La dieta della quinta stagione: giorno 3.

5 Ott

 

Buongiorno!

Questa mattina non mi sono pesata, perchè credo non sia una buona cosa farlo tutti i giorni se si comincia una dieta. Pesarsi tutti i giorni diventa un’ossessione e, francamente, da un giorno all’altro potrebbero esserci mille fattori che condizionano il peso: l’andamento dell’intestino, un po’ di gonfiore, il fatto che si sia andati in palestra o meno……per cui ho deciso: niente bilancia fino almeno al quinto giorno.

Ieri è andata bene direi: la colazione è stata ok, il pranzo benissimo con la pasta e la zucca, la cena anche perchè di passato di verdura se ne può mangiare a volontà. Ho anche avuto la possibilità di servire quello che ho cucinato al resto della famiglia (per loro naturalmente è stata solo una parte del pasto) e quindi ho ottimizzato i tempi! Ho avuto solo un poco di fame prima di andare a dormire e ho preso uno yogurt.

IL TERZO GIORNO.

COLAZIONE: Un budino alla vaniglia o al cioccolato di quelli già pronti da 100 g. sia che la dieta sia stretta, che un poco più larga…..(slurp…!!) e una mela con la sua buccia. Se non vi piace il budino potete optare per uno yogurt magro 0,1% o di soia, con fiocchi di avena.

SPUNTINO: 100 (150) g. di frutta, quella che volete, anche banana, uva, cachi….ma non fichi, con un tè o tisana senza zucchero

PRANZO: Un hamburger di carne trita magra di normale grandezza, oppure un hamburger di soia, oppure un uovo sodo  accompagnato da un’insalata di sedano rapa e carote crude o da un’insalata verde condita con poco olio ***. Un panino integrale da 60 g. (80).

SPUNTINO: 100 (150) g. di frutta, quella che volete, anche banana, uva, cachi….ma non fichi, con un tè o tisana senza zucchero

CENA: Una zuppa di cipolle ottenuta facendo appassire 2 cipolle tagliate al velo in una padella antiaderente con del brodo vegetale (niente olio) . Quando sono ben stufate aggiungete mezzo cucchiaino di farina ed una spruzzata di Marsala o Porto. Aggiungete dell’altro brodo (circa un bicchiere) e quando le cipolle saranno ben disfate trasferite il tutto in una terrina da forno, spruzzatele con noce moscata, salate e spolverizzate con pochissimo parmigiano. Gratinate in forno a 180° per qualche minuto per portare a doratura. Potete accompagnarla con 20 g. (30) di crostini, meglio se integrali.

Dopo la zuppa potete aggiungere 50 g (80) di ricotta con noce moscata o cannella e 20 g. (30) di pane integrale e un’insalata cruda anche arricchita con qualche champignon e condita con poco olio ***. Se poi volete, potete anche bere un goccio (100 g.) di vino rosso!!

Se avete saltato uno spuntino durante il giorno, potete tenervelo per la sera dopo cena.

*** Avete a disposizione 5 (6) cucchiaini di olio al giorno.

Buona dieta e a domani!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione