Gnocchi alla romana di cous cous: più leggeri!!

1 Gen

BUON ANNO A TUTTI!!!!

Per festeggiare il nuovo anno, per augurare a tutti tanta serenità ed ottimismo, vi regalo questa ricetta: è una meraviglia! Avevo un bel pacco di cous cous in casa, ma non avevo voglia di cucinarlo nel solito, tradizionale modo, per cui ho provato questa variante che, devo dire, mi ha soddisfatto moltissimo!!!

Ho prepararto degli gnocchi alla romana utilizzando la semola di cous cous anzichè il semolino: il trucco è quello di farli riposare un giorno intero, in modo da fare asciugare l’impasto che si amalgama bene e si compatta, regalando un risultato davvero fantastico!

Quali sono i vantaggi? La leggerezza innanzitutto! Leggeri e più dietetici: cous cous e semolino, infatti, hanno le stesse calorie per grammo, ma per confezionare questi gnocchi ho utilizzato circa la metà di peso di cous cous di quanto ne avrei utilizzato di semolino!

Provateli:

Per 4 persone:

  • 120-140 g di cous cous
  • 300-350 g di acqua più q.b. per impastare
  • 1 cucchiaino abbondante di olio extravergine di oliva
  • farina di semola q.b. per impastare
  • sale q.b.
  • una confezione di pesto pronto, o l’equivalente di pesto fatto in casa
  1. Per prima cosa cuocete il cous cous seguendo le indicazioni sulla scatola: se è precotto non ci sarà bisogno di cottura, semplicemente dovrete ricoprirlo di acqua bollente salata e un filo d’olio, lasciarlo gonfiare e poi sgranarlo con pazienza con una forchetta.
  2. Se invece, come il mio, non era precotto, allora dovrete cuocerlo in pentola a pressione con l’acqua salata, per il tempo indicato sulla confezione più qualche minuto ancora: abbiamo bisogno di un cous cous colloso come risultato.
  3. A questo punto, assaggiatelo di sale, rovesciatelo su un piano e aspettate che si raffreddi (come da fotografia).
  4. Quando si sasrà intiepidito (ci vorrà una mezzoretta circa) lavoratelo con la farina e l’acqua per renderlo omogeneo e formare una bella palla che non si attacchi alle dita, ma anche che non si rompa. Per non farla attaccare alle dita occorre aggiungere farina, per non farla rompere occorre aggiungere acqua.
  5. Appiattite la vostra palla e tagliatela con i coppapasta appositi, o con un bicchiere, per darle la forma dei dischetti che tutti conosciamo.
  6. Sistemate per bene i dischetti in una teglia imburrata e lasciate riposare il tutto, coperto, per un giorno intero in frigorifero.
  7. Condite con il pesto e mettete in forno a 200° per circa 15 minuti: una favola.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione