotti.
  4. Serviteli su un piatto da portata, ricoperti dai dadini di melanzana.
  5. E voilà!
I thought of cooking eggplants with fish, a somewhat unusual combination, but I think it’s great, I found it tasty and, indeed, a little ‘different. I recommend it absolutely!Serves 4 persons:

  •      Extra virgin olive oil q.b.
  •      1 large or two smaller eggplant, cut into very small cubes
  •      Salt to taste
  •      Fresh marjoram to taste
  •      4 fillets of fish of the kind that you like best: sea bream, sea bass, amberjack, etc. ……
  •      ½ cup dry white wine

1. Heat the oil in a saucepan over medium-high heat and sautè the diced eggplant adding a little water if necessary: add salt, add the marjoram and continue   cooking.
2. When they are golden brown, remove them,  leaving their sauce into the pan and put the fish.
3. Cook, still over medium-high heat adding the wine from time to time, until they are cooked.
4. Serve on a platter, covered by the cubes of eggplant.
5. And voila!

Annunci

Spigola al forno, semplice e leggera. Oven-baked sea bass: simple and light.

22 Mag

Sono tornataaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!! Buongiorno a tuttiiiiiiiii!!!

Come state? Io bene dopo una settimana fantastica in visita alle capitali del Nord di cui spero di parlarvi presto. Sono tornata piena di belle idee e di novità……mica male no??!!

Oggi stiamo leggeri, anzi leggerissimi perchè io al Nord ho mangiato di tutto, pesce, carne, ma anche cioccolata…dolci…….aiuto, bisognma assolutamente correre ai ripari!! Io le spigole le ho accompagnata con le mie verdure preferite che trovate qui, voi potete anche abbinarla ad una fresca insalatina, dato il caldo di questi giorni!!

Per 4 persone:

  • 4 spigole da porzione, lavate e asciugate
  • olio extravergine di oliva
  • 2 limoni piccoli o uno grande
  • 1 scalogno pelato e tagliato sottile
  • vino bianco mezzo bicchiere abbondante
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  1. Sciacquate ed asciugate per bene le spigole e sistematele in una pirofila da forno oliata.
  2. Aggiungetevi il limone tagliato a fette e le fette tagliate in quattro spicchi.
  3. Unitevi lo scalogno disperdendolo qua e là sopra il pesce.
  4. Bagnate con il vino bianco.
  5. Salate e pepate.
  6. Cuocete in forno caldo a 180° per 20 minuti.
  7. Una bontà!!

Hi I’m back!!! After a wonderful tour to the Northern european major cities, I’m ready for you with a new simple and light recipe, to avoid fat food after a week very very rich….!

  • 4 sea bass washed and dried
  • 3 tbsp extra virgin olive oil
  • 2 lemons cut in slices and then in 4 parts
  • 1 scallion peeled and cut finely
  • 1/2  Cup white wine
  • salt and pepper to taste
  1. Preheat oven to 450.
  2. Place fish in an oily baking dish
  3. In a cup mix lemon, scallion, oil, salt, and pepper.
  4. Rub fish with oil mixture.
  5. Pour wine over fish.
  6. Bake fish in oven for 20 minutes and serve!!

Venerdì pesce: coda di rospo al vapore con riso orientale. – Steamed monkfish with spicy basmati.

11 Mar

Eccoci di nuovo arrivati a venerdì: in vista di un finesettimana un po’ godereccio, con cene fuori, happy hours e colazioni….ebbene sì abbondanti……vi propongo un piatto stra-dietetico che ci riconcilierà con la nostra coscienza…….!

Per 4 persone:

  • 4 fette  di rana pescatrice o coda di rospo (è la stessa cosa) di circa 100 g. l’una.
  • 200 g. di vino bianco secco
  • 1 bel pezzetto di zenzero fresco grattugiato (se non lo avete ripiegate su quello in polvere, 2 cucchiai)
  • 1 bel ciuffetto di prezzemolo lavato e tritato fine fine (solo le foglie)
  • sale e pepe q.b.
  • 200 g. di riso basmati sciacquato almeno un paio di volte fino a quando l’acqua non risulta chiara e lasciato a bagno in acqua fredda 30 min. e poi scolato.
  • acqua q.b. per cuocere a vapore
  • 2 cucchiai belli pieni di curcuma (ma anche il curry va bene e anche lo zafferano se preferite, ma è più costoso)
  • 300 g. di carotine pelate e tagliate a julienne
  • olio extravergine d’oliva q.b. per condire
  1. Mettete le fette di pescatrice in un contenitore piatto senza sovrapporle, bagnatele con il vino, grattugiatevi o spolverizzatevi sopra lo zenzero, prezzemolate, salate e pepate. Lasciate marinare almeno un paio di ore, ma anche più se volete.
  2. In una pentola con i bordi alti, versate il vostro ris o, copritelo di acqua salata nella quale avrete sciolto la vostra spezia gialla:  l’acqua deve superare il livello del riso di circa un dito, un dito e mezzo.
  3. Sistemate un cestello per il vapore con dentro il pesce ben scolato (non buttate quella meraviglia di marinata!!) e fate cuocere per 15-17 min. senza togliere il cestello del vapore (io uso quelli di bambù cinesi, ma voi fate come volete).
  4. Spegnete il fuoco, togliete il pesce che a questo punto dovrebbe essere cotto e lasciate il riso nell’acqua con il coperchio per ancora una decina di minuti. Controllate comunque la cottura del vostro riso, ormai ce ne sono talmente tanti in commercio e tutti diversi che i tempi di cottura possono variare. Se invece non volete cimentarvi con il riso basmati utilizzate il nostro Arborio e seguite i tempi di cottura consigliati sulla confezione.
  5. Mettete su un piatto il vostro riso, guarnitelo con le carote e appoggiatevi a lato il pesce.
  6. Condite con la marinata tenuta da parte e un filo giusto un filo di olio.
  7. Non vi sareste mai immaginati la freschezza di questo riso e di questo pesce semplicemente conditi con del vino è vero???!!!

It’s Friday again and I think it’s better if I diet a little bit considering that during the week-end we’ll be often out for dinner….brunch…..aperitive……..so today I suggest you a very light recipe:

STEAMED MONKFISH WITH SPICY BASMATI RICE

Serving 4:

  • 4 monkfish fillets (approx. 100 g. each
  • 200 g of dry white wine
  • 1 tbsp of fresh ginger, very finely shredded or 1 tbsp of powdered ginger.
  • 1 small bunch of parsley, washed and minced
  • salt and pepper to
    Brown basmati rice

    Image via Wikipedia

    taste

  • 200 g. of basmati rice, washed a couple of times until the water won’t come out limpid and then soaked for 30 minutes in cold water.
  • salted water to steam
  • 2 tbsp of Curcuma or turmeric, or curry or saffron powder
  • 300 g. of carrots peeled and cut matchstick (Julienne)
  • extra virgin olive oil to season
  1. Season the fish in a large bowl with the wine, the ginger, parsley, salt and pepper. Let it rest for a couple of hours and even more.
  2. Place the rice into a saucepan and cover it with water (plus Curcuma or curry or saffron). The rice must be completely covered by  the water, plus  one or two fingers.
  3. Put a steamer with the drained monkfish (take the marinade liquid aside) in, over the saucepan and cook for 15-17 minutes.
  4. Take the steamer away and let the rice cook until all the water has been absorbed (not more than 10-15 min. it depends on the quality of basmati rice you’re using).
  5. Fluff with a fork, season the rice and the fish with the marinade and serve together with the carrots. Season with a little oil if you like.
  6. You won’t imagine how they taste good seasoned simply with a wine marinade and just a little oil!!

La fesa arrotolata con prosciutto, formaggio e verdure. – Rolled veal with ham, cheese and vegeyables.

15 Feb

Dovete sapere che sabato ho letto una ricetta che ho giudicato subito interessante: un arrotolato di filetto di manzo.

A dire il vero mi sembrava un po’ cara come carne, il filetto, per farne un arrotolato, ma perchè non provare?

Ecco dunque che ho varcato la porta del mitico Amedeo e ho chiesto al figlio, Paolo, di prepararmi una bella fetta di filetto da arrotolare.

La risposta è stata NO.

Un bel tipo il Paolo………….lui mi dà solo quello che ritiene sia giusto per i miei progetti: una meraviglia, con lui non si sbaglia.

“Il filetto arrotolato si spacca, non va bene!” è stata la sentenza……si prenda una bella fetta di fesa  di vitello  e vedrà che sarà una meraviglia.

Lo so, la fesa di vitello può sembrare una scelta  scontata, ma forse è proprio per questo che è uno dei tagli più utilizzati…..infatti una meraviglia è stata (anche per il portafoglio). Provare per credere!!!!

Per 6 persone:

  • 800-900 g. di fesa  di vitello, tagliata in una fetta e ben battuta (fatevela preparare dal macellaio)
  • 80 grammi di prosciutto cotto tagliato a fette sottili
  • 100 g. di trevisana pulita e sfogliata, (o 200 g. di spinaci, o di erbette, scottate, scolate e ben strizzate).
  • 200 g. di fontina tagliata a fette sottili
  • sale e pepe q.b. (io ho usato il sale aromatizzato allo zenzero)
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 250 g. di vino bianco
  1. Appoggiate per bene la fetta di carne su un tagliere e ricopritela con il prosciutto, lasciando i bordi liberi dal ripieno.
  2. Sistematevi sopra le foglie di trevisana, o gli spinaci o le erbette.
  3. Ricoprite il tutto con la fontina e cominciate ad arrotolare con calma ed attenzione.
  4. Fermate con dei lacci o con dello spago da cucina, o cucite con ago e filo.
  5. Rosolate il rotolo in una pentola dove avrete precedentemente scaldato l’olio: giratela ben bene da tutte le parti a fuoco vivace: è vitello e deve essere ben rosolato!
  6. Bagnate con il vino bianco e fate evaporare l’alcool a fuoco vivace per qualche minuto.
  7. Coprire con il coperchio e cuocere per circa 90 min.
  8. Lasciate intiepidire solo un poco, tagliate a fette e servite accompagnando con spinaci o erbette.

The meat roll with ham and cheese.

Paolo is Amedeo’s son (my favourite butcher in the country)

On Sunday morning I have gone to his shop asking for some tenderloin meat to cook a stuffed roll, but he disagreed and he doesn’t sell to me anything (nearly anything) if he doesn’t agree!!

He says that the tenderloin would break while cooking, so he recommended the veal rump, one of the most common for rolls……but even one of the most successful!

Serving 6:

  • 800-900 g. veal rump
  • 80 g. ham cut in thin slices
  • 100 g. trevisana salad (or 200 g.  of spinach boiled, drained and well squeezed)
  • 200 g. fontina cheese (or other cheese) cut in thin slices
  • salt and pepper to taste
  • extra virgin olive oil to taste
  • 250 g. dry white wine
  1. On a piece of foil, pat and shape the meat into a rectangle (the best is to have it prepared by the butcher)
  2. Arrange the ham slices on top of the meat , leaving a small margin around the edges.
  3. Cover with the vegetables and tear up the cheese slices.
  4. Starting from the shortest end, carefully roll up the meat.
  5. Seal the edges and ends of the meat and place the roll in a saucepan with oil previously heated.
  6. Brown it upside down and on each sides.
  7. Add the wine, let it evaporate and continue cooking for 90 min. turning upside down from time to time.
  8. When cooked, cut in slices and serve with vegetables.
Kite inNepal

I didn't know, but i love the wind

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Koji • Fermentation • Science • Pickles • Cultures

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione