Panna cotta al latte di mandorle con albicocche. Panna cotta with almond milk and apricots.

6 Lug

Buongiorno!! Oggi ho deciso di proporvi un dolce fresco, per cercare di contrastare la calura di luglio…….che ne dite? Si tratta di una semplicissima panna cotta per la quale ho usato il latte di mandorle al posto del latte vaccino e che ho deciso di arricchire con una composta di frutta perchè…anche l’occhio vuole la sua parte…..! Potete comunque utilizzare qualsiasi frutta, anche le castagne in autunno!

Per 4 persone:

  • 2 confezioni di gelatina in fogli (colla di pesce) che sulla confezione abbia specificato che serva per addensare 500 g di liquido
  • 500 g. di latte di mandorle
  • 500 g di panna liquida
  • 200 g di zucchero
  • una decina di albicocche mature snocciolate
  • zucchero q.b.
  1. Mettete a mollo in acqua solo un poco tiepida la gelatina per un quarto d’ora.
  2. Nel frattempo scaldate a fuoco dolce il latte insieme alla panna e lo zucchero, mescolando per farlo sciogliere.
  3. Appena accenna a bollire, togliete la pentola dal fuoco e unitevi la colla di pesce ben strizzata.
  4. Versate il liquido in coppette, (o bicchierini come ho fatto io) monodose e lasciate raffreddare.
  5. Non appena fredde, mettetele in frigorifero per circa 6-8 ore fino a quando la panna cotta non sarà ben solidificata.
  6. Riempite una teglia con la frutta tagliata, cospargetela con un poco di zucchero, coprite con la carta alluminio  e infornate a 180°C. per 40 minuti circa.
  7. Frullate la frutta e con questa fate uno strato colorato sopra la vostra panna cotta.
  8. Proprio buona.
    Real apricots

    Image via Wikipedia

Hello! Today I’ve decided to post a cool dessert, trying to face the hot weather of July ……. what do you think? It is a simple panna cotta, for which I used almond milk instead of cow’s milk and I have decided to enhance it with a fruit compote … because it must be also nice to see …..! You can use any fruit, even chestnuts in autumn!

For 4 persons:

  • 2 packages gelatin (follow the instructions written on the package to thicken 500 g of  liquid)
  • 500 g. almond milk
  • 500 g cream
  • 200 g sugar
  • A dozen ripe apricots pitted
  • Sugar to taste

1. Soak in warm water the gelatin for 15 minutes.
2. Meanwhile, heat the milk on low heat with the cream and sugar, stirring to melt it.
3. Just mention to boil, remove from heat and add the squeezed gelatine.
4. Pour the liquid into cups (or glasses as I did) dose and let cool.
5. Once cool, place them in the refrigerator for 6-8 hours until the panna cotta will not be well solidified.
6. Fill a pan with the sliced ​​fruit, sprinkle with a little sugar, cover with aluminum foil and bake at 180 ° C. for 40 minutes.
7. Blend fruit with a food processor and make a colored layer over your panna cotta.
8. Really good!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione