Un merluzzo fritto con fantasia!

4 Feb

Avevo dei bei filetti di merluzzo che mi attendevano in cucina, ma non volevo la solita frittura e così, complice il libro di Silvena e una delle sue ricette di origine siriana……..ho pensato di sperimentare questa panatura un po’ pazza, ma particolare.

A casa è stato un successo, il merluzzo è “sparito” in un battibaleno!

Per 4 persone

  • farina bianca q.b.
  • 3 uova
  • pane grattugiato q.b.
  • 4 cucchiai di timo
  • 2 cucchiai di maggiorana
  • 2 cucchiai di semi di papavero tostati
  • sale q.b.
  • olio per friggere q.b.
  • 600 g. di filetti di merluzzo puliti e spinati
  1. Preparate tre fondine.
  2. Nella prima versate la farina.
  3. Nella seconda sbattete le uova.
  4. Nella terza mischiate le erbe, il pangrattato, i semini e il sale.
  5. Versate l’olio in una padella a bordi bassi e portatelo a temperatura di frttura (deve essere molto caldo).
  6. Nel frattempo, tagliate i filetti a listerelle.
  7. Passateli: prima nella farina, scrollate quella in eccesso.
  8. Poi nelle uova, anche qui scrollate il liquido in eccesso.
  9. Pr ultimo passateli nell’impanatura alle erbe.
  10. Friggete e servite caldissimi con un contorno di inslata fresca o di purè caldo caldo.

Buon appetito!

“THE HAPPY COD!”

I had some beautiful cod fillet waiting for me in my kitchen and I decided to be inspired by Silvena Rowe’s book and by her recipe coming from Syria.

  • Serve 4:
  • White flour
  • 3 eggs
  • 4 tablespoons thyme
  • 2 tablespoon marjoram
  • breadcrumbs
  • 2 tablespoons poppy seeds
  • salt to taste
  • oil to fry
  • 600 g. (1,35 pound) cod fillet, bones and skin removed
  1. Prepare 3 separate plates: put the flour  in the first.
  2. In the second the eggs, beated.
  3. In the third the herbs and bread mixture.
  4. Heat the oil in a non-stick frying pan and, meantime, cut the fish into thin strips, dust them with flour in the first dish.
  5. Coat them in the eggs in the second dish.
  6. Roll  them into the herbs mixture in the third dish.
  7. Sautè the strips of cod on each side in the frying pan, until golden brown.
  8. Remove and serve with fresh salad or warm mashed potatoes.

3 Risposte to “Un merluzzo fritto con fantasia!”

  1. antonella artale febbraio 10, 2011 a 11:13 #

    Una ricetta semplice…da provare …sarà fantastica…

  2. Rossana marzo 2, 2011 a 09:56 #

    A parte i semini, che i miei uomini non gradiscono, la ricetta mi sembra davvero buona e veloce. Oggi no, perché è un giorno “da incubo”, ma potrei sperimentarla già domani. A proposito di pesce, l’altra sera ho recuperato una ricettina per lo spada che si è rivelata un successone. Quando torni te la racconto.

  3. cuocona marzo 3, 2011 a 22:52 #

    Quando torni….nn sono nemmeno partita…! Racconta racconta che la mettiamo con la tua firma!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fables de Sucre

Fables de Sucre, il blog a quattro mani di Claudio e Eva, che raccontano favole dolci e qualche volta salate, e storie di Casa Fables fatte di amore per la cucina e il cibo

Cooking Loving Sharing

dentro e fuori la cucina

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

Maria Cristina's Kitchen

Il gusto della buona cucina

ci vuole passione

ViaggiandoMangiando

ci vuole passione

feel free, naturalmente, gluten free

Il buon cibo è anche gluten free

la gelida anolina

ci vuole passione

Chez-Babs

ci vuole passione

ci vuole passione

Ecocucina

Laboratorio di ricette per una cucina a costo e impatto (quasi) zero

Associazione La Trottola

... La Bottega delle Cose di Casa d'Altri

Con le mani in pasta

Diario culinario di una mamma metà cuoca, metà contadina

Anice&Cannella

ci vuole passione