Il burro chiarificato (o Ghee) con tante scuse……..

4 Feb

Scusateeeeeeeeeeeeee!!!! Si, lo so, ho mancato di scrivere per diversi giorni, un po’ troppi vero? Mi dispiace davvero, ma gli eventi mi hanno davvero travolta negli ultimi giorni, con tante soddisfazioni, ma anche con tanto lavoro!!!

Mi sono appassionata al burro chiarificato, lo uso da sempre e trovo che sia molto valido, sia per la salute, che per la cucina. Mi spiego: i dolci e, in generale, gli impasti, vengono molto più soffici se al posto del burro usiamo il ghee, i fritti sono assolutamente strepitosi, più leggeri e croccanti perchè il ghee ha un punto di fumo molto più alto del burro e così via. Il ghee è ricco di vitamine e può essere usato anche per la pelle…!

Ma, in definitiva, cos’è il ghee? E’ burro al quale, con un procedimento lungo e molto ateento, sono state tolte sia l’acqua che la caseina, ottenendo un grasso che non irrancidisce (non c’è più l’acqua che aiuta la proliferazione dei batteri) che il lattosio presentre nella caseina.

Provate a farlo, ma attenzione: dovete provarci in un giorno in cui avete tempo, tranquillità, disponibilità mentale….perchè il ghee è una scelta, una filosofia di vita, come la pasta madre, e non ha senso se è fatto di corsa.

Per un vasetto da 400 g:

  • 1 kilo circa di burro
  • una pentola con il fondo molto pesante (ghisa sarebbe perfetta)
  1. Tagliate il burro a pezzetti non molto grandi e versateli nella pentola.
  2. Accendete il fuoco molto molto basso, io addirittura metto una di quegli frangifiamma tra la fiamma e la pentola,
  3. Lasciate sciogliere il burro e attendete che si formi la prima schiuma bianca in superficie.
  4. Schiumate a poco a poco con un colino molto fine, che non laverete mai (non dovete rischiare di aggiungere acqua al burro), ma che pulirete con uno scottex.
  5. Quando avrete schiumato tutta la prima schiuma, lasciate cuocere ancora, ma mai bollire mi raccomando o rovinerete tutto, si formerà una seconda schiuma più densa e gialla che sarà più facile togliere (sempre con lo stesso colino).
  6. Si formerà anche un fondo bianco, non mescolate mai il vostro burro, oppure porterete alla superficie il deposito bianco e rovinerete tutto il processo.
  7. Quando il vostro ghee avrà assunto un colore giallo miele limpido, potrete filtrarlo in un contenitore tramite una garzina fittissima che non lasci passare quasi nulla.
  8. Quando si sarà intiepidito, mettetelo nei barattoli: si conserva una vita, meglio in frigorifero, anche se potrebbe stare anche fuori.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione