Risotto mandarini, mela e taleggio: l’inverno e il suo agrodolce.

8 Dic

DSCF0356

Che freddo!!! Mi trovo in campagna, nella mia amatissima casa di campagna che adoro e che d’estate riempie le mie giornate di luce e colori. Ora, invece, se guardo fuori dalla finestra vedo una infinita coltre bianca…….è bellissimo.

La neve in campagna è diversa che in città: è proprio neve. Cosa intendo dire? Che copre davvero tutto, che cambia veramente il paesaggio, che è romantica, fa sognare, ma anche utile, perchè chi sta in campagna sa che sotto tutto questo bianco la terra, così arsa d’estate, così sfruttata e anche così generosa nei nostri confronti, la terra riposa ed è il suo giusto riposo.

Oggi avevo voglia di un bel risotto, il riso mi conforta e mi rallegra, mi piace sempre e mi piace anche cucinarlo, mi riporta a culture lontane, ma anche a sapori di casa, della mia famiglia veneta a cui il riso è sempre appartenuto.

Mi sono ispirata ad una ricetta di Lisa Casale. Ultimamente è accaduto molte volte  perchè trovo la sua filosofia un faro che tutti noi che ci occupiamo di cucina dovremmo seguire. E’ importante ridurre l’impatto ambientale anche in cucina: ditemi quanta roba buttiamo? Quanto sprechiamo? Quanto compriamo inutilmente? Quanto cibo scade dimenticato nel nostro frigorifero?? E ancora: cerchiamo di comprare italiano, ancora meglio se vicino a casa, si risparmiano  tanto carburante e tante risorse….e, infine, compriamo sfuso, ricicliamo i contenitori, facciamolo per noi e per tutti quelli che verranno dopo di noi!

Questa la mia ricettina, un piccolo contributo per riciclare la buccia di mela (che avrei potuto anche mangiarmi…..)

Per 4 persone:

  • olio extravergine di oliva q.b.
  • mezza cipolla tagliata finemente
  • la buccia di due mele bio tagliata a julienne
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • acqua q.b.
  • 320 g di riso carnaroli
  • 1 bicchiare di vino bianco secco, buono
  • 2-3 mandarini bio, dipende dalla grandezza
  • 700 g di brodo vegetale caldissimo
  1. Scaldate l’olio in un pentolino e saltatevi la cipolla, senza farla bruciare, aggiungendo un pochino di acqua calda se fosse necessario. Tenete da parte.
  2. In un altro pentolino, fate caramellare per qualche minuto le bucce di mela bagnate con uno o due cucchiai di succo di mandarino e spolverizzate con lo zucchero. Spegnete e tenete da parte.
  3. In una pentola fate tostare il riso a fiamma vivace senza grassi mescolando in continuazione, per uno o due minuti, fino a quando non avrà assunto un bel colore brillante.
  4. Sfumate con il vino e continuate a mescolare per uno o due minuti fino a quando l’alcool non sarà ben evaporato.
  5. Aggiungete il succo rimasto dei mandarini e tutto il brodo molto caldo, portate a cottura mescolando di tanto in tanto.
  6. A cottura ultimata, aggiungete la cipolla e il suo condimento, mantecate con il taleggio e servite con le bucce di mela: un agrodolce strepitoso e delicato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione