Il filetto di vitello cotto sul sale dell’Himalaya. Veal fillets on Himalaya salt.

24 Mag

Continua la fase naturistica e salutistica…..sono sicura che apprezzerete……dato che fa caldo e che lo spettro del costume da bagno si avvicina ogni giorno di più……….dite la verità, quante creme vi siete comprati recentemente? E quante volte avete deciso che dovete mettervi a dieta….? Vi aiuto io dai, oggi cuciniamo leggero che più leggero non si può!

Io oggi ho utilizzato il sale rosa dell’Himalaya perchè è ottimo per la salute: è l’unico che unisce al cloruro di sodio altri 84 microelementi, tutti quelli della tavola periodica, tranne i cosìddetti gas nobili, e poi non è raffinato (ma avete idea della nocività del processo di raffinazione…??!!) Insomma: il sale rosa è molto puro e completo, inoltre ha un sapore meno aggressivo ed è facilmente assimilabile dal nostro intestino.

Ma la cosa migliore è che……….non crea ritenzione idrica!!!!! Non è fantastico? Niente più gonfiori a causa dell’eccesso di sale…..perchè i sali minerali presenti nel sale rosa evitano l’accumulo di acqua.

L’ultima cosa che vi voglio raccontare sul sale rosa è questa: avete presente quelle lampade di sale che si trovano soprattutto nei negozi di cose naturali? Vi siete mai domandati a cosa servono, oltre ad illuminare? Il sale rosa, a differenza di altri tipi di sale, se riscaldato ha una capacità in più: quella di emettere un buon numero di ioni negativi e creare una situazione di caldo secco non replicabile con altre sostanze.

Nell’aria che ci circoda abbiamo i ioni negativi e positivi che sono i responsabili della carica elettrostatica dell’aria. Se i due poli sono in equilibrio fra loro, ci sentiamo bene e respiriamo bene. Ma se l’aria, soprattutto in ambienti chiusi, non viene periodicamente cambiata, con l’uso di elettrodomestici, pc, telefoni e chi più ne ha più ne metta…….l’aria .si squilibra e si carica positivamente, cioè si riempie di ioni positivi, a discapito di quelli negativi.

Le conseguenze possono essere sonnolenza, leggero mal di testa, spossatezza. La così detta “aria pesante”, che in realtà avrebbe solo bisogno di essere equilibrata. Per questo ci vengono in soccorso le lampade di sale rosa, da mettere accanto alla scrivania o vicino alla tv, che liberano grazie ad una particolare reazione molti ioni negativi, che riequilibrano le carenze date dalle nostre attività quotidiane.

Per 4 persone:

Himalayan Salt

Image by foodchronicles via Flickr

  • 4 belle fette di filetto di ottima qualità, tagliate spesse un dito.
  • sale  rosa dell’Himalaya, o altro se non l’avete (io l’ho comprato da tiobiona)
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • aceto balsamico q.b.
  1. ricoprite il fondo di una padella antiaderente con un abbondante strato di sale grosso dell’Himalaya o non.
  2. Scaldate a fuoco vivo affinchè il sale si scaldi e cristallizzi bene.
  3. Quando sentirete il sale scoppiettare, adagiatevi i filetti e lasciateveli cuocere a fuoco vivace, senza bucarli con forchette o altro per un cinque minuti per parte per una cottura media.
  4. Il letto di sale non farà attaccare i filetti alla padella, rendendo così inutile ogni aggiunta di grassi che appesantiscono la preparazione e coprono il sapore della carne.
  5. e alla fine…..magia!! Il filetto non sarà nemmeno troppo salato!!
  6. Ripulite la carne dal sale che vi fosse rimasto attaccato e servitela, così com’è: ogni commensale provvederà a condirla a suo piacimento con un filo di olio a crudo e\o di aceto balsamico.
  7. Buon appetito!!

And we keep going with our  naturist and healthy moment….. …… I’m sure you will enjoy it, as the weather  is hot and  the spectrum of the swimsuit is more and more approaching every day………. say the truth:  how many beauty creams have you bought recently? How many times have you decided that you have to put on a diet ….?
Today I’ve used the pink Himalayan salt as it is good for health because it is the only one who joins the 84 other trace elements of sodium chloride, all of the periodic table, except the so-called noble gases!

It is not refined (but have you  idea of ​​the harmfulness of the refining process …??!!) In short, pink salt is very pure and complete, also has a less aggressive flavor and is easily absorbed by our intestines.

But the best thing is that it does not create water retention !!!!! ………. Is not it great? No more swelling due to excess salt ….. because of the minerals present in the pink salt to prevent accumulation of water.

The last thing I want to tell you on the pink salt is this one: you know those salt lamps which are mainly sold by natural shops? Have you ever wondered what they are, in addition to light? The pink salt, unlike other types of salt, when heated has a capacity in addition: to deliver a number of negative ions and creating a dry heat .

In the air  we have negative and positive ions that are responsible for the electrostatic air. If the two poles are in balance, we feel well and breathe well. But if the air, especially indoors, is not changed periodically, with the use of appliances, computers, telephones and so on, it comes to be an unhealthy air.
This can lead to sleepiness, slight headache, fatigue.

The so-called “heavy air”, which really would only need to be balanced. This is why we come to the rescue of pink salt lamps, to be near the desk or near the TV, which releases, thanks to a particular reaction, many negative ions, which dates rebalance the shortcomings of our daily activities.

Serves 4:

  • 4 slices of fillet of excellent quality, cut a thick finger.
  • Himalayan pink salt, or any other if you have not (I have bought from tiobiona)
  • extra virgin olive oil to taste
  • balsamic vinegar to taste

1. Cover the bottom of a pan with a thick layer of salt or the Himalayas.
2. Heat over high heat so the salt will crystallize and heat well.
3. When you hear the crackling salt, lie down the meat and let it cook them over high heat, without touching with forks, for five minutes per side for  a medium cook.
4. The bed of salt will not attack the fillets to the pan and obviate any added fat that ruin the preparation and cover the taste of meat.
5. And finally ….. magic! The result will not be even too salty!
6. Wipe the meat with salt that had been attacked and serve, as it is: every guest will dress as he likes with a drizzle of olive oil and / or balsamic vinegar.
7. Bon appetit!

4 Risposte to “Il filetto di vitello cotto sul sale dell’Himalaya. Veal fillets on Himalaya salt.”

  1. Lorella maggio 24, 2011 a 08:26 #

    Semplicemente geniale!

    • cuocona maggio 31, 2011 a 12:22 #

      grazie, troppo buona, l’importante è postare ricette intelligenti e affidabili……nooo??? Grazie di cuore

  2. Hilda gennaio 10, 2013 a 22:36 #

    Hello there. Sorry to hassle you but I happened to run
    across your blog website and discovered you happen to be using the exact same template as me.
    The only issue is on my site, I’m struggling to get the theme looking like yours. Would you mind e-mailing me at: hilda_zapata@gawab.com so I can get this figured out. By the way I’ve bookmarked your website: http://cuocona.
    wordpress.com/2011/05/24/il-filetto-di-vitello-cotto-sul-sale-dellhimalaya-veal-fillets-on-himalaya-salt/ and will certainly be visiting frequently.
    Thanks!!

    • cuocona gennaio 13, 2013 a 16:24 #

      so sorry but I have been helped by an expert so that I really cannot help you……let me know if I can do something anyway

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione