Tag Archives: lievito

Il pane zafferano e mandorle di Mr Thiercelin

23 Mar

Mi sono scatenata con il pane……!!!

Faccio di tutto: con le olive, le noci, di mais, no kneaded, nero, 5 cereali…..e non ancora contenta……sono andata a scovare una ricetta che ricordavo sul libro “Saffron” (Agnés Viènot Edition), scritto da questo francese che ho tentato di contattare anche per mail ma non mi ha risposto (ahi ahi ahi……Mr Thiercelin…! Si risponde sempre ad una Signora…!)

Comunque il pane è buono, diverso dai soliti e molto di presenza, anche se non regalato perchè tra zafferano e mandorle il conto sale. Ma pazienza, alla fine non sono grosse cifre, dopotutto si parla sempre di pane.

Per 4-5 panini

  • 10 g di lievito di birra o pasta madre se l’avete
  • 200 g circa di acqua tiepida più q.b. per rendere elastica la pasta
  • 500 g di farina 00
  • sale q.b.
  • 10 g di zucchero
  • 30 g di olio extravergine di oliva
  • 1 uovo più un tuorlo
  • 1 bustina di zafferano
  • 50 g di mandorle pelate e tritate
  1. Diluite lievito e zafferano in un poco di acqua tiepida, aggiungendo anche lo zucchero che aiuterà il lievito ad attivarsi.
  2. Aggiungete olio, farina, uova ed il resto dell’acqua.
  3. Impastate fino a quando non avrete ottenuto un bell’impasto elastico, aggiungendo acqua se necessario.
  4. Mettete a lievitare in luogo asciutto e riparato per almeno un paio d’ore, ma se sono di più non preoccupatevi, meno forzate la lievitazione meglio è.
  5. A questo punto formate tanti piccoli panini, ungeteli nell’olio di oliva e rotolateli nelle mandorle.
  6. Lasciate lievitare ancora almeno una mezz’ora.
  7. Cuocete in forno caldo a 180° per 20 min. circa.
  8. Lasciate raffreddare e servite!!

Il pane con pochissimo lievito e poca lavorazione!! No kneaded and little yeast bread.

7 Giu

Quante volte abbiamo mangiato il pane e ci siamo sentiti gonfi? O abbiamo avuto bruciori di stomaco…?? I lieviti, si sa non a tutti fanno bene inoltre le lunghe lievitazioni permettono al pane di sviluppare più sapore grazie alla formazione di più tipologie di lieviti. Alcuni ceppi di lieviti infatti nelle brevi lievitazioni non fanno in tempo a svilupparsi.

In un’epoca in cui si tende sempre a velocizzare il tutto a me piace l’idea di tornare alle vecchie procedure e in tutto questo, il gusto ne guadagna…

e un altro problema che si ha quando si decide di cuocere una bella pagnotta è quello dell’impasto, soprattutto se non si possiede un’impastatrice……..ecco perchè ho deciso di raccontarvi il mio pane con poco lievito e pochissima lavorazione , fragrante e profumato: provatelo e ditemi come vi è venuto mi raccomando!!!!

Per una pagnotta:

  • 470 g. di farina tipo 0
  • 360 g. di acqua
  • 3 g di lievito di birra
  • 1o g. di sale
  • 10 g. di zucchero
  1. In una terrina capiente versate la farina, il lievito, lo zucchero e il sale e mescolarli.
  2. Aggiungete l’acqua e date una mescolata a mano solo quel tanto che basta a far amalgamare gli ingredienti.
  3. Mettete in una ciotola coperta e lasciate lievitare per 8 ore a temperatura ambiente.
  4. Trascorse le 8 ore, vi troverete con una massa “blobbosa”, che verserete su una spianatoia molto bene infarinata.
  5. Spolverate poi la superficie superiore di farina e lavorate ripiegando l’impasto su se stesso più volte.
  6.  Ora spolverate un contenitore con  della farina di riso o magari semola di grano duro o 00 se non avete altro.
  7. Mettete il pane nel contenitore cercando di formare una palla tonda (infarinatevi molto bene le mani perché l’impasto è molto idratato e molle).
  8. Spolverate anche la superficie con farina o quello che avete, coprite con uno strofinaccio e lasciate lievitare per un altro paio di ore.
  9. Mezz’ora prima di infornare introducete una pentola in ghisa o di terracotta o acciaio o pirex con il coperchio nel forno e portatelo a 230°.
  10. Quando il forno sarà ben caldo, trasferite l’impasto nella pentola e chiudete con il coperchio.
  11. Infornate per 30 minuti, dopodiché togliete il coperchio, abbassate la temperatura a 200° e continuate la cottura per altri 20 minuti.
  12. Una volta cotto, appoggiate il pane su una griglia a testa in giù per qualche minuto in modo che perda l’umidità. Lasciate raffreddare e gustate…

How many times have we eaten bread, and we felt swollen? Or we have had heartburn …?? The yeasts, we know that not all yeasts are good, for the long rising also allows the bread to develop more flavor thanks to the formation of several types of yeast. Some strains of yeast leavening are not able to develop in the short time.

In an age where we tend to speed things up I like the idea of ​​returning to the old procedures and in all this, taste get better …

And another problem is this: when you decide to bake a loaf you have to use a food processor  …….. that’s why I decided to give you my recipe of  my bread with a little yeast and very little work, fragrant and perfumed: try it and tell me how you came to me please!!

For one loaf:

* 470 g. flour type 0
* 360 g. water
* 3 g of yeast
* 1st g. salt
* 10 g. sugar

1. In a large bowl put the flour, baking powder, sugar and salt and mix.
2. Add the water and give a stir by hand only just enough to mix the ingredients.
3. Put in a covered bowl and let it rise for 8 hours at room temperature.
4. Spent 8 hours, you will find yourself with a bubble mass, which you will put on a floured pastry board.
5. Then sprinkle the top surface of flour and work the dough by folding in on itself several times.
6. Now sprinkle a container with rice flour or wheat flour or maybe 00 if you do not have another.
7. Place the bread in the container trying to form a round ball .
8. Sprinkle the surface with flour or even what you have, cover with a towel and let it rise for another couple of hours.
9. Half an hour before baking, introduce in oven a cast iron pan or clay or steel or Pyrex with a lid and bring it  to 230 degrees.
10. When the oven is hot, transfer the dough  into the pan and close with the lid.
11. Bake for 30 minutes, then remove the lid, lower the temperature to 200 ° and continue cooking for another 20 minutes.
12. Once cooked, place the bread on a wire rack upside down for a few minutes so that it loses moisture. Let cool and enjoy …

Una meraviglia di pane di pasta dura. A marvellous bread!!

30 Mag

Non avete idea di che pane meraviglioso mi sia venuto!!! Avevo un cubetto di lievito quasi in scadenza, e quindi da utilizzare, ma non avevo a disposizione moltissimo tempo per le lievitazioni….per cui mi è venuto in mente questo pane che avevo visto fare un po’ di tempo fa, ma che non avevo mai provato…..è stato un vero successo!

Fatelo anche voi, non è difficile e i complimenti fioccheranno…!!

  • 300 g di acqua a temperatura ambiente
  • 10-12 g di sale
  • 30 g di olio extravergine
  • 550 g di farina
  • 25g di lievito di birra
  1. Sciogliete il sale nell’acqua
  2. Aggiungete l’olio e meta’ della farina
  3. Impastate per bene con santa pazienza: gli impasti non amano la fretta e tantomeno il nervosismo
  4. Aggiungete il lievito e, man mano,  la farina rimanente
  5. Impastate per almeno 15 minuti meglio se a macchina.
  6. A questo punto avete l’impasto pronto e, senza fare lievitare, cominciate subito a lavorarlo.
  7. Tagliate l’impasto in quattro parti uguali.
  8. Con un mattarello appiattite il pezzo di pasta e poi arrotolatelo su se stesso fino ad ottenere un panino arrotolato come si vede in foto
  9. Ri- schiacciate il filoncino con il mattarello fino ad ottenere una striscia piatta di pasta come prima
  10. Arrotolatela di nuovo su se stessa fino a formare una pagnotta tipo quella in foto
  11. Questo procedimento da forza alla pasta e piu’ forza ha la pasta, meglio si sviluppa quando la tagliate e la mettete in forno
  12. A questo punto, coprite e lasciate lievitare per 45 minuti meglio se nel forno spento.
  13. Trascorso il tempo, ritroverete i vostri panini mooooooltooooo più grandini. Tirateli fuori dl forno e pre-riscaldatelo a 180-200°
  14. Prima di infornare, con una coltello molto affilato effettuate un taglio profondo nel centro di ogni panino ed infornatelo
  15. Cuocete per 50-55 minuti in tutto, attenzione il tempo ci vuole tutto: è una pasta dura, non scordatelo, altrimenti dentro rimane umida!!!
  16. Lasciate raffreddare bene bene.

You have no idea:  what a wonderful bread! I had a cube of yeast almost due, and then I had to use it, but I had not plenty of time to provide the rising …. so I came up with this bread that I had seen some time ago, but I had never tried ….. it was a real success!

Make it you too, it is not difficult and compliments will come easy!

  •   300 g of water at room temperature
  •   10-12 g of salt
  •    30 grams of extra virgin olive oil
  •    550 g flour
  •    25 g fresh yeast
  1. Dissolve salt in water
  2. Add oil and half of the flour
  3. Mix thoroughly with holy patience, the mix doesn’t  like the hustle and even less jitters……
  4. Add yeast and the remaining flour
  5. Knead for 15 minutes,  if  with food processor is better.
  6. Now you have the dough ready, and without letting it rise, you can begin working with it immediately.
  7. Cut the dough into four equal parts.
  8. With a rolling-pin flatten each  piece of dough and then roll it on itself to form a sandwich roll as shown in photo
  9. Re-crush the loaf with a rolling-pin until you get a flat strip of pasta as a first
  10. Roll it back on itself to form a loaf like that in photos This process gives strength to the dough and “the more force has the dough, the better you develop when you cut it and put it in the oven”
  11. At this point, cover and let it rise for 45 minutes, preferably in the oven.
  12. After this time, you’ll find your sandwiches  bigger.
  13. Take them out from the oven and  pre-warm it at 375 °
  14. Before baking, with a very sharp knife made a deep cut in the center of each bun
  15. Bake for 50-55 minutes in all, pay attention 50-55 minutes are the minimum: it is a hard paste, do not forget it, otherwise it stays wet inside!
  16. Let cool well well.
Kite inNepal

I didn't know, but i love the wind

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Koji • Fermentation • Science • Pickles • Cultures

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione