La mia pasta e fagioli alla veneta (senza foto…). My pasta and beans venetian style (without picture…)

30 Lug

 

Buongiorno a tutti!!!

A casa mia si cucina la pasta e fagioli alla veneta, perchè la mia famiglia è originaria di quelle parti. La cuciniamo tutto l’anno e l’amiamo molto, fa parte delle nostre tradizioni, dei nostri ricordi, delle nostre radici insomma e ci piace gustarla in compagnia.

In questa stagione, tuttavia, la pasta e fagioli è davvero speciale perchè ci sono i fagioli freschi che sono così buoni. L’altro giorno, infatti, li ho trovati al mercato e ne ho subito acquistati un chilo. Erano belli, pienissimi di semi gonfi e colorati.

A dire il vero non avevo ancora deciso cosa farne, ma poi ho invitato la mia amica Lorena a cena e ho deciso che una bella pasta e fagioli tiepida sarebbe stata davvero gradita. E’ venuta come al solito: densa, saporita e per nulla pesante, così come deve essere una vera pasta e fagioli alla veneta!

Inutile dire che ce la siamo mangiata tutta, ancora prima che mi ricordassi di fotografarla!!

Per 4 persone abbondanti:

  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 1 cipolla pelata e tagliata sottilissima
  • 1-2 carote piccole tritate finemente
  • 1 gambo di sedano tritato se vi piace, io non l’ho messo
  • 1 kg di fagioli borlotti (peso non sgranato), aperti e sgranati
  • 2-3 foglie di salvia
  • 2-3 rametti di maggiorana in onore della Liguria che mi ospita, ma sono facoltativi
  • tanto brodo vegetale q.b. per coprire i fagioli di 5 dita
  • sale q.b.
  1. In una pentola da minestra fate  soffriggere il trito di verdure nell’olio per qualche minuto, a fiamma media, fintanto che non assume un aspetto traslucido: unite qualche cucchiaio  di acqua calda se necessario e cuocete per 5 minuti a fiamma media.
  2. Aggiungete i fagioli sgranati e la salvia con  la maggiorana e fate rosolare per due, tre minuti.
  3. Coprite con l’acqua e cuocete per 1 ora e mezza dall’inizio del bollore.
  4. Tenete la pentola semicoperta, la fiamma bassa e girate di tanto in tanto. Se l’acqua messa non è abbastanza aggiungetene altra, ma che sia molto calda. Se si interrompe la cottura, infatti, le bucce diventeranno dure.
  5. Scolate con una ramina metà dei fagioli con le foglie di salvia e teneteli da parte in una ciotola: unirtevi il  sale e mescolate.
  6. Passate i restanti fagioli nel passaverdure e stemperateli con 4 mestoli di acqua di cottura. Conservate l’altra acqua nella pentola vicino al fuoco.
  7. Aggiungete i fagioli interi e lasciate insaporire una decina di minuti a fiamma vivace.
  8. Unite i fagioli frullati, girate e lasciate riprendere il bollore: regolate di sale.
  9. Quando ha ripreso il bollore buttate la pasta e cuocete mescolando spesso con un cucchiaio di legno, secondo il tempo di cottura indicato sulla confezione.
  10. Aggiungete qualche mestolo di acqua di cottura dei fagioli se la minestra tende ad asciugarsi troppo: tenetela piuttosto liquida perchè a fine cottura tenderà ad addensarsi.
    Mr. Bean and his family

    Image by he_boden via Flickr

  11. Servite con un filo d’olio a crudo.
Hello everyone!At my house we cook the pasta e beans venetian style, because my family comes from those part of Italy. We cook it and we love it all year-long, is part of our traditions, our memories, our roots and we like to enjoy it with friends.In this season, however, the pasta and beans is really special because we can find fresh beans and they are so good!  The other day, actually, I found them in the market, and I immediately bought a kilo. They were beautiful, colorful and so full of swollen seeds.To be honest I had not yet decided what to do, but then I invited my friend Lorraine to dinner and I decided that a nice warm pasta and beans would have been  really appreciated. As usual it was dense, flavorful and not heavy, as it should be a real Venetian pasta and beans!Needless to say, we ate it all, even before I remembered to take a picture of  it!

Serves 4 generous:

  • Extra virgin olive oil to taste
  • 1 onion, peeled and sliced ​​thinly
  • 1-2 small carrots, finely chopped
  • 1 stalk celery, chopped if you like, I did not use it
  • 1 kg of beans (shelled weight), open and shelled
  • 2-3 sage leaves
  • 2-3 sprigs of marjoram in honor of Liguria, but are optional
  • vegetable broth to over cover the beans
  • salt  to taste

1. In a soup pot, fry the chopped vegetables in oil for a few minutes over medium heat, until it takes on a translucent appearance: add a few tablespoons of hot water if necessary and cook for 5 minutes over medium heat.
2. Add the shelled beans with marjoram and sage and fry for two or three minutes.
3. Cover with water and cook for 1 hour and a half since the beginning of the boil.
4. Keep the pot half-covered, low heat and turn occasionally. If the water is not enough add other, but it must be very hot. If you stop cooking, in fact, the skins become tough.
5. Drain with a verdigris half of beans with sage leaves and keep them aside in a bowl: join the salt and stir.
6. Cream the remaining beans in blender with 2 cups of cooking water. Keep the other water in the pot near the fire.
7. Add the beans and cook about ten minutes over high heat.
8. Add the beans, smoothies, stir and continue to boil: salt to taste.
9. When it  boils,  cook the pasta, stirring frequently with a wooden spoon, according to the cooking time indicated on the package.
10. Add some pasta cooking water if the soup beans tend to dry out too much , rather keep it because at the end of cooking liquid will tend to thicken.
11. Serve with a drizzle of olive oil.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione