Tag Archives: erba cipollina

Spaghetti fiori di zucca, erba cipollina e peperoncino.

15 Lug

IMG_0140

A volte basta veramente pochissimo per mangiare un gran piatto di pasta!! Il tempo di far bollire l’acqua e buttare gli spaghetti e il sugo, questo sugo, è già pronto!

Avevo trovato dal contadino delle zucchine favolose che ho deciso di grigliare e mettere sott’olio. Alle zucchine erano attaccati i fiori: bellissimi, ancora belli chiusi, quasi profumati! Sapevo però che non sarebbero durati molto con questo caldo..! Ho tolto il pistillo interno, ricordatevi di farlo sempre: è amaro, ho controllato che dentro fossero puliti e non li ho nemmeno lavati, solo passati con uno straccetto umido.

A questo punto li ho tagliati fini fini e buttati in padella. Non avevo voglia di pulire il cipollotto semplicemente…..perchè non mi andava che le mani sapessero di cipolla….per cui ho deciso di provare un bel ciuffone di erba cipollina del mio orto aromatico. Davvero un sugo perfetto, velocissimo e sano per accompagnare “due spaghi” estivi!

Ingredienti per 4 persone: tempo di preparazione 10 min. tempo di cottura 10 min.

  • acqua salata q.b.
  • 320 g di spaghetti
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 8 fiori di zucchina tagliati sottili sottili
  • un bel mazzo di erba cipollina tagliata a pezzetti di mezzo cm circa
  • 100 g di pecorino stagionato grattugiato
  • peperoncino q.b.
  • sale q.b. (ma a me non è servito)
  1. In una pentola capiente, portate ad ebollizione l’acqua salata e buttatevi la pasta. Fatela  cuocere per un tempo pari a due minuti meno di quello consigliato sulla confezione.
  2. Nel frattempo, in una padella con poco olio, fate saltare per un minuto o due i fiori di zucca, aggiungete l’erba cipollina e il peperoncino.
  3. Scolate la pasta, ma non del tutto, lasciatela morbida  e unitela alla padella con il sugo e il formaggio.
  4. Fate saltare per 3-4 min. di modo che il formaggio si sciolga e con l’acqua di cotura formi una cremina (un po’ come gli spaghetti cacio e pepe)
  5. Servite subito aggiungendo un filo di olio crudo buono.
  6. Buon appetito!

ENGLISH VERSION:

Sometimes it takes very little to eat a large and wonderful pasta! The time to boil the water and cook  spaghetti and the sauce is ready!

I found some zucchini from the farmer so fabulous that I  decided to grill them. Attached to the zucchini their flowers: beautiful,yet closed, almost fragrant! But I knew that they would not last long in this heat ..! I removed the pistil inside, remember to do it always it is bitter, I checked that inside were clean and I do not even wash them: I just passed with a damp cloth.

At this point I cut them very thinly and sautè them into the pan. I did not want to clean an onion ….. simply because I did not want my hands to smell…. so I decided to try a nice bunch of chives in my vegetable garden. Really a perfect sauce, a fast and healthy way to get two spaghetti in summer!

Serves 4 people: preparation time 10 min. cooking time 10 min.

  • salt water to taste
  • 320 g of spaghetti
  • extra virgin olive oil to taste
  • 8 zucchini flowers thinly sliced ​​
  • a big bunch of chives cut into pieces of about half a centimeter
  • 100 g of grated pecorino cheese
  • chilli to taste
  • salt to taste (but i did not need it)
  1. In a large pot, bring to a boil some salt water . Let spaghetti cook for a time of  two minutes less than recommended on the package.
  2. Meanwhile, in a skillet with a little oil, saute for a minute or two the flowers, add the chives and pepper.
  3. Drain the pasta, but not completely, leave some water and add it to the pan with the sauce and cheese.
  4. Saute for 3-4 min. so that the cheese melts and the water and forms a creamy sauce (a little like spaghetti with cheese and pepper)
  5. Serve immediately adding a little olive oil good.
  6. Enjoy your meal!

Il risotto con le ciliegie!! Cherry risotto.

25 Mag

Che ne dite di un bel risottino oggi? Mi sono fatta tentare dalle ciliegie, nonostante il prezzo di anno in anno più proibitivo, per cui ne ho comprate poche, 3 etti. A questo punto il dilemma era: che farne…??!!! Che fare con solo 300 grammi di ciliegie? E siccome un risottino non si nega a nessuno…….ecco qua!

Prima della ricetta, però, vorrei parlarvi un attimo delle proprietà delle ciliegie: lo sapete che sono ricche di vitamina A ed è utilissima per le persone anziane e per gli ipertesi grazie al suo contenuto di potassio (così utile con questo caldo….). Inoltre contengono pochissimo sodio per cui sono diuretiche.

Inoltre, secondo lo studio condotto dalla  Western Human Nutrition Research Center di Davis in California, le ciliegie riuscirebbero a combattere le infiammazioni delle articolazioni determinate dall’artrite e  avrebbero anche  un’azione antidolorifica, simile a quella dell’aspirina e una funzione di protezione del cuore e dell’apparato cardiocircolatorio grazie agli antociani che contengono.
Insomma, consumando a digiuno 25 ciliegie al giorno e acqua in grande quantità si otterrebbe  un effetto depurante e disintossicante, ottimo in caso di stipsi e contro lo stress (favorito dall’equilibrio tra acidi e sali minerali presenti nel frutto).

Gianluca, cuoco sopraffino, ha realizzato questa ricetta e l’ha mantecata con lo yogurt al posto del burro: il risultato è stato brillante e molto meno grasso. Una valida alternativa non vi pare??!! Grazie Gianluca!

 

Ma ora il risotto….:

Per 4 persone:

  • 1 cipolla piccola (40 g.) pelata e tagliata sottile
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 320 g. di riso carnaroli
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 300 g. di ciliegie lavate e  snocciolate
  • brodo vegetale q.b. (circa 700 g.)
  • erba cipollina tagliata con la forbice una manciata
  • sale q.b.
  • burro per mantecare q.b.
  1. Fate un bel soffritto con l’olio e la cipolla, senza farlo bruciare mi raccomando, anzi meglio un po’ stufato.
  2. Unite il riso e fatelo tostare per bene così si chiudono i chicchi e non esce il buono, (un minutino basta).
  3. Sfumate con il vino bianco a alzate il fuoco per un paio di minuti, così tutto l’alcool se ne va, voi continuate però a mescolare.
  4. Unite, le ciliegie e fatele ripassare nel condimento per un paio di minuti.
  5. Aggiungete, un poco alla volta,  il brodo:  caldissimo mi raccomando o fermerete la cottura!!!
  6. Salate e continuate a cuocere per almeno 10 min. sempre mescolando.
  7. Proseguite per 3 min. circa, poi assaggiate di sale e controllate la cottura.
  8. Unite il burro e l’erba cipollina, mescolate e servite subito.
  9. E’ una delizia.

How about a nice risotto today? I got groped by cherries, despite the price from year to year more prohibitive, so I bought a few, less than one pound.

Now the dilemma was: what to do with them …??!!! What to do with less than one pound of cherries? And as a risotto is not denied to anyone ……. here it is!

Gianluca has cooked this risotto seasoning with yogurt instead of butter: the result has been very appreciable, lighter and tasty!

 

Before the recipe, however, let me speak briefly about the properties of cherries: you know that they are rich in vitamin A and so useful for the elderly and hypertensive, due to their potassium content (so useful in this hot weather …. ). They also contain very little sodium and so they are diuretic.

In addition, the study conducted by the Western Human Nutrition Research Center in Davis, California, says that cherries would be able to fight the inflammation of the joints from arthritis and would also have certain analgesic action, similar to that of aspirin and a security feature of heart and the cardiovascular system due to anthocyanins contained.
In short, eating 25 cherries a day together with a lot of  water, would have a purifying and detoxifying effect, just in case of constipation and stress (favored by the balance between acids and mineral elements in fruit).

But now the risotto ….:

Serves 4:

  1. A pair of cherries from the same stalk. Prunus...

    Image via Wikipedi4 servings:

  • 2 tbsp of skinned and minced onion
  • 2 tbsp of extra-virgin olive oil
  • 300 g. cherry, previously washed and stoned
  • 320 g. Carnaroli rice (cooking time 18 min.)
  • 1 glass of dry white wine (120-150g.)
  • 700 g. vegetable broth or water and vegetable stock cube
  • 1 bunch of chives cut with scissors
  • salt to taste
  • butter to taste
  1. Heat the oil in a saucepan over medium heat.
  2. Add the onion and cook it until translucent, about 5 min..
  3. Add the rice and stir quickly, until is well-coated and opaque (this step takes one min. and cooks the starchy coating).
  4. Stir in the wine and cook until the alcohol has evaporated ( a couple of min.)
  5. Add cherries and stir for a couple of minutes.
  6. Add the broth a little at a time and salt:  allow the rice to absorb each addition of broth before adding more and keep going until the rice has absorbed the liquid.
  7. After 3 more min. taste the salt and the cooking point.
  8. Add the butter, continue until cooked through and serve.
  9. It’s delicious.

Una tartare semplice semplice per questo caldo. A very simple tartare.

9 Mag

Buongiorno a tutti!!!!

Che ne dite di una bella tartare di manzo dato che ieri è stata una giornatina bella calda? L’ho preparata in pochissimi minuti ed era buonissima, davvero buonissima: me la sono mangiata con grande soddisfazione.

La leggenda racconta che i Tartari, quando combattevano, non avessero tempo per fermarsi e cuocersi il cibo…..non vi dico dove la leggenda specifichi la mettessero…..ad ogni modo…….

…….la tartare è divertente perchè è possibile sbizzarrirsi con i condimenti: c’è chi per esempio aggiunge capperi, acciughe, senape e chi più ne ha più ne metta…….io in questa versione, per esempio,  ho deciso di utilizzare l’erba cipollina al posto del cipollotto perchè è più delicata: a me è piaciuta di più.
Per 4 persone:

  • una ventina di steli di erba cipollina
  • 2 o 3 steli di finocchietto selvatico
  • 600 g. di carne trita sceltissima
  • qualche goccia di limone
  • 4 tuorli d’uovo molto fresco naturalmente
  • sale q.b.
  • olio q.b.
  1. Tritate finissimamente le erbette.
  2. Mischiate tutti gli ingredienti tranne i tuorli, il sale e il pepe amalgamando il tutto in modo che la carne si insaporisca bene.
  3. Schiacciatela a mò di 4 hamburger e pressateli nel centro in modo che il tuorlo vi si sistemi bene: salate e pepate.
  4. Al momento di servire, i commensali romperanno il tuorlo e lo amalgameranno alla carne: il tutto verrà gustato immediatamente e sarà un successo.

Hi everybody!!!!

Chives (Allium schoenoprasum)

erba cipollina - herbs chives

The legend goes that Tartare tribes when fighting in the past didn’t even have time to stop and cook their food.

They are said to have kept the meat underneath their saddles and mince it in this way…… today this dish is a gourmet classic and we appreciate it very much especially in hot seasons.

This dish is eaten like a pâté, spread on a piece of warm toast for example, but  it is very important to make sure that both the meat and the egg are very fresh because they are eaten raw.

This time I have chosen to use herbs chives instead of onions: lighter and more delicate!

  • 20 stalks of herbs chives finely chopped
  • 2-3 stalks of wild fennel finely chopped
  • 1 1/2 pound finely ground beef tenderloin
  • few drops lemon juice
  • 2-3 egg yolks
  • salt to taste
  • oil to taste
  1. In a medium bowl, mix together herbs, beef and lemon juice.
  2. Season with salt and pepper.
  3. Shape as a hamburger and make place for the egg yolk in the middle.
  4.  Serve as a spread on crackers or toast.
  5. Everybody will crack its own yolk and mix it with the rest before eating.

culturesgroup

Fermentation • Preservation • Cooking • Cultures • Aspergillus

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione