Carpaccio di manzo ripieno. – Stuffed beef carpaccio.

10 Mar

E allora…..????!!!!! Dite la verità che pensavate di essere su un blog sbagliato…….??!!!

Ebbene si, sperimentare è bello e con l’aiuto di Daniela, che ringrazio di cuore per la sua disponibilità, stiamo sperimentando una versione più grintosa e pulita.

Che ne dite? Mi date il vostro parere per cortesia postandomelo nei commenti? Sarebbe di grande aiuto….ditemi se si legge bene, se quello che cercate è in evdenza….insomma diteci tutto quello che vi viene in mente e ne faremo tesoro: Graaaaaaazieeeeee!!!!

E ora un’altra ricettina velocissima e davvero gustosa: l’altro giorno ho comprato al supermercato del carpaccio di manzo, primo perchè era bellissimo, secondo perchè fa molto primavera, fuori c’era un bel sole e io avevo voglia di pensare che l’inverno se ne stesse andando.

Bene….dal giorno dopo un freddo polare………ma polare………e io col carpaccio in frigorifero ….che farne? Mica potevo mettere in tavola un piatto freddo……..allora mi sono inventata questi fagottini, e scusate la foto finale, lo so non è bella, ma loro sono buoni e velocissimi, piacciono a tutti, a casa mia sono volati via, come si suol dire!

Per 4 persone:

  • 16 fette di carpaccio di manzo, quindi tagliate sottili e anche piccoline. (se invece le vostre sono sottili, ma grandi, aumentate la quantità del ripieno o tagliate in due le fettine,  il resto non cambia)
  • 100 g. di crescenza
  • 32 fiori di cappero sott’olio, che sono i capperi grossi, quelli che hanno ancora un pezzetto di picciolo attaccato, che io ho tolto, ma potete usare anche dei capperi più piccoli, purchè di buona qualità
  • sale pochissimo
  • olio extravergine di oliva q.b.
  1. Prendete una fettina di carpaccio, appoggiatevi sopra un pezzetto di crescenza e due fiori di cappero, o qualche capperino piccolo.
  2. Chiudete a pacchetto, fermate con uno stuzzicadenti, salate poco e tenete da parte.
  3. Procedete nello stesso modo con tutte le fettine, fino ad esaurimento degli ingredienti.
  4. Scaldate l’olio in una padella e scottatevi velocemente i fagottini facendo attenzione a non aprirli in cottura. Devono solo scottare, bastano 2-3 minuti e se rimangono un poco rossi va benissimo, la carne è sottile e deve rimanere morbida. Salate poco.
  5. Servite subito,: sono fantastici anche per una cena in piedi perchè si mangiano in un solo boccone!!! Si accompagnano bene a del purè di patate, a dell’insalata….a degli spinaci passati in padella e chi più ne ha più ne metta!
  6. Buon appetito!!

“BEEF CARPACCIO STUFFED WITH CHEESE AND PICKLED FLOWER BUDS CAPERS.

I bought some beef carpaccio as I wanted to prepare a nice carpaccio with some nice sauce…..but the weather is so chilly that I understood that it’s not a good idea to set something to be served cold……..so I invented this  rolls stuffed with a creamy cheese and capers: so quick and tasty!!!

Serves 4:

  • 16 slices of beef carpaccio, very thin, otherwise it’s not carpaccio and not too big. If they are big, halve them or double the stuffing ingredients.
  • 100 g. crescenza or soft and creamy cheese
  • 32 pickled flower buds capers or small capers (in this case more than 36)
  • just a little pinch of salt
  • extra virgin olive oil to sautè
  1. Take a slice of beef, place a small piece of cheese and some capers on top of it.
  2. Roll up and secure with toothpicks and  sprinkle with a little salt.
  3. Heat the oil in a frying pan and sautè the carpaccio rolls, leaving them half-cooked. (2-3 minutes)
  4. Serve immediately: they are very nice  for  a buffet dinner together with mashed potatoes, spinach or salad!
  5. Buon appetito!!

4 Risposte to “Carpaccio di manzo ripieno. – Stuffed beef carpaccio.”

  1. cinzia marzo 10, 2011 a 09:28 #

    Ona mi piace . ma.. immagini, foto, unamità in home page .provare con un fondo di colore differente? o incorniciare il lato destro su un fondino differente (si legge poco il color caffelatte con il grigio) utilizzo di Titolo, sottotiolo e testo con corpi e stili (stesso font ma un corsivo per il sottotitolo?
    fare una colonna a sx con le labels (così sei tu a suggeriere agli utenti i temi/ingredienti su cui hai scritto). a me piace leggere su bianco e magari gocare con titoli testatina . ecco direi che manca una testatna Un gafica/foto sul Cocona e una pay off.. se vuoi proseguo.. ma allora faccio prima a farmi mandare a quel paese e farmi dire: fallo tu un blog!!!

    • cuocona marzo 10, 2011 a 15:37 #

      Grazie grazie grazie!!! Passo all’esperta!!!

      • daniela marzo 10, 2011 a 21:45 #

        Ciao Cinzia,

        sono “l’esperta”, come mi ha definito la Cuocona😉 Ho rimesso tutto a posto e portato in default. Ottimi suggerimenti, grazie 1000. Ma qui stiamo decisamente OT! e allora ritorno sull’argomento principe: cucina e buon cibo.

        Ma questo blog è anche per gli amici/che anglofoni/e che si vogliono cimentare nello spignattamento italiano.

        E allora, cara Cuocona, forse saprai già che a Manhattan c’è il tempio del try-before-you-buy: Eetaly, 15mila metri quadrati al 200 della 5th ave, con isole per assaggi a tema tricolore http://eatalyny.com

        ciao!

  2. cuocona marzo 11, 2011 a 09:44 #

    Daniela cosa avrei fatto senza di te….???!!!! Un bacio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione