Tag Archives: tomato sauce

Crema di melanzane al ristorante indiano Angeethi a Parigi!!! Eggplant cream by Angeethi an indian restaurant in Paris!!

12 Ago

Eccomi a Parigi con giornate bellissime, un cielo azzurro azzurro, una temperatura gradevole e la follo parigina che non manca mai…….

Ieri sera abbiamo cenato in un ristorante indiano, scelta un poco strana a Parigi, ma che si è rivelata davvero vincente. Siamo capitati vicino a Place de la Bastille, una zona molto frequentata dai Perigini, meno dai turisti. Ci siamo ritrovati lì in cerca di un vero bistrot parigino che si è poi rivelato chiuso per ferie, per cui abbiamo scelto questo ristorante perchè er davvero afollatissimo!!! Ci siamo trovati bene, in particolare questa crema di melanzane era favolosa, ho subito chiesto la ricetta e ve la passo volentieri: potrete gustarla calda su tartine come antipasto, o accompagnarla a del riso basmati……

Per 4 persone:

  • Due melanzane di media grandezza
  • 2-3 spicchi d’aglio pelati
  • sale q.b.
  • una cipolla grossa pelata e tagliata sottile
  • due o tre cucchiaini di curry in polvere o anche di  garam masala
  • tre quattro cucchiaioni  di tahini
  • la buccia grattugiata di un limone
  • 2 cucchiai circa di olio extra vergine di oliva
  • prezzemolo tritato q.b.
  1. Bucherellate le melanzane con una forchetta e mettetele nel forno caldo a 200° per circa 40 min. fino a quando non saranno morbide all’interno.
  2. Toglietele dal forno, pelatele velocemente o si scuriranno, riducetele in crema in un mixer insieme all’aglio: salate.
  3. Aggiungete tutti gli altri ingredienti e continuate a tritare fino a quando non avrete ottenuto una crema omogenea.
  4. Controllate il sale e., se necessario, aggiungetene.
  5. Guarnite con il prezzemolo tritato e lasciate riposare in frigorifero anche per un giorno intero: anzi, meglio: questa crema è più buona il giorno dopo.

Ristorante indiano ANGEETHI, 36 Rue de la Roquette, Parigi tel. 0148067650  Non caro.

Here I am: in Paris with beautiful days, blue blue skies, a nice temperature and the Parisian crowd that never fails …….

Last night we had dinner at an Indian restaurant, a little strange choice in Paris, but that has proved to be very successful. We happened near  Place de la Bastille, an area frequented by locals more than tourists. We went there in search of a real Parisian bistro, which turned out to be closed for vacation, so we chose this indian restaurant because it was really crowded and everybody seemed to be very happy about the food! We had a good dinner, especially the cream with eggplant was fabulous, I immediately asked for the recipe and I want to share it with you: you can eat it  hot on sandwiches as an appetizer, or with basmati rice ….

Homemade garam masala. Photo taken in Kent, Oh...

Image via Wikipediaolio d’olivaprezzemolo per guarnire

For 4 persons:

  • Two medium-sized eggplants
  • 2-3 cloves garlic, peeled
  • Salt to taste
  • A large onion peeled and thinly sliced
  • 2-3 teaspoons of curry powder or even garam masala
  • 3-4 spoon tahini
  • Grated rind of one lemon
  • About 2 tablespoons of extra virgin olive oil
  • Chopped parsley q.b.

1. Prick the eggplants with a fork and place them in preheated oven at 400 F degrees for about 40 min. until they are soft inside.
2. Remove from the oven, peel them quickly or they will darken, cut it in cream in a blender with the garlic: season with salt.
3. Add all other ingredients and continue mixing in the food processor until you obtain a smooth cream.
4. Check the salt, if necessary, add.
5. Garnish with chopped parsley and let stand in refrigerator for a full day, even better: this cream is good the next day.

Indian restaurant ANGEETHI, 36 Rue de la Roquette, Paris tel. 0148067650. Not expensive.

Annunci

Il ragù deve soffrire: istruzioni per l’uso. Ragù must suffer……instructions.

29 Apr

La mia nonna diceva che il ragù deve soffrire. Per cui, per favore, basta con quei ragù che navigano……la carne viene bollita e il sapore ne risente notevolmente…..il ragù deve rosolare per lungo tempo, l’acqua che la carne naturalmente rilascia deve asciugarsi bene, il vino deve sfumare e asciugarsi bene……solo allora, e saranno passati dai 20 ai 40 minuti (!) possiamo aggiungere la salsa di pomodoro! Provate come dico io e vedrete, anzi gusterete, la differenza!!!

Io ho deciso per un ragù di salsiccia perchè avevo voglia di qualcosa di particolarmente gustoso, anzi ci ho aggiunto anche la pasta di salame….! Ma questo anche perchè avevo già in mente di preparare della pasta pasticciata che vi posterò prossimamente.

Se preferite un gusto più delicato, usate metà carne di maiale e metà di manzo.

Per 6-8 persone:

  • 1 carota, 1 cipolla e 2 gambi di sedano puliti e tagliati sottilissimi.
  • 2-3 cucchiai di olio extra vergine
  • 600 g. di salsiccia di maiale a nastro pelata
  • 150 g. di pasta di salame
  • 1 bicchiere di vino bianco secco buonissimo
  • 1000 g. di passata di pomodoro buonissima
  • sale q.b.
  1. Fate il solito soffrittino che non deve bruciare, ma nemmeno brasare….insomma stategli dietro, non rispondete al telefono, nè incantatevi davanti alla tv.
  2. Aggiungete nella pentola la vostra salsiccia sbriciolata grossolanamente e la pasta di salame anch’essa sbriciolata.
  3. A questo punto comincia la sofferenza del ragù, e pure la vostra: per circa mezzìora, o anche più, dipende da quanta acqua rilascia la vostra carne, dovete cuocere il vostro ragù a fuoco vivace mescolando continuamente.
  4. Continuate fino a che l’acqua del vostro ragù non si sarà assorbita completamente.
  5. State attenti però, è un attimo e si brucia: seguitelo costantemente.
  6. A questo punto sfumate con il vino e dovrete sentire il rumore dello sfrigolio: allora siete sulla buonissima strada per avere un ragù perfetto.
  7. Sfumate il vino sempre a fuoco alto e mescolando continuamente fino a quando anche il vino si sarà perfettamente assorbito.
  8. A questo punto versate la salsa di pomodoro che avrete tirato fuori dal frigorifero e quindi non sarà gelata, altrimenti mi fermate la cottura!!!!
    pasta close up

    Image via Wikipedia

  9. Abbassate il fuoco al minimo e cuocete ancora fino ad arrivare a circa 2 ore da quando avete messo la carne in pentola all’inizio.
  10. Mescolate di tanto in tanto, ma non è necessario che bolla, deve sobbollire, tanto la carne è stata ben rosolata e non annegherà nel sugo.
  11. Salate, assaggiate, se necessario aggiungete un pizzico di zucchero e fate assaggiare a tutti il vostro ragù, che non sarà come quello degli altri……………..

My grandma said that ragù must suffer: this means that you do not have to drown it into the tomato sauce, but add it only when the meat will be completely browned and will have absorbed all its water!!

Try it and you will taste the big difference!!!

Serves 6 to 8:

  • 1 carrot, finely, diced
  • 1 medium onion, diced
  • 1-2 ribs celery, finely diced
  • 5 tablespoons extra-virgin olive oil
  • 1 1/2 pound pork, ground or, if you prefer: half beef and half pork
  • 1/2 pound sausage meat, ground
  • 1 cup dry white wine
  • 35 oz. tomato sauce
  • salt to taste
  1. In a  8-quart, heavy-bottomed saucepan, heat the olive oil  over medium heat.

  2. Add the carrots, onions and celery, and  sweat over medium heat until the vegetables are translucent and soft but not browned, about 10 to 15 minutes.

  3. Add the  pork, and sausage and stir into the vegetables, stirring to keep the meat from sticking together until browned. 

  4. Only when all the water of the meat has absorbed, add wine and simmer over medium-high heat for few minutes.
  5. Only when all wine has absorbed, add the tomato sauce and simmer over medium-low heat for 1 to 1 1/2 hours.

  6. Season with salt to taste, and remove from the heat.

  7.  When ready to use, the cooked pasta al dente should be added to a saucepan with the proper amount of hot ragù and tossed, so that the pasta is evenly coated by the ragù.

Le mie polpette morbide. My soft meat balls.

30 Mar

 

Le polpette al sugo sono una garanzia: tutti le mangiano, i bambini poi le adorano, sono abbastanza veloci da fare, cuociono praticamente da sole…..si possono fare in grande quantità e poi congelare così da tirarle fuori dal freezer al bisogno e riscaldarle.

Le mie poi sono morbide morbide e il segreto sta nel panino ammollato nel latte e ben strizzato e sbriciolato: si accompagnano benissimo al purè e solo a parlarne mi sta venendo l’acquolina in bocca!!!!!

Per 6-8 persone:

  • 400 g. carne trita di manzo
  • 400 g. carne trita di maiale ma se non vi piace potete prendere tutto manzo.
  • 2 uova
  • 50 g. di pecorino grattugiato
  • 50 g. di parmigiano grattugiato
  • 100 grammi di prosciutto cotto tritato
  • 1 panino intero lasciato ammollare nel latte e ben strizzato
  • sale q.b.
  • pangrattato quanto basta
  • olio extra vergine di oliva q.b.
  • 1  piccola cipolla tritata finemente
  • 800 g. di salsa di pomodoro se volete tanto sugo, altrimenti meno.
  1. Mescolate in un mixer o in una ciotola capiente le carni, le uova, i formaggi, il prosciutto e  il panino ben strizzato e ben sbriciolato: salate.
  2. Otterrete così un composto nè troppo duro, nè troppo molle: se per caso fosse molto duro potete aggiungere un goccino (ma poco poco!) di latte, se invece è troppo molle aggiungete un poco, ma poco, pangrattato.
  3. Formate con il composto tante polpettine della misura che volete voi: se avete pazienza e volete qualcosa di chic fatele piccole piccole, se non avete pazienza e ….come dire….badate al sodo, allora fatele più grosse ma….che polpette siano, non polpettoni!!!
  4. Passate le polpette nel pangrattato e tenetele da parte.
  5. In una padella capiente fate un bel soffrittino con l’olio e la cipolla e aggiungetevi le polpette, fatele rosolare per bene girandolo sottosopra un paio di volte.
  6. Aggiungete il pomodoro e fate cuocere a fuoco basso per almeno una mezz’oretta con il coperchio e girando le polpette di tanto in tanto.
  7. Servite quando volete e voilà!!

Meat balls are always appreciated,  every body, especially children, like them. You can cook them in large quantity and freeze what you don’t need. If cooked in tomato sauce, you can easily heat them in a microwave and voilà, ready in a minute!!

Serves 6-8:

  • A factory of Parmigiano-Reggiano. There are tw...

    Image via Wikipedia

    14 oz. ground beef

  • 14 oz. ground pork
  • 2 eggs
  • 1 cup freshly grated pecorino cheese
  • 1 cup freshly grated parmesan cheese
  • 5 oz. minced  ham
  • 1 small bread soaked in milk and well drained and squeezed.
  • salt to taste
  • breadcrumbs to taste
  • extra virgin olive oil to taste
  • 1 small onion thinly cut
  • 3 cups tomato sauce
  1. Combine beef and pork in a large bowl.
  2. Add eggs, cheeses and  ham.
  3. Blend bread crumbs into meat mixture, season with salt.
  4. The mixture should be very moist but still hold its shape if rolled into meatballs. If too hard add some milk, if too soft, add breadcrumbs.
  5. Shape into meatball and roll them into breadcrumbs.
  6. Heat olive oil in a large skillet. Add onion and sautè.
  7. Fry meatballs in batches. When the meatball is very brown and slightly crisp add tomato sauce and cook at mild temperature with the lid until meatballs are well done (30 minutes approx.)
  8. Serve when you like and enjoy!!!

Kite inNepal

I didn't know, but i love the wind

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Koji AND Fermentation AND Cooking AND Science AND Pickles AND Cultures AND Preservation

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione