Tarte Tatin di pere caramellata

3 Ott

Ma sarà vero che questa torta è stata inventata dalle sorelle Tatin, che gestivano una locanda nella Valle della Loira? Sembra infatti che  l’albergo fosse strapieno e che la maggiore delle sorelle si fossse dimenticata di preparare la torta di mele…..nella fretta corse in cucina imburrò e cosparse di zucchero una tortiera, ci mise sopra le mele e infornò il tutto. Fu solo a metà cottura della torta che si accorse di non avere foderato lo stampo con la pasta briseé…
Ormai era tardi, non ci pensò un attimo, ricoprì le mele con un solo strato di pasta e rimise il tutto nel forno.
Quando arrivò a cottura, la rovesciò sul piatto di portata e rimase piacevolmente sorpresa nel constatare quanto fosse apprezzata da tutti!

Questa tecnica di cottura invertita è diventata ormai un classico delle nostre tavole, soprattutto d’inverno, oggi vi propongo la mia versione (con le pere) versione che arriva direttamente dai miei pomeriggi newyorkesi!.

Per 6 persone:

  • 2 cucchiai di burro
  • 2 tazze di zucchero
  • 4  pere william o kaiser, sbucciate, pulite dal torsolo e tagliate a spicchi grossi
  • una dose (220 g) di pasta brisè, che potete fare voi o acquistare già pronta
  1. Per prima cosa preparate il caramello:  in un pentolino medio, perfetto sarebbe di rame……, fate sciogliere il burro a fuoco medio: non deve nocciolare.
  2. Aggiungete quindi lo zucchero e fatelo cuocere, mescolando spesso con un cucchiaio di legno, fino a quando la miscela sarà di colore ambra scuro .
  3. Quando il caramello sarà pronto, con attenzione versatelo in una  tortiera non a cerniera, o colerà tutto fuori…..
  4. Fate attenzione a non toccare la tortiera con le mani – sarà molto calda!
  5. Tenete da parte fino a quando il caramello non sarà  intiepidito.
  6. Preriscaldare il forno a 180 gradi.
  7. Disponete le pere sopra il caramello, partendo dal centro e proseguendo a raggera, appoggiandole dal loro lato  piatto. Mi raccomando, disponetele in bell’ordine perchè  questa diventerà poi la parte superiore della torta!
  8. Terminate con le mezze pere rimanenti  per formare il secondo strato.
  9. Se le pere vi sembreranno troppe, non vi preoccupate,  si restringono  durante la cottura.
  10. Cuocete in forno per circa 50 minuti .
  11. Nel frattempo preparate la pasta brisè e tenetela in frigorifero dopo averla tirata in forma circolare un poco più grande della teglia. Lasciate riposare.
  12. A pere cotte, rimuovete la teglia dal forno e trasferitela in una superficie piana, facendo attenzione perchè il caramello sarà molto caldo.
  13. Pungete  il cerchio di pasta brisèe con una forchetta almeno 15 volte e posizionatela con delicatezza sopra le pere cotte.
  14. Rimettete la  crostata in forno e cuocete per 35 minuti o fino a quando la pasta sarà  gonfia e dorata.
  15. Lasciate intiepidire ma non raffreddare del tutto, o il caramello si attaccherà al fondo.
  16. Capovolgete, se le pere dovessero rimanere attaccate alla padella, rimuovetele con una spatola metallica e ricollocatele sulla crostata.
  17. Questa torta è migliore se servita tiepida!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione