Archivio | L’inverno e la cucina delle coccole RSS feed for this section

Polpette riciclate: svuotafrigor e trasformazioni magiche.

27 Mag

DSCF0827

Sono sincera, non ho mai amato riciclare la carne cotta. Non so bene perchè, ma mentre con le verdure non ho problemi, la carne mi metteva in soggezione……insomma: cosa fare con quel pezzo di bollito, di arrosto, di brasato avanzato? Il risultato finale non avrebbe risentito del sapore originario? Non sarebbero risultate troppo secche le polpettine? Non avrebbero avuto troppo l’aria riciclata?

Bando ai dubbi, complice un bel pezzo di carne cotto per una cena con amici che, all’ultimo momento, hanno avuto un contrattempo, mi sono cimentata nelle polpette svuotafrigor che non solo sono andate a ruba, ma saranno anche rifatte presto!!!!

E poi volete mettere la soddisfazione di non aver buttato? Di essere stata capace di proporre qualcosa di gustoso e piacevole per cena senza fare la spesa? Di questi tempi non male.

Dosi per 6 persone: tempo di praparazione 20 min. tempo di cottura 20 min.

  • 250 g di carne cotta di qualsiasi tipo, tagliata a pezzetti
  • 250 g di patate bollite e schiacciate
  • sale q.b.
  • 100 g di mortadella tritata
  • 2 uova
  • 150 g di verdura cotta che avete nel frigorifero (se l’avete, se no fate senza), tipo carote, zucchine, porri, asparagi etc.
  • pepe q.b
  • parmigiano grattugiato q.b. (circa 50 g)
  • olio di semi di arachide  se friggete
  1. In un mixer mescolate la carne, le patate e il sale.
  2. Aggiungete la mortadella, le uova, la verdura, il pepe e il formaggio: lavorate ancora con il mixer fino a quando otterrete un impasto omogeneo.
  3. Controllate di sale e di pepe e aggiungetene se necessario.
  4. Formate tante polpettine della forma e della grandezza che preferite.

A questo punto avete due possibilità:

  1. Friggete in olio di semi di arachide, molto caldo e abbondante: se le polpette saranno completamente coperte dall’olio ne assorbiranno molto poco!!
  2. Infornate in forno caldo a 180-200 gradi per circa 20 min.
  3. Buon appetito!!!!!!

ENGLISH VERSION:

I’m honest, I’ve never liked to recycle the cooked meat. I don’t know why, but while I have no problems with vegetables, meat is not the same …… In short: what to do with that piece of boiled, roasted, braised leftover meat? The result would not have affected the original flavor? The meatballs wouldn’t have been too dry? They would not have too much of the recycled taste?

No more doubts, thanks to a nice piece of meat cooked for a dinner with friends who, at the last moment, had a problem and couldn’t go, I decided to try these meatballs “all leftovers” that not only were snapped up, but will also be remade soon! !

And more: what a  satisfaction not having thrown away!? Being able to offer something tasty and enjoyable for dinner without spending?  For these days it’s not bad.

Serves 6: praparation time  20 min. cooking time 20 min.

  • 250 g of cooked meat of any kind, cut into small pieces
  • 250 g of boiled and mashed potatoes
  • salt to taste
  • 100 g of chopped mortadella or ham
  • 2 eggs
  • 150 g of cooked vegetables you have in the fridge (if you have one, if not do without), like carrots, zucchini, leeks, asparagus etc.
  • pepper to taste
  • grated Parmesan cheese to taste(about 50 g)
  • peanut oil if you fry
  1. In a blender mix  meat, potatoes and salt.
  2. Add the mortadella, eggs, vegetables, pepper and cheese: still working with the mixer until  you get a homogeneous mixture.
  3. Check salt and pepper and add if necessary.
  4. Form many balls of form and ize of your choice.

At this point you have two options:

  1. Fry in peanut oil, very hot and plentiful: If the meatballs will be completely covered by the oil will absorb very little!
  2. Bake in preheated oven at 180-200 degrees for about 20 min.
  3. Enjoy your meal!!
Annunci

Ragù gustoso, ma incredibilmente leggero!

18 Mag

Unknown

ENGLISH VERSION AFTER THE ITALIAN ONE

 

Avevo nel surgelatore della carne trita di vitello, bella, magra, bianca ma un po’ tristerella!! Non avevo voglia di farne polpette semplicemente….perchè non mi ispiravano, cosa farne quindi? Azardarmi con un ragù che a casa mia piace così tanto? Ma il ragù di carni bianche è buono, secondo me, se sono miste, solo un po’ di vitello non mi convinceva affatto.

Ed ecco un’idea un po’ pazzerella, ma che ha funzionato alla grande: ho preso della coda di bue a pezzi, pronta per essere cucinata, e l’ho unita alla carne trita. Nessun soffritto, niente olio, niente grassi, solo carne e il naturale grasso della coda.

Ho coperto con pomodoro e cotto a lungo: pof, pof, pof….piano piano. Una meraviglia!

Per 6 persone: tempo di preparazione 5 min. tempo di cottura 3 ore.

  • 500 g di carne trita di vitello
  • 2-3 pezzi di  coda di bue puliti, pronti per essere cucinati
  • 750 g di passata di pomodoro buona
  • sale q.b.
  1. Fate rosolare per pochi secondi la carne di vitello nella padella antiaderente mescolando.
  2. Unite la coda e girate ancora per un po.
  3. Versate la passata di pomodoro, mescolate, salate leggermente e lasciate cuocee, coperto, per circa 3 ore piano piani, girando di tanto in tanto.
  4. Spegnete, togliete la coda e condite la pasta che volete!!

I had in the freezer some minced veal, nice, white but it looked a little “sad”! I did not want to make meatballs …. simply because it didn’t inspired me, what to do then? Try with a minced meat sauce, ragù in italian so appreciated in my house ? The sauce whit white meat as ingredient is good, in my opinion, only if it is made by mixed kinds of meat…..

And here’s a little mad idea , that worked out great: I took some oxtail pieces ready to be cooked and I mixed them with the ground meat. No sauce, no oil, no fat, only meat and the natural fat of the tail.

I covered with tomato and cooked for a long time: pof, pof, pof …. slowly. A wonder!

For 6 people: preparation time 5 min. cooking time 3 hours.

 

  •      500 g of minced veal
  •      2-3 pieces of oxtail cleaned, ready to be cooked
  •      750 g of tomato sauce
  •      salt to taste

 

  1.      Sauté for a few seconds the veal in the pan while stirring.
  2.      Add the tail and turn for a while.
  3.      Pour the tomato sauce, stir, salt lightly and let it cook, covered, for about 3 hours at very mild heat, stirring occasionally.
  4.      Switch off, remove the tail pieces and season the pasta you want!

Risotto barbabietola, arancia e semi di papavero.

25 Apr

images-1ENGLISH VERSION AFTER THE TALIAN.

Perchè questo silenzio, questa latitanza per più di un mese? I motivi sono stati molti: il polso rotto, per esempio, che doveva assolutamente avere la priorità sulla cucina e quindi mi ha obbligata a fermarmi e forse, per una volta, era ora che lo facessi….. Un progetto molto importante e ricco di sorprese che sta assorbendo la maggior parte del mio tempo libero, ma che presto, spero, sarà realtà! Ma anche un certo distacco che avevo bisogno di prendere, dopo tanto tempo, dalla mia creaturina, dal mio amatissimo blog. Chissà, forse inconsciamente avevo bisogno di capire se contasse qualcosa per tutti voi, se sarebbe sopravvissuto anche ad un periodo di silenzio da parte mia e devo dire che i risultati mi hanno emozionata: l’affluenza non è mai mancata, voi ci siete sempre stati!!

Grazie.

Questo risotto non ho fatto in tempo a fotografarlo….è finito in un battibaleno, fidatevi quindi e provatelo, è fresco, allegro, colorato, di effetto e anche sano: cosa volete di più??! Perfetto per una cena in famiglia, ma anche per stupire gli amici con poca fatica e tanta fantasia!

Per 4 persone tempo di preparazione 10 min. tempo di cottura 25 min.

  • una cipolla piccola, tritata finemente
  • un goccio di olio extravergine di oliva
  • 320 g di riso Carnaroli cottura 18 min.
  • 50 g di barbabietola cotta al forno (si compra già cotta) e tagliata a dadini
  • il succo e la buccia grattugiata di 2 arance biologiche
  • brodo vegetale caldissimo q.b.
  • sale q.b.
  • burro per mantecare q.b.
  • parmigiano grattugiato q.b..
  • una manciata di semi di papavero tostati
  1. Preparate un soffrittino con cipolla e olio e lasciate dorare per qualche minuto (attenzione a non bruciare la cipolla!!)
  2. Tostate il riso per un paio di minuti mescolando, in modo da chiudere bene i chicchi che non rilascerano la loro fragranza.
  3. Aggiungete la barbabietola, insaporite qualche secondo e poi bagnate con il succo di arancia e il brodo.
  4. Salate e lasciate asciugare il brodo di arancia mescolando, senza esagerare, di tanto in tanto.
  5. Mantecate con burro e poco parmigiano.
  6. Impiattate e spolverizzate con i semini: una meraviglia!!!

Why this silence  for more than a month? The reasons are many: my broken wrist, for example, that just had to have priority over the kitchen and then forced me to stop and maybe, for once, it was time that I did it ….. A very important project and full of surprises that is absorbing most of my free time, but soon, I hope, will be a reality! But also a certain detachment that I needed to take  from my little creature, from my beloved blog. I knew, maybe unconsciously, that I needed to figure out if this blog matters to all of you, if he would survive to a period of silence on my part and I have to say that the results have excited me: the turnout was never absent, you have always been there !

Thank you.

This risotto… I have not had time to photograph it …. ended up in a huff, but trust me and try it, it’s cool, cheerful, colorful, effective and also healthy, what more would you like?! Perfect for a family dinner, but also to impress your friends with little effort and a lot of creativity!

Serves 4:  preparation time 10 min. cooking time 25 min.

  •     a small onion, finely chopped
  •     a dash of extra virgin olive oil
  •     320 g Carnaroli rice (cooking 18 min.)
  •     50 g of beetroot cooked in the oven (you buy already cooked) and diced
  •     the juice and zest of 2 oranges organic
  •     hot vegetable broth q.b.
  •     salt q.b.
  •     butter to thicken q.b.
  •     q.b. grated Parmesan cheese.
  •     a handful of toasted poppy seeds

 

  1.     Sautè the onion whit olive oil and let it brown for a few minutes (carefully: do  not burn the onion!)
  2.     Toast the rice for a few minutes stirring, so as to close fine grains which will not release their fragrance.
  3.     Add the beets, season a few seconds and then pour the orange juice and broth.
  4.     Add salt and let to dry without exaggerating, stirring from time to time.
  5.     Stir in a little butter and parmesan cheese.
  6.     Serve and sprinkle with the sesame seeds, amazing!

 

Biscottini con buccia di mela: idea vincente!

16 Mar

biscotti

ENGLISH VERSION AT THE END

Oggi è stata una giornata magnifica. Fredda, ma con un bel sole che ci ha permeso di andare a fare una passeggiata sulle rive del fiume Trebbia in mezzo alla natura ed al silenzio. Che meraviglia, si stacca veramente da tutti i pensieri, belli e brutti, e ci si sente in pace col mondo!

Tornata a casa mi è venuta voglia di biscotti ed ho voluto provare a fare,  una ricetta proposta da Lisa Casali, però con diverse modifiche perchè non sono proprio capace di non metterci qualcosa di mio! Provateli anche voi, sono veloci da fare, diversi dal solito e utilizzano lo scarto della mela, se non siete abituati a mangiarla con la buccia! Inoltre, le bucce sono così buone che me le sarei mangiate tutte ancor prima di metterle sui biscotti e che profumino!!!

Per 4 persone circa, tempo di preparazione 30 min. tempo di cottura 15 min.

  • 100 g di fruttosio
  • 200g di burro morbido
  • 2 uova
  • 200g di farina 0
  • 1 limone
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • La buccia di 3 mele golden o renette
  • 100 g di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di acqua
  1. Mescolate in una ciotola il fruttosio, il burro, le uova, la farina, il succo  e la buccia grattugiata del limone.
  2. Aggiungete un pizzico di sale e il lievito in polvere.: quando il composto sarà omogeno mettetelo a cucchiaiate in una teglia da forno rivestita di carta forno.
  3. In un pentolino versate la buccia delle mele tagliata a strisce e poi pezzetti, lo zucchero di canna e l’acqua.
  4. Lasciate cuocere fino a quando le bucce iniziano a caramellare (circa 5-10 minuti), mescolando continuamente.
  5. Appena lo zucchero assume un colore leggermente ambrato spegnete il fuoco.
  6. Disponete un cucchiaino di bucce caramellate sopra ogni biscotto sulla teglia.
  7. Infornate a 180° -200° per 15 minuti e  sfornate!

Today was a great day! Cold, but with a bright sun that lets us go for a walk on the banks of the river Trebbia inside nature and silence. How wonderful, it really comes off from all thoughts, good and bad, and you feel in peace with the world!

Back home I felt like cooking biscuits and I wanted to try a recipe suggested by Lisa Casali, but with several changes…. Try them you too, they are quick to make, unusual . In addition, the skins are so good to me so that I would have eaten them all before putting  on the cookies and  what a goodsmell!

For about 4 people, preparation time 30 min. cooking time 15 min.

  •      100 g of fructose
  •      200g butter, softened
  •      2 eggs
  •      200g of flour 0
  •      1 lemon
  •      1 teaspoon of baking powder
  •      a pinch of salt
  •      The peel of three golden apples
  •      100 g of brown sugar
  •      2 tablespoons water
  1.  Mix in a bowl fructose, butter, eggs, flour, lemon juice and grated lemon peel.
  2.  Add a pinch of salt and baking powder.: when the mixture is done, with a  spoon iput it on a baking pan lined with  parchment paper forming many little rounds.
  3.  In a saucepan, pour the apple skins cut into strips and then into small pieces, brown sugar and water.
  4.  Let cook until the skins begin to caramelize (about 5-10 minutes), stirring constantly.
  5.  When the sugar takes on a slightly amber color turn off the heat.
  6.  Arrange a teaspoon of caramelized skins on each cookie on the baking sheet.
  7.  Bake at 180 ° -200 ° for 15 minutes and serve!
Kite inNepal

I didn't know, but i love the wind

ravanellocurioso

Chef Anarco Vegan

culturesgroup

Koji • Fermentation • Science • Pickles • Cultures

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice e Cannella

ci vuole passione