Brioches con lievito madre: perfette.

26 Gen

DSCF0645

Ce l’ho fatta! Finalmente delle brioches veramente buone!! Soffici, fragranti, dolci il giusto, senza alcun retrogusto di lievito…ma che volete di più?? Certo, non sono le prime, ho provato, riprovato, ri-riprovato….perchè o venivano “gnucche”, o sapevano troppo di lievito, o non erano lievitate bene…..insomma che fatica. Ieri invece…magia!!! Sono venute perfette e infatti sono anche finite!!

Questa ricetta funziona, basta avere gli ingredienti giusti ed è assolutamente perfetta. Provare per credere.

Per 6-7 brioches grandi, oppure una dozzina di piccole, tempo di preparazione compresa la lievitazione 1 giorno, tempo di cottura 30 min.

  • 250 g di lievito madre appena rinfrescato
  • 150 g di latte tiepido
  • 150 g di zucchero
  • 4 tuorli più uno
  • 400 g di farina di forza 400w
  • 110 g di burro
  • 1 pizzico di sale
  • granella di zucchero q.b.
  1. Nel tardo pomeriggio, sciogliete il lievito madre nel latte, meglio nella planetaria con la kappa.
  2. Aggiungete lo zucchero e lavorate qualche minuto, così il lievito è contento di mangiarsi un po’ di pappa
  3. Sempre mescolando, unite un tuorlo e un poco di farina per volta, aspettando ad aggiungerne altri finchè non è amalgamato per bene l’impasto e finchè non incorda.
  4. Aggiungete il burro e lavorate.
  5. Fermate la planetaria, ribaltate con una spatola l’impasto di modo che i grassi, che tendono a depositarsi sul fondo, tornino in alto e continuate a lavorare.
  6. Lasciate lievitare dentro il forno spento, possibilmente con la lucina accesa, per tutta la notte.
  7. La mattina dopo troverete un impasto triplicatoooo!!!
  8. Dividetelo in rosette, treccine, palline, come volete e lasciate lievitare di nuovo sulla teglia del forno ricoperta sul fondo da carta forno fino al raddoppio, spennellate con tuorlo sbattuto e spolverizzate con la granella.
  9. Cuocete in forno caldo a 180° per 30 min circa o fino a quando non saranno dorate.

15 Risposte to “Brioches con lievito madre: perfette.”

  1. Simona gennaio 26, 2013 a 09:33 #

    Ciao Ornella sono la Simo di via Marghera… Io sono ancora al lievito madre…ho provato a farlo l’altro ieri… Che consistenza deve avere? Xche non mi è venuto duro tipo la pasta del pane ma più cremoso… Però fa le bollicine!
    Che faccio?

    • cuocona gennaio 26, 2013 a 10:44 #

      benissimo simo!! non importa se è più molle, rinfrescalo almeno una volta al gg ogni gg per 3-4 gg mettendo lo stesso peso di lievito in farina e metà in acqua. vedrai che vi bene, ci dobbiamo sentire per vederci!

  2. feelfreeglutenfree gennaio 27, 2013 a 23:08 #

    Ciao Ornella, questa settimana mi dedicherò pure io alla produzione del lievito madre, ma gluten free! Vediamo se riuscirò nell’impresa. Spero tu stia meglio, mi è spiaciuto non vederti sabato.
    Un abbraccio e a presto!

    • cuocona gennaio 27, 2013 a 23:11 #

      ciao benny, ci vediamo sabato prossimo e mi dirai tutto sul lm gluten free che mi sembra stra interessante!!!!

  3. elisabettapendola gennaio 29, 2013 a 19:27 #

    sono VERAMENTE perfette!!!

    • cuocona gennaio 30, 2013 a 00:30 #

      grazie davvero!!! e pensa che le ho messein preparazione perchè ho rinfrescato il lievito madre e mi rincresceva buttare via l’eccedenza……a volte le cose migliori nascono per caso….anzi spesso direi!!!! a presto!

  4. Michela aprile 13, 2013 a 16:47 #

    Mi hai convinto, le faccio subito. Ho giusto giusto un esubero. Grazie mille!

  5. Gabriella Natale maggio 1, 2013 a 13:32 #

    Complimenti per il blog, è davvero molto bello!
    Non mi sono ancora cimentata nella preparazione del lievito madre, so che necessita di cure ed io, per via degli impegni, ho timore di non riuscire…
    Le tue brioches sono meravigliose ed invitano a cimentarsi, non avendo lievito madre, se volessi farle, quanto lievito di birra dovrei usare secondo te?
    Ti ringrazio infinitamente, a presto.
    Gabriella

    • cuocona maggio 1, 2013 a 15:42 #

      Ciao Gabriella! Puoi usare un panetto da 25 g di lievito di birra su un kilo di totale di impasto, ma mi raccomando è importante che lòa farina sia di forza

      • Gabriella Natale maggio 1, 2013 a 17:20 #

        Grazie infinite, proverò con il lievito e la farina di forza…è un mondo nuovo per me quello dei lieviti, devo proprio studiare…
        Farina di forza equivale a farina per pizze?
        Come si fa a riconoscere una farina di forza? su quelle in commercio spesso non c’è scritto…In genere acquisto una farina per pizze di molino in forno, ma non c’è scritto nulla tranne l’umidità…
        Grazie ancora, a presto!
        Gabriella

      • cuocona maggio 1, 2013 a 21:44 #

        purtroppo non c’è scritto il W (la lettera che misura la forza di una farina) sui pacchetti al dettaglio. Puoi prendere una manitoba che trovi in qualsiasi negozio o andare sui siti di mulini come il mulino Rossetto e comprare la W 400. fammi sapere!!

      • Gabriella Natale maggio 2, 2013 a 14:45 #

        Precisissima grazie, provvedo quanto prima!
        A presto, Gabriella

  6. francescadmn maggio 3, 2013 a 12:41 #

    grazie mille per la ricetta. ho da poco sfornato le mie brioche…sono buonissime. io però rispetto alla tua ricetta ho aggiunto un pò di vaniglia nel latte.

    • cuocona maggio 3, 2013 a 22:44 #

      perchè no? Buona idea!!!! Complimenti!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione