New York e Ichi Umi: come ti popolarizzo il sushi (domani nuova ricetta)

13 Apr

Avete presente i nostri ristoranti giapponesi? Belli, un po’ patinati…..con i cuochi giapponesi che non muovono muscolo della faccia: sembrano finti e incutono anche un po’ di suggestione………

Ecco, qui è tutta un’altra storia.

Entrate e vi trovate almeno 20 persone davanti in attesa: scoraggiati andate dalla signorina al banco di accoglienza e chiedete, e quella vi risponde: “5-10 minuti al massimo! ” ahhhh bè….allora ci fermiamo.

Meno di 5 minuti dopo entriamo in una sala grandissima, da ristorante da matrimoni…..con i banconi pieni, ma pieni, di sushi, sashimi, uramaki e quant’altro: mai vista una cosa simile!!

Seduti al tavolo vi chiedono cosa desiderate da bere, ve lo portano e poi………potete servirvi ai banconi tutte le volte che volete.

Il sashimi è strepitoso, freschissimo e anche di tipi di pesce che non avevo mai visto. Il sushi è buonissimo, anche questo così abbondante che non riuscirete sicuramente ad assaggiarne tutti i tipi.

Io adoro gli uramaki e li ho presi tutti, ma proprio tutti….ne ho contate 14 varianti…….tutte spiegate da un cartellino che dice che pesce c’è etc., ah dimenticavo ci sono anche le ostriche di vari tipi e anche quelle a piacere.

Terminata la fase “a freddo” ho voluto assaggiare anche qualcosa del buffet caldo, principalmente pesce e pollo cotti alla maniera asiatica, tipo coreano direi.

Ho saltato i fritti per una questione di dignità personale, e anche gli spiedini ai ferri, e anche le 5 zuppe che erano proposte, dalla miso alla clam…….insomma va bene esagerare, ma c’è un limite no?????

Ho provato però il buffet dei dolci giapponesi, che come sapete mi piacciono molto, erano buoni, non all’altezza di Minamoto però….!  allora mi sono accontentata delle 5 cheese cake proposte……..Ho preso anche la frutta: uva, melone bianco, melone giallo, anguria, ananas……nella pia illusione di aiutare la digestione……

Insomma: se volete provare un’esperienza diversa e mangiare dell’ottimo giapponese (e davvero freschissimo) in un ambiente da mensa aziendale, però divertente, magari prima di andare a teatro o per un pasto in velocità, allora andate da Ichi Umi  e non ve ne pentirete.

Il prezzo? 28 dollari per cena durante la settimana, 32 nei week end…..cioè circa 20 e 24 euro…….non ho parole.

 

 

ICHI UMI

6 EAST 32nd

(212) 725.1333

PRANZO DALLE 11.45 ALLE 15.00 CENA DALLE 17.30 ALLE 10.00

Ci sentiamo domani da Milanooooooooooooooooooooooooo!!!!

3 Risposte to “New York e Ichi Umi: come ti popolarizzo il sushi (domani nuova ricetta)”

  1. Lucia aprile 13, 2011 a 09:07 #

    Carissima, mi fai venire una voglia matta di tornare a New York anche solo per ripercorrere i tuoi passi e provare i gusti e l’atmosfera dei locali che proponi! Lucia

    • cuocona aprile 13, 2011 a 09:48 #

      New York è proprio bella, sempre bella e stimolante….tornarci sarebbe secondo me un’ottima idea!!!

    • cuocona aprile 14, 2011 a 09:03 #

      un viaggetto a NYC con Roberto??? E cosa aspettate??!!!! Forza!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione