Tag Archives: carote

Vellutata di topinambur e carote: sana e gustosa!

10 Feb

Flagellata da doppia, ma che dico, tripla influenza….., resisto…e cucino….meno di prima, ma cucino………l’unica differenza è che proprio non ce la faccio a mettermi alla macchina fotografica…..per cui abbiate pazienza! La foto, quindi, non è mia. Unknown

In questi giorni ho cercato di mangiare più sano possibile, soprattutto verdure che in tempi duri non appesantiscono l’intestino e aiutano a sentirsi meglio. Fatelo anche voi, mangiate verdura, rinfresca, mentre la carne riscalda e se l’intestino ha già problemi di suo, non aiuta. Tra le varie ricette di verdura-verde che ho elaborato in questi ultimi giorni, oggi vi propongo l’unica non-verde, un piatto che costa pochissimo, ma che è ricco di elementi utili alla nostra salute.

Il topinambur, che qualcuno conosce anche come tartufo di canna, carciofo di Gerusalemme o patata americana, è composto all’80% del suo peso  solamente di acqua, è quindi indicato per chi vuole dimagrire, ma è ottimo anche per una pulizia dell’intestino!! Il suo uso abbassa l’assorbimento degli zuccheri  e del colesterolo da parte dell’intestino ed è quindi molto indicato per i diabetici. Contiene anche Vit. A, B e arginina, una sostanza che aiuta il fegato e favorisce la cicatrizzazione delle ferite. Assumere topinambur significa inoltre riequilibrare la flora intestinale  e ridurre la formazione di gas!!!

Per 4-6 persone:

  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva più q.b. per condire la vellutata alla fine
  • 50 g di porro, la parte bianca) tagliata sottiler
  • 500 g di topinambur, lavati bene, pelati e tagliati a pezzetti. (NON BUTTATE LE BUCCE, SERVIRANNO PER UNA PROSSIMA RICETTA!!)
  • 250 g di carote ben lavate, pelate e tagliate a tocchetti (NON BUTTATE LE BUCCE, SERVIRANNO PER UNA PROSSIMA RICETTA!!)
  • 1 lt di acqua calda
  • sale q.b.
  • 300 g di ricotta fresca
  • la scorza grattugiata di un’arancia biologica
  • crostini di pane
  1. Scaldate l’olio in una pentola a bordi alti e soffriggete a fuoco molto dolce il porro.
  2. Aggiungete i topinambur, le carote e fate saltare per qualche minuto alzando la fiamma e mescolando.
  3. Quando la verdure sarà ben insaporita, versate l’acqua che dovrà essere molto calda o fermerete la cottura delle verdure. Salate q.b.
  4. Cuocete per circa 30-40 min. fino a quando la verdura non sarà diventata bella tenera.
  5. Aggiungete la ricotta e frullate tutto finemente. controllate di sale.
  6. Versate in una zuppiera, guarnite con la buccia d’arancia e crostini e servite!!
Annunci

Spaghetti pisellini, carote e taleggio!

2 Lug

Ora che è passato il grande caldo (e francamente non me la sentivo proprio di cucinare…..!) eccomi qui con una nuova proposta semplice semplice, velocissima e molto stuzzicante!!

La particolarità di questa ricetta è che carote e piselli sono cotti insieme alla pasta, dandoci la possibilità di preparare tutto in pochi minuti: il tempo di portarla a cottura: non male no??!!

Per 4 persone:

  • 280-300 g di spaghetti, a seconda se siete mangioni o no….che richiedano almeno 10-12 min. di cottura.
  • acqua salata per cuocere la pasta q.b.
  • 150 g di carote pelate e tagliate a julienne
  • 200 g di pisellini fini
  • 100 g di taleggio tagliato a pezzetti
  • latte q.b.
  • pepe q.b. se piace
  1. Portate l’acqua all’ebollizione e cuocetevi la pasta insieme a carote e piselli: portate a cottuta al dente.
  2. In un pentolino a parte fate sciogliere il taleggio, aggiungendo un poco di latte se necessario.
  3. Scolate la pasta insieme alle verdure e ributtatela nella stessa pentola (vuota)
  4. Aggiungete la crema di taleggio e fate saltare un paio di minuti mescolando per bene.
  5. Aggiungete pepe se vi piace e servite assolutamente subito!!!
  6. Buon appetito!!

Lo stinco di vitello in umido

26 Gen

Buongiorno!

Lo stinco di vitello è buonissimo, io lo adoro, è gustoso e basta sempre per tutti e piace sempre anche a tutti!!!

C’è un unico problema: se lo si cucina al forno e non lo si mangia subito tutto, insomma: se avanza il giorno dopo non è altrettanto buono, è secco, meno gustoso insomma.

E allora ho deciso di prepararlo in umido, in padella, con una cottura lenta lenta, dolce dolce, così da poterlo riscaldare senza problemi, con il suo sughetto e tutti i suoi sapori…..provate, è un’esperienza.

Per 8 persone:

  • uno stinco di vitello di circa 2 kg
  • sale q.b.
  • pepe nero q.b.
  • 100 g di carote
  • 100 g di sedano
  • 100 g di cipolle
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 1/2 l di vino rosso buono
  • 3 foglie di alloro
  • 3 foglie di salvia
  • un rametto di rosmarino
  • 1/2 l di brodo vegetale (circa)
  • prezzemolo per guarnire
  1. Pulite bene lo stinco ed insaporitelo con sale e pepe.
  2. A parte tagliate a cubetti le verdure (le carote più grosse)  e fatele  rosolare in una padella con l’olio extravergine di oliva.
  3. Salatele leggermente e, quando sono ben rosolate, aggiungete lo stinco.
  4. Fatelo colorire da tutte le parti e bagnatelo con il vino.
  5. Unite tutti gli  aromi, bagnate con il brodo e fate cuocere coperto a fuoco basso basso.
  6. Quando lo stinco  sarà  pronto (occorrernno circa due ore) toglietelo dalla pentola e tenetelo in da aprte al caldo.
  7. Passate  il fondo di cottura al mixer.
  8. Affettare lo stinco e servitelo accompagnato dal suo sughetto e guarnito con il prezzemolo.
  9. Buon appetito!!!

Sua maestà la peperonata! Her Majesty the peperonata!

1 Lug

Buon Luglio!!! Oggi ho deciso di inaugurare questo mese, che per me sarà molto particolare e nelle prossime settimane scoprirete perchè, con un classico dell’estate: la peperonata! Ve ne presento una versione molto semplice, solo verdura, peperoni, naturalmente, patate, cipolle e pomodori, perchè la semplicità paga sempre.

Per 6-8 persone:

  • 800 g di peperoni  rossi
  • 200 g di cipolle
  • 2 spicchi d’aglio
  • olio extravergine di oliva
  • 2 carote pelate e tagliate a rondelle
  • 2 zucchine tagliate a rondelle
  • 300 g. di patate pelate e tagliate a tocchi
  • sale e pepe q.b.
  • 500 g di pomodori pelati
  1. Pulite i peperoni aprendoli, togliendo i semi interni e le parti bianche e tagliandoli a listarelle.
  2. Se volete una peperonata più leggera, potete anche sbucciarli: in questo caso per eliminare la pelle metteteli in forno a  200° per una mezz’ora circa, poi  sfornateli e metteteli in una sacchetto  di carta, tipo quelli che usa il panettiere per vendervi il pane, chiudetelo e aspettate una decina di minuti; infine scartateli e spellateli .
  3. Sbucciate le cipolle e affettatele molto sottili; mettetele in una padella capiente e fatele imbiondire insieme all’aglio con un poco di  olio extravergine.
  4. Unite poi le carote, le zucchine, le patate e i peperoni,  salate e pepate.
  5. Mescolate e fate cuocere con il coperchio per circa 30 minuti.
  6. Aggiungete i  pomodori pelati  e continuate la cottura per dieci minuti.
  7. Controllate che le patate siano cotte, spegnete il fuoco, fate riposare per qualche minuto e servite.

Happy July! Today I decided to open this month, which will be very special for me and in the coming weeks you’ll discover why, with a classic of the summer: the peperonata! There I post  a very simple version, only vegetables: peppers, of course, potatoes, onions and tomatoes, because  simplicity is better.

Serves 6 to 8 :

  •      800 grams of red pepper
  •      200 g onions
    More peperoni

    Image by Rachel Black via Flickr

  •      2 cloves of garlic
  •      extra virgin olive oil to taste
  •      2 carrots, peeled and sliced
  •      2 zucchini sliced
  •      300 g. potatoes peeled and cut in pieces
  •      salt and pepper to taste
  •      500 g of peeled tomatoes

1. Clean the peppers opening them, removing all the seeds and white parts and cutting them into strips.
2. If you want a lighter version, roast the  peppers;  in this case, to remove the skin  place them in oven at 200° for about half an hour, then take them out and place them in a paper bag,  close it and wait about ten minutes, then peel and discard them.
3. Peel the onions and slice them thinly, put them in a large skillet with the garlic and let them brown with some olive oil.
4. Then add carrots, zucchini, potatoes and peppers, season with salt and pepper.
5. Stir and cook covered for about 30 minutes.
6. Add the tomatoes and continue cooking for ten minutes.
7. Check that potatoes are cooked, turn the fire off, let the peperonata rest for few minutes and serve.

Kite inNepal

I didn't know, but i love the wind

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Koji • Fermentation • Science • Pickles • Cultures

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione