Punta di vitello al forno a bassa temperatura

15 Gen

DSCF0584

Cottura a bassa temperatura per lungo tempo? Come mai quest’idea? Perchè mi sono rotta un polso….! Che disdetta!!!! A parte il dolore, a parte la via crucis tra i vari ospedali, a parte l’operazione chirurgica, di nuovo il dolore, l’imbragatura e la fisioterapia….a parte tutto ciò il vero problema, la vera questione è: ma quand’è che potrò tornare in cucina??! Che noia non avere l’uso di una mano…!

Ecco il motivo per cui non ci sentiamo da qualche giorno, cucino pochissimo, come potete immaginare, studio molto però: libri di cucina, blog, pubblicazioni, novità, chef emergenti e ho anche il tempo per fare qualche esperimento che da mò mi frullava in testa.

Una di queste è la cottura a bassa temperatura della carne per lungo tempo. E’ stata anche un po’ un’esigenza: come fare un arrosto senza doverlo “manipolare” tipo bagnare, girare eccetra? E così ho provato, questa volta con un taglio di prima scelta: la punta di vitello, ma prossimamente con qualche altro pezzo interessante!

Pregi e difetti? Ma, solo pregi direi, tra i quali la tenerezza paradisiaca della carne, il suo gusto che definirei “pieno”, con tutti i suoi succhi ed i suoi aromi, la possibilità di mettere l’arrosto in forno e dimenticarselo letteralmente.
Inoltre ho scoperto che mentre funziona il forno a 200° se accendo la lavastoviglie mi salta la luce, se invece lo tengo a 90° no!

Per 6 persone:

  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 1 cipolla piccola pelata e tagliata sottile
  • 1200 g di punta di vitello in un solo pezzo
  • sale q.b.
  • 500 g di passata di pomodoro
  • olive per guarnire se volete
  1. Preriscaldate il forno a 85°.
  2. Preparate un bel soffritto con olio e cipolla in una pentola che possa poi andare in forno (es. di ghisa o terracotta)
  3. Rosolatevi per bene la carne da tutte le parti per far sì che i succhi buoni non fuoriescano e la mantengano morbida e gustosa.
  4. Bagnate con la passata di pomodoro.
  5. Coprite e mettete in forno per 5 ore circa o fino a quando la temperatura al cuore della carne non ha raggiunto 77°.
  6. Spegnete, tagliate a fette e servite con sugo di pomodoro, accompagnando con purè di patate o polenta.

4 Risposte to “Punta di vitello al forno a bassa temperatura”

  1. Giulia gennaio 16, 2013 a 01:08 #

    wow! 5 ore! ti credo che e’ morbido! spero il tuo polso si riprenda alla svelta, non oso pensare a come potrei vivere senza poter cucinare!

    • cuocona gennaio 16, 2013 a 20:42 #

      ahhhhhhhhh ma io in cucina ci vado lo stesso!!!!! sai che noia altrimenti…??!! Grazie per gli auguri!!!

  2. unapiccolamela gennaio 16, 2013 a 18:35 #

    Bravissima Ornella!
    Riesci a scovare del buono anche da un’esperienza come questa!
    Credo proprio che seguirò il tuo consiglio e proverò questa cottura,
    buona guarigione!

    • cuocona gennaio 16, 2013 a 20:40 #

      provala, ne vale la pena, prova magari con un pezzo di pancia anzichè di punta: costa molto meno e nelle cotture lunghe a bassa temperatura dà ottimi risultati!!!! E non preoccuparti per le 5 ore di forno acceso: a 85° consuma poco.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione