Tag Archives: olio

Arrosto di tacchino e olive: un must. Roasted turkey with olives: a must!

24 Giu

Buongiorno!! Questo arrosto è uno dei miei cavalli di battaglia, soprattutto in estate. I suoi punti di forza sono: si cuoce praticamente da solo senza che si debba curarlo più di tanto, è gustosissimo, piace a tutti, anche ai bambini più difficili, si può mangiare benissimo anche il giorno dopo oppure congelare e quando si scongela è come nuovo. In più è fresco e gradevolissimo in estate, ma anche nelle altre stagioni fa la sua figura…e allora? Che volete di più…???!!!!

Per 6 persone:

  • 2 limoni belli grossi e succosi
  • olio extravergine di oliva: la stessa quantità del succo ricavato dai  limoni
  • 1000 g. circa di fesa di tacchino in un solo pezzo
  • 250 g di olive snocciolate, quelle che volete voi, ma le taggiasche sono le migliori
  • una manciata di capperi dissalati
  • NON ci vuole sale
  1. Spremete per bene i limoni e versate il succo in una pentola
  2. Aggiungetevi tanto olio quanto è il succo (più o meno, andate pure a occhio, non è importante)
  3. Adagiate nella pentola la vostra bella fesa di tacchino che dovrebbe coprire tutto o quasi tutto il fondo della pentola (il che significa che la pentola dovrebbe essere quasi a misura delo pezzo di carne, non usate i pentoloni da brodo…..!)
  4. Spargetevi sopra le olive e i capperi, mescolate un poco e cuocete a fuoco bassissimo per un’ora e mezza, coprendo con un coperchio per almeno metà della cottura.
  5. Lasciate raffreddare un poco e tagliate a fettine sottili se si è in estate, un poco più grosse se si è in altre stagioni.
  6. Servite con il suo sughetto e gustate preferibilmente in compagnia!!

Hello! This roasted turkey is one of my strong points, especially in summer. Its plus are: it cooks almost  without needing to take care of, it is tasty, everyone likes it, even the most difficult child, you can eat it even  the next day or freeze it and defro

The rind of a lemon is exceptionally bitter, w...

Image via Wikipedia

st it when you  like….. Plus it’s cool and pleasant in summer, but also in other seasons it’s very appreciated … and then? What more do you want …???!!!!

For 6 persons:

  • 2 lemons and juicy big beautiful.
  • extra virgin olive oil: the same amount of the lemon juice.
  • 1000 g turkey breast in one piece.
  • 250 g of pitted olives, the ones you want.
  • one handful of capers
  • you do not need salt

1. Squeeze lemons and pour the juice in a saucepan
2. Add as much oil as roughly the juice (more or less)
3. Put in the pot your  turkey that should cover all or most of the bottom of the pot (which means that the pot should  almost tailor the piece of meat, do not use the big pans …..!)
4. Sprinkle over  olives and capers, stir a little and cook over low heat for an hour and a half, covering with a lid for at least half of the cooking.
5. Let cool slightly and cut into thin slices if you are in summer, a little bigger if in other seasons.
6. Serve with sauce and enjoy it together with friends or family!

Annunci

Il tonno dietetico. Diet tuna fish.

10 Giu

 

E continuiamo con la nostra scalata ai chili di troppo in vista della spiaggia che avanza…..

Mangiare leggero e gustoso non è difficile, purchè gli alimenti siano di ottima qualità e siano freschissimi; il tonno fresco, in particolare, è un ottimo alimento, ricco di proteine e povero di grassi. Attenzione però,  anche se il contenuto totale di grassi è ridotto, il contenuto percentuale di acidi grassi essenziali è abbastanza elevato, anche se sono proprio questi che aiutano a  tenere sotto controllo trigliceridi e colesterolo!!

Per 4 persone:

  • 4 fette belle spesse di tonno fresco
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • unamanciata di semi di sesamo tostati in padella e lasciati raffreddare
  • sale q.b.
  • insalatina fresca q.b.
  1. Passate per bene le fette di tonno nell’olio e subito dopo “impanatele” con i semi di sesamo.
  2. Schiacciate per bene in modo che i semi ricoprano interamente i due lati delle fette.
  3. In una padella antiaderente, scottate brevemente le fettine con un poco, ma poco, olio.
  4. Servite su un letto di insalatina accompagnato, a parte da una goccia di aceto balsamico più stagionato possibile perchè si sa, più l’aceto balsamico è vecchio, più è buono.
  5. Buon appetito!!

Let’s keep on dieting to kill  the over weight  in view of the beach …..!!

Eating light and tasty it is not difficult as long as food is of excellent quality and  fresh;  fresh tuna, in particular, is an excellent food, rich in protein and low in fat. But be careful, even if the total fat content is reduced, the percentage of essential fatty acids is quite high, even if  these fat acids help to control cholesterol and triglycerides!

Serves 4:

* 4 beautiful thick slices of fresh tuna
* extra virgin olive oil to taste
* 1 handful of toasted sesame seeds previously toasted in  a frying pan and let cool
* salt to taste
* fresh salad q.b.

1. Roll  tuna in oil and immediately after cover with sesame seeds.
2. Coat  them carefully, so that the seeds completely cover both sides of the slices.
3. In a pan, briefly saute the slices with a little, but little oil.
4. Serve on a bed of salad accompanied, by the side, by a drop of balsamic vinegar aged if possible because as we know, the older balsamic vinegar is , the better it is…..
5. Bon appetit!

Il pesto di melanzane di Gianluca. Gianluca’s eggplant pesto.

11 Apr

Gianluca è un mito ai fornelli. Si capisce subito quando si entra nella sua cucina: bellissima, stra funzionale e molto, molto vissuta: insomma si vede che lui cucina davvero.

L’altra sera sono stata a cena da lui ed è stata una festa, ottime ricette, ma questa del pesto di melanzane, che Gianluca, generoso come tutti quelli che cucinano bene e sono solo contenti di condividere le loro specialità, mi ha passato, è super.

Velocissima, le melanzane le potete cuocere anche il giorno prima se non avete tempo, come ho fatto io, le mettete in forno e le dimenticate (non per sempre però…..).

Per 500 gr. di pasta:

  • 2 melanzane lunghe e cotte in forno a 180° per 40 minuti fino a quando sono morbide.
  • 80 gr. di pinoli
  • 50 g. di basilico (le foglie) lavate e asciugate, anche se la ricetta del pesto le prevederebbe solo pulite con un panno umido….
  • 80 .g. di parmigiano
  • sale q.b
  • olio extravegine di oliva q.b.
  1. Pelate le melanzane e mettetele dentro al boccale del mixer….(lo so, i liguri appena sentiranno pesto e mixer scapperanno inorriditi…..ma col mortaio proprio no, non ce la faccio….)
  2. Aggiungete i pinoli, il basilico e il parmigiano, salate e tritate con il mixer, ma senza esagerare o il formaggio si scalderà e vi verrà fuori un pastone….orribile.
  3. A questo punto aggiungete con le lame in movimento l’olio di oliva a filo fino a quando non avrete ottenuto una consistenza cremosa: proprio quella del pesto appunto, ma non troppo morbida.
  4. Cuocete la psata, scolatela e conditela con questa favola di pesto allungato da un poco di acqua di cottura.
  5. Da leccarsi le dita!!!!

Gianluca is one of my friend and I’ve been invited for dinner recently: such a gorgeous experience!!!!

His kitchen is perfect, professional and handy: amazing to see! It always says: I’m the kitchen of a very good cook and this is his eggplant pesto, simply marvellous.

Basil leaves (Ocimum basilicum).

Image via Wikipedia

For of pasta:

  • 2 eggplants (aubergines) cooked in oven at 375° F for 40 minutes, until they are soft.
  • 2 cups fresh basil leaves
  • 1/2 a cup  pine nuts
  • 1/2 a cup freshly grated parmesan cheese
  • salt to taste
  • extra virgin olive oil to taste
  1. Start peeling the eggplants.
  2. Put them into the food processor and add  basil leaves. Once this is loosely chopped add more basil, chop some more, add the rest of the basil, chop some more.
  3. At this point the basil and eggplant should be a very fine mince. Add about half the pine nuts, chop. Add the rest of the pine nuts, chop. Add half of the Parmesan, chop. Add the rest of the Parmesan, and chop.
  4. With the motor running, gradually add the oil in a thin steady stream until well combined and  until you do not get a creamy sauce, but still thick.
  5. You can set this aside or place it in the refrigerator until you are ready to use it.
  6. Cook pasta and serve with pesto sauce thinned  with a splash of pasta water for more coverage with
  7. Serve: it’s wonderful.

La mia focaccia!! My focaccia!!

25 Mar

Questa è una delle mie ricette storiche, di quelle ricette che riescono sempre, di quelle che tutte le volte, ma proprio tutte, vengono nello stesso modo, nessuna sorpresa: che soddisfazione!

Fatene tesoro, non vi deluderà.

Per 6-8 persone:

  • 1 cubetto di lievito di birra fresco
  • 320 g. di acqua tiepida
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 600 grammi di farina 00
  • 50 g. di olio
  • 1 noce di strutto (è facoltativa, ma rende la focaccia moooooooooolto più croccante)
  • 1 cucchiaio di sale
  • sale grosso q.b.
  1. Versate in una ciotola il lievito di birra sbriciolato
  2. Aggiungetevi 100 g. di acqua tiepida e lo zucchero: mescolate fino a quando il lievito non sarà completamente sciolto.
  3. A questo punto versate tutta la farina, il sale, la rimanente acqua, l’olio e lo strutto e impastate, a mano o con un’impastatrice.
  4. Otterrete un impasto morbido, elastico che non si appiccica alle mani: una meraviglia. (Se il vostro impasto fosse troppo granuloso aggiungete pochissima acqua, se appiccicasse un poco, aggiungete pochissima farina: le diversità dal vostro impasto al mio, potrebbe derivare dal tipo di farina utilizzata: più vecchia è, più assorbe acqua.)
  5. Ottenuto il vostro bell’impasto comincia la fase delle coccole dell’impasto……….va messo dentro una ciotola e coperto e lasciato lì in pace per almeno un paio di ore, ma anche di più: l’importante è che stia lontano dall’umidità e dalle correnti d’aria o non lieviterà e sarà un vero disastro………
  6. Bene, trascorso il tempo il vostro impasto sarà raddoppiato di volume. Prendetelo e stendetelo sulla teglia del forno foderata da carta forno.
  7. Condite con un poco di altro olio di oliva ( e chi si lamenta non faccia la focaccia, faccia il pane……..!!!! La focaccia o è unta o non è focaccia) e lasciate lievitare ancora almeno un’ora dentro il forno SPENTO.
  8. Togliete la teglia dal forno, scaldatelo a 200°, rimettete la teglia in forno e cuocete per almeno 30 min.
  9. Non appena la focaccia è ben dorata è pronta.
  10. Buonissima sia calda che tiepida che fredda……!!

This is one of my traditional recipes: focaccia with this dough is always a success. Try it and remember: it must be oily or it is not focaccia: if you want something light, make a bread, not a focaccia….!!!

Serves 6-8:

  • 1 (0,25 oz.) package active dry yeast
  • barely 1 tbsp of sugar
  • 1 and 1/3 cup of warm water
  • 4 and 1/5 cup of all purpose flour
  • 1/4 cup of olive oil
  • 2 tsp of lard (optional)
  • barely 1 tbsp salt
  1. In a small bowl, dissolve yeast and sugar in 1/3 cup of warm water. Let stand until creamy, about 10 minutes.
  2. In a large bowl. combine the yeast mixture with flour; stir well to combine.
  3. Stir in additional water (1 cup), a little at a time,  and knead until all the flour is absorbed.
  4. Add oil, lard and salt and knead for few minutes.
  5. When the dough has pulled together, turn it out onto a lightly floured surface and knead briefly for about 1 minute.
  6. Lightly oil a large bowl, place the dough in the bowl and turn to coat with oil.
  7. Cover with a damp cloth and let rise in a warm place until doubled in volume, about 2 hours.
  8. Preheat oven to 400 degrees F (200 degrees C).
  9. Deflate the dough and turn it out onto a lightly floured surface.
  10. Knead briefly, pat or roll the dough into a sheet and place on a lightly greased baking sheet.
  11. Brush the dough with oil and sprinkle with salt, let rise again in a warm place for about 30 minutes.
  12. Bake focaccia in preheated oven for 30 minutes, until golden brown and serve hot, warm or cold: it’s really delicious!!!
Kite inNepal

I didn't know, but i love the wind

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Koji • Fermentation • Science • Pickles • Cultures

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione