Tag Archives: baccalà

Il baccalà al verde: nulla di più semplice e gustoso. Dried salt cod in green: simple and tasty.

30 Giu

Buongiornooooooooooooo!!! Ma lo sapete che ieri con la mia pasta ho avuto una marea, ma davvero una marea di contatti? Ma che soddisfazione…! Sono felicissima!!!

Grazie!

Oggi facciamo il baccalà al verde, un piatto ligure buonissimo e facilissimo che si cuoce in pochissimo tempo ed è davvero gradito da tutti. L’unica accortezza che dovete avere è quella di dissalare il baccalà lasciandolo un paio di giorni immerso in acqua fredda che dovrete cambiare spesso, almeno 3-4 volte al giorno.

Questa non è proprio la ricetta originale, che prevede anche i funghi, la farina, il latte……è una versione più semplice, come piacciono a me e anche a voi mi pare…!

Se non ne avete voglia, acquistatelo già ammollato e in pochissimo tempo cucinerete una vera delizia!!

Per 4 persone:

  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • 1 carota tagliata a dadini piccoli
  • 250 g. di patate tagliate a fettine sottilissime
  • prezzemolo tritato una bella manciata, se no che verde è…??!!
  • mezzo spicchio di aglio tritato finissimo se volete
  • sale q.b. ma poco
  • una manciata di pinoli
  • 400 g. di baccalà ammollato e ben scolato
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco
  1. In una casseruola o pirofila oliata, versate le carote e fate uno strato di patate.
  2. Condite con un giro di olio, spolverizzate con il prezzemolo, l’aglio e pochissimo sale.
  3. Aggiungete i pinoli e il pesce.
  4. Condite con un altro giro di olio e bagnate con il vino.
  5. Cuocete a fuoco medio con il coperchio per circa 30 min. NON cuocete troppo o il baccalà diventerà stopposo!
  6. Qualche minuto prima della fine scoperchiate e, se c’è bisogno di fare asciugare, alzate il fuoco, ma state attenti a non bruciare!

Buongiornooooooooooooo! Do you know that yesterday with my blog I got a flood, but really a lot of contacts? What a satisfaction …! I’m so happy!

Thanks!

Shelled pine nuts.

Image via Wikipedia

Today we cook the cod “al verde” , delicious and easy dish from Liguria that cooks in a very short time and is really appreciated by everybody. The only care you need to have is to desalinate dried salt cod leaving it a couple of days immersed in cold water.  You have to change the water often, at least 3-4 times a day. If you do not like desalinating it, buy it already soaked and cook in a short  time a real treat!

This is not quite the original recipe, which also includes mushrooms, flour, milk …… it is a simpler version, like those we (you and me) appreciate…..!

Serves 4 persons:

  • extra virgin olive oil to taste
  • 1 carrot peeled and cut in very small pieces
  • 250 g.  potatoes cut into very thin slices
  • a handful of chopped parsley, ( otherwise it’s not green!!)
  • half a clove of garlic chopped very thinly, if you want
  • salt to taste but very little
  • a handful of pine nuts
  • 400 g. salt cod, soaked and well-drained
  • ½ cup dry white wine

1. In a casserole, greased, put the carrot and make a layer of potatoes.
2. Garnish with olive oil, a sprinkle of parsley, garlic and a little salt.
3. Add the pine nuts and fish.
4. Season with another round of oil and add the wine.
5. Cook over medium heat with the lid for about 30 min. Do not overcook or it will become stringy!
6. A few minutes before the end uncover and, if you need to dry, turn up the fire, but be careful not to burn!

Annunci

Venerdì pesce: la mia brandade semplificata – Codfish brandade style.

4 Mar

Thanks God is Friday dicono gli inglesi!!! Buongiorno a tutti!

Vi posto una ricettina semplicissima e di grande effetto, la potete fare con il merluzzo dissalato. (come fare lo trovate kliccandoci sopra), ma anche con dei filetti di merluzzo freschi o scongelati, purchè senza  spine.

E’ una proposta perfetta come antipasto:  se avete ospiti  servitelo con crostini e farete un figurone. Se invece volete farne un secondo piatto, le porzioni naturalmente saranno più abbondanti. Io comunque la preferisco come antipasto anche perchè….come dire….non è propriamente un piatto dietetico……….!!

Per 6 persone:

  • 400 g. di merluzzo o baccalà spinato e senza pelle
  • 200 g. di patate tagliate a fettine
  • 200 g. di latte
  • 50 g. olio extravergine di oliva
  • sale q.b., ma ricordatevi che se state utilizzando merluzzo dissalato dovete salare poco, e poi ci sono anche le olive.
  • 100 g. di olive taggiasche, a me piacciono queste, ma voi usate quelle che volete
  • prezzemolo fresco tritato quanto ne volete
  1. Cuocete a vapore sia il pesce che le patate (potete tranquillamente cuocerli insieme) per una ventina di minuti.
  2. Metteteli nel frullatore insieme al latte e a metà dell’olio: frullate a velocità media e il composto diventerà una crema.
  3. Aggiungete a poco a poco tutto l’olio, sempre mescolando, fino ad ottenere un risultato omogeneo.
  4. Assaggiate, salate, unite le olive e il prezzemolo, mischiate e servite: facile no????? I francesi ne vanno pazzi, e anch’io………

CODFISH BRANDADE STYLE

  • 400 g. codfish unsalted or fresh codfish fillets or defrost, without bones and skin
  • 200 g. potatoes cut in slices
  • 200 g. milk
  • 50 g extra virgin olive oil
  • salt to taste (not too much if the codfish is the salted one)
  • 100 g of green olives
  • parsley to season
  1. Steam the fish and the potatoes for 20 min. approx. until they have cooked.
  2. Put them in the food processor together with the milk and some oil: purée the mixture until the potatoes start to blend.
  3. Begin drizzling the remaining oil while blending.
  4. Continue to purée until the mixture is very smooth, then transfer it to a bowl.
  5. Add a very small quantity of salt, olives and parsley: blend and serve.
  6. French get crazy about it and me too!!

Baccalà ammollato come lo fa Sabrina – Il Falco e la sua musa. – Steamed dried salt codfish.

17 Feb

Buongiorno!!

Ho cambiato idea, niente torta con la pasta frolla avanzata da ieri che ci aspetta in freezer, può tranquillamente aspettare ancora un po’.

Oggi facciamo il merluzzo ammollato come lo fa Sabrina, la chef de “Il Falco” un ristorante assolutamente-fantastico a Rivalta, un borgo medioevale vero-e-non-rifatto in provincia di Piacenza, a un’ora da Milano. Vi posto la recensione più tardi, così se ci voleste andare………

Torniamo al nostro merluzzo, che ho acquistato sotto sale al supermercato. Avete presente quelle confezioni con i pezzi di pesce bianco con tutto il sale sopra, che si presentano durissimi?

Ecco, proprio quelli, bisogna avere pazienza e tenerli immersi nell’acqua per 2 giorni, CAMBIANDO L’ACQUA ALMENO 4 VOLTE AL GIORNO (non fate i furbi, non sono ammessi sconti), un po’ macchinoso lo so, ma il risultato è eccezionale e voi mangerete un pesce buonissimo.

Sabrina infatti, che lei si che se ne intende, ha utilizzato questo tipo di merluzzo, lo ha dissalato e ha  preparato un piatto leggerissimo, dietetico, ma soprattutto pieno di sapori, con l’aceto di mele che fa la differenza.

Ora io lo copio e  anche se la ricetta originale di Sabrina non ce l’ho, credo di potervene proporre una versione magari riveduta e corretta, ma sempre valida :

IL MERLUZZO A VAPORE CON ACETO DI MELE

Per 4 persone:

  • 800 g. di merluzzo dissalato e spinato.
  • acqua q.b. per cuocere a vapore
  • sale grosso poco
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 cipolla pelata e tagliata a metà
  • timo, alloro, maggiorana, pepe q.b.
  • olio q.b.
  • aceto di mele a piacere
  • prezzemolo tritato a go-go
  1. Portate a bollore l’acqua con il sale, il vino, la cipolla e gli odori, inserire il cestello del vapore con dentro il pesce e cuocete per circa 20 min. fino a quando il pesce non sarà cotto, ma morbido: non stracuocete o diventa stopposo e avrete rovinato tutto.
  2. Nel frattempo sbattete in una tazza l’olio insieme all’aceto di mele, che darà all’emulsione quel non so che di dolce, ma anche di aspro allo stesso tempo. Se gradite, spremete anche un paio di goccie di limone, ma non troppe, c’è già l’aceto.
  3. Aggiungete del prezzemolo bello e freschissimo: che sia freschissimo altrimenti mi rovinate tutto: no se alberga in frigorifero da asettimane e no se è surgelato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  4. Servite accompagnato da foglie di insalata che, come vedete dalla foto del piatto preparato da Sabrina, se è colorata è anche più bella.
  5. Buona salute!

DRIED SALT CODFISH AS SABRINA LIKES

Sabrina is the chef of “Il Falco” restaurant, a lovely place not far from Milan.

Her codfish is really simple, but different, healthy and full of taste.

4 servings:

  • 800 g. dried salt codfish kept into water for 2 days. (Remember to change the water at least 4 times a day)
  • water to steam
  • salt, not too much
  • 1 glass of white wine
  • 1 small onion peeled and cut into halves
  • time, laurel, marjoram, pepper to taste
  • extra virgin oil to season
  • apple vinegar to taste
  • parsley in a good quantity
  1. Put water, salt, wine, onion, herbs and spices into the steamer or into a saucepan fitted to steam with. Bring it to boil.
  2. Steam the fish cut into pieces for 20 minutes, until it’s cooked but not overcooked or it will turn stringy.
  3. Meantime, prepare a seasoning with oli, apple vinegar and add some lemon juice drops if you like, but only few drops as you are seasoning with vinegar too.
  4. <last of all add some very fresh minced parsley, not old and not defrost, just fresh, fresh, fresh.
  5. Keep healthy!
Kite inNepal

I didn't know, but i love the wind

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Koji • Fermentation • Science • Pickles • Cultures

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione