Frittata di tagliatelle: la pasta, l’arancio e l’autunno.

14 Nov

Come state, come state, come state?? Non sono impazzita, solo contenta: contenta che sia arrivato l’autunno quello delle giornate di sole ancora-tiepido-ma-non-per-molto, quello delle prime notti con la coperta un poco più pesante, quello della mezza stagione insomma! Io sono nata in gennaio e, dicono, chi nasce in inverno predilige il freddo: per me è proprio così!

E con l’autunno continua la mia ricerca sulla conservazione, sul riciclo, sul riuso….felice di non essere da sola in questo percorso. Dopo un’estate trascorsa a produrre e mettere sotto conservazione tutto quello che l’orto ha generosamente procurato, anche le bucce di melone e anguria sott’olio (!), ho iniziato questo autunno cercando, per esempio,  di utilizzare di più la parte verde dei porri, i gambi degli ultimi cipollotti, la buccia della zucca ed i suoi semi, il pane e…un classico….la pasta!!

A dire il vero, buttare pane e pasta mi ha sempre dato molto fastidio: la mia nonna, poi, si arrabbiava proprio, soprattutto se si trattava di pane!! Io cerco di ri-usarlo sempre ed è un’operazione semplice: polpette….dolci….panzanella….e per la pasta? Un classico: la frittata di pasta, piatto tipico napoletano che mi ha insegnato, nella sua semplicità, la mia amica Silvia, una di quelle amiche che colorano la vita.

L’altro giorno è venuta da me e l’abbiamo cucinata insieme, è stato un momento divertente, di relax e anche di complicità femminile, perchè a noi donne basta poco: a volte anche solo il sorriso di un’amica vera.

Per 4 persone:

  • 250 g di tagliatelle di pasta fresca già cotte (in pratica avanzate) e condite
  • un pochino di sugo di pomodoro per rinforzare il condimento (ma anche no se non l’avete pronto)
  • 2 cucchiai colmi di parmigiano o grana grattugiato
  • 4 uova
  • olio extravergine di oliva
  • una padella di ferro, o ghisa o antiaderente se proprio non avete una delle prime due
  • un coperchio grande per rendere più facile girare la frittata
  1. Se sono avanzate, appunto, le tagliatelle (o se non sono avanzate le avrete preparate e condite apposta), rimescolatele per renderle di nuovo morbide e aggiungete ancora un pochino di sugo.
  2. Sbattete le uova a parte in una terrina e unitele alla pasta mescolando vigorosamente.
  3. Aggiungete anche il parmigiano e distribuitelo per bene.
  4. Scaldate l’olio nella padella a fuoco vivace e, solo quando è ben caldo, versatevi il composto di pasta schiacciando bene con un cucchiaio di legno.
  5. Continuate la cottura a fuoco vivace fino a a quando la parte sotto vi sembrerà ben rosolata.
  6. A questo punto la parte un poco più delicata: aiutandovi con un coperchio, girate la frittata di pasta sottosopra e cuocetela dall’altra parte.
  7. Servite calda, tiepida ma anche a temperatura ambiente!
  8. E’ più buona il giorno dopo…d’altronde se abbiamo avanzato le tagliatelle oggi, la frittata di pasta sarebbe perfetta domani no??

Questa ricetta partecipa al contest di Valentina e Cinzia:

8 Risposte to “Frittata di tagliatelle: la pasta, l’arancio e l’autunno.”

  1. cinzia novembre 14, 2012 a 17:56 #

    Bellissimo piatto di valorizzazione e di recupero! Anch’io sono della scuola del riciclo, se mi avanza qualcosa quanto mi scoccia buttarlo, guai
    Grazie per il bellissimo spunto, un abbraccio!

    • cuocona novembre 14, 2012 a 18:01 #

      Ah Cinzia, ma d’ora in poi vedrai quanti ce ne saranno sul recupero!!! Mi è scattata la mania!!!

  2. Rossana novembre 15, 2012 a 09:51 #

    La frittata di pasta (avanzata) era un classico di casa Tonesi:mia mamma la faceva sia con le tagliatella, che con gli spaghetti, che con la pasta corta. A casa mia, per riuscire a farla devo aumentare ad hoc le dosi della pasta e poi “nascondere” òl’avanzo perché Luca è in quella fase della vita in cui si mangerebbero anche le gambe del tavolo.

    • cuocona novembre 15, 2012 a 20:17 #

      eh lo so!! a quest’età i figli sono delle cavallette!!! Un bacione

  3. Valentina novembre 15, 2012 a 20:00 #

    Avete fatto bene a cucinare insieme questo piatto!! Spignattare in compagnia è sempre divertente, ognuno ci mette del suo e si chiacchiera pure😉
    grazie per la ricettuzza,
    Vale

    • cuocona novembre 15, 2012 a 20:16 #

      è stato bello! bisognerebbe farlo più spesso…..senza lasciarsi condizionare da mancanza di tempo, pigrizia…..e tutto il resto…!! Magari provo a pensarci e organizzare qualcosa!! grazie per l’apprezzamento!!

  4. ђคгเєl novembre 16, 2012 a 09:57 #

    Che son belle!!!
    Oltre a usare gli avanzi…sono belle anche da fare di proposito! ..e poi son buoneeee😛

    • cuocona novembre 16, 2012 a 23:07 #

      sono proprio belle vero??!!!! Da me sono sparite a vista d’occhio!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione